Yahoo! Publisher Network chiude… e consiglia Chitika!

Dopo una travagliata vita di quasi 5 anni, ecco che Yahoo! Publisher Network (YPN per gli amici) ha annunciato di chiudere i battenti fra una settimana esatta, il 30 Aprile 2010.

Nell’annuncio sul blog ufficiale di Yahoo! manca però un particolare molto importante, che è invece trapelato nella email inviata ai publisher:

Dear Publisher,

Yahoo! continuously evaluates and prioritizes our products and services, in alignment with business goals and our continued commitment to deliver the best consumer and advertiser experiences. After conducting an extensive review of the Yahoo! Publisher Network beta program, we have decided to close the program effective April 30, 2010. We expect to deliver final publisher payments for the month ending April 30, 2010 to publishers no later than May 31, 2010. All publishers eligible for 1099s for the 2010 tax year will have those mailed by January 31, 2011.

Because our content will no longer be delivered to your ad unit spaces after April 30, 2010, we recommend removing all YPN ad code from your pages by that date.

For the opportunity to continue earning revenue, we suggest using Chitika, a leading advertising network that syndicates Yahoo! Content Match and Sponsored Search ads. Chitika has set up a special process for YPNO beta publishers to participate in its platform. Click here for more information.

We thank you for your participation in the Yahoo! Publisher Network beta. If you have any questions regarding this announcement, please contact our Support Team at (866) 785-2636, Monday through Friday from 7:00 a.m. to 5:00 p.m. PDT.

Sincerely,

Your Partners at Yahoo!

Si, hai letto bene: Yahoo! chiude il Publisher Network (enfatizzando, fra le altre cose, il fatto che fosse ancora in “versione beta”…) e consiglia a chi usava il servizio di passare a Chitika: “per continuare a generare revenue consigliamo di utilizzare Chitika [che] ha messo a punto una speciale procedura per i publisher di YPNO che aderiranno alla sua piattaforma.”

Se dovessi interpretare la cosa direi che è la resa definitiva a Google, che con l’accoppiata AdWords+AdSense ha saputo intercettare tantissimi clienti medio-piccoli, proprio quelli che Yahoo! Publisher Network dichiara di non volere più.

Non è certo un bel segnale per il mercato: il monopolio dell’advertising “self-service” si consolida/concentra nella mani di una unica azienda, e uno dei pochi rivali che poteva (forse) fare qualcosa per intaccarlo si fa silenziosamente in disparte: nel mobile è arrivato iAd, nel real-time Promoted Tweets, ma sul web il solo leader incontrastato e senza antagonisti è Google.

Speriamo in Chitika, a ‘sto punto 🙂

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

6 Comments

  • C’è sempre SIMPLY.COM che avanza inesorabile, continuando a crescere ed a portare a casa advertiser. Probabilmente la forza di SIMPLY oltre alla qualità dei servizi, sta anche nel fatto che è proprietà di DADA tramite NAMESCO Limited

  • Chitika fa parte delle reti certificate di Google AdSense…dice tutto 😉

  • Questa fine di Yahoo Publisher Network era piuttosto prevedibile. Concordo comunque con Jerry, Simply.com si sta dando da fare per cercare di offrire una valida alternativa online a google adsense… Ed oltre a Simply consideriamo che si aspetta ancora il lancio (avverrà? Allo Iab dicevano di si) di Microsoft Adcenter in Italia…

    Staremo a vedere, di certo attualmente il leader incontrastato del ppc è Adsense…

  • Più che Chitika, come ho indicato nel mio ultimo post, terrei d’occhio Facebook anche in chiave ADV.

    Sono fermamente convinto che Google, leader indiscusso, dovrà guardarsi nei prossimi anni dal social di Zuckerberg che, secondo me, sta lavorando incessantemente per cercare di monetizzare al meglio la notevole mole di utenti registrati.

  • Mi dispiace ma sapevano quello che facevano.
    Quando chiedevano al piccolo un versamento di 50 euro per potersi fare un account cosa vuole dire? Secondo me vuol dire: i piccoli non ci interessano.
    Quindi hanno puntato sui grossi e hanno sbagliato mi calcoi. O almeno. i calcoli erano giusti perche in gfondo pure G punta sui grossi inserizonisti, forse avranno sbalgiato la tattica.
    Dal mio/nostro punto di vista non è buono: 2 player è meglio di 1

  • Chiedo scusa per l’ortografia, e me ne vergogno. Capita quando scrivo di fretta, e anche se rileggo non vedo gli errori; si vede che nella mia mente rimane impressa come versione giusta di una parola quella che ho appena scritto. Per cui li per li non vedo errori in “calcoi” o “sbalgiati”.
    Spero si capisca lo stesso, almeno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy