URL corti vs URL lunghi

lunghezza url
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Tutti sappiamo che gli URL relativi a siti e pagine web dovrebbero essere descrittivi, ben formattati, “parlanti”: proprio un paio di giorni fa la cosa è stata ribadita con dovizia di particolari anche sull’ufficialissimo blog di Google Italia.
Oggi voglio però parlarvi non tanto del contenuto dell’URL, quanto della sua lunghezza.

Il contesto è quello delle SERP dei motori di ricerca, ed in particolare delle SERP di Google.
Come ben sappiamo, quando effettuiamo una query in Google otteniamo una pagina composta (di default) da 10 risultati, i quali includono un titolo, una breve descrizione e un URL.
Quello che la ricerca di Marking Sherpa ha scoperto (ne trovate un brevissimo estratto alla pagina 10 di questo PDF) è che gli URL lunghi nelle SERP fungono da deterrente e bloccano l’utente da ciò che è abitualmente chiamato a fare (ovvero cliccarci sopra).
L’utente pare infatti che perda tempo a decifrare ciò che l’URL contiene: questo comporta che spesso finisca col cliccare sul risultato immediatamente sotto all’URL lungo!
In pratica, l’URL lungo crea una sorta di “break” nella SERP, che spinge l’utente a guardare (e quindi cliccare) sulla prima voce appena sotto l’URL lungo.
Il consiglio è quindi semplice: è bene mantenere URL brevi, che consentano all’utente di focalizzarsi sul title, o eventualmente sulla descrizione (ma non sull’URL), e che quindi lo spingano al click sul proprio risultato… oppure bisogna sperare di posizionare le proprie pagine appena sotto a quelle con URL lunghissimi 😀

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

7 Comments

  • Tutto parlate di URL corti e lunghi

    ma nessuno ha parlato di quanto deve essere lungo

    ovvero di quante lettere deve essere composto.

    Reply
  • Tempo fa, allora, avevo fatto bene a consigliare ai miei (pochi) lettori l’utilizzo del solo
    /%postname%
    nel permalink di WordPress! 😉

    Reply
  • Salve
    questo lo si diceva da anni…..utilizzare buoni servizi di Url forwarding ( accorcia url ) gratuiti è buona prassi

    Saluti

    Reply
  • Durante le ricerche in cui osserviamo i navigatori, abbiamo notato (e quindi confermiamo) che alcuni hanno saltato risultati nelle SERP solo perché la URL non li convinceva.

    Va precisata una cosa, però. Spesso i soggetti non erano coscienti di questa cosa. Solo chiedendogli perché avessero saltato un risultato e dopo varie insistenze, arrivavano a capire che qualcosa li aveva disturbati e cosa.

    In generale, quello che notiamo è che disturbano le URL lunghe ed “incasinate”

    Reply
  • Molto interessanti questi risultati, effettivamente un url troppo lungo e che non coincide magari con il titolo potrebbe far pensare ad un sito di spam o poco serio – cmq non in relazione con il contenuto cercato.

    Cmq mi chiedo se sia più importante la lunghezza o invece le parole chiave.

    In fondo tutti sul web invece di leggere fanno skimming, quindi devono essere poche parole, quelle chiave, che saltano agli occhi.

    Reply
  • Sono d’ accordo in pieno Url Brevi anzi Brevissimi .

    Al massimo si puo dividere il testo con una linea…. ma in generale meglio corti ( web usability insegna).

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

URL corti vs URL lunghi
Scroll to Top