Home » Social Network » Più usi Twitter, più “rispondi” ai suoi banner

Più usi Twitter, più “rispondi” ai suoi banner

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Chi usa molto Twitter non ha problemi di banner blindness, e sembra anzi più propenso ad interagire con gli annunci pubblicitari: questo, in estrema sintesi, il dato che emerge da una ricerca di 140 Proof, riassunta da eMarketer in questa immagine:

Risposta agli annunci pubblicitari di Twitter


Lo studio ha rilevato che, a differenza dei classici banner display che vengono ormai quasi completamente ignorati, gli utenti che utilizzano parecchio Twitter hanno un tasso di engagement con i suoi annunci pubblicitari molto superiore a chi lo usa poco.

In pratica, fra gli utenti che accedono a Twitter più di 100 volte al mese tramite client come Echofon, UberSocial e TweetCaster, e vedono una media di più di 1.000 Promoted Tweets, il 20,4% di questi ha interagito – ovvero cliccato, condiviso o retweettato – almeno con un annuncio pubblicitario.

L’immagine qui sopra mostra chiaramente la progressione della “risposta” al banner. Chi si logga poco interagisce poco, chi si logga tanto interagisce tanto: si passa dall’1,57% di chi si logga in Twitter fra 1 e 9 volte al mese, fino ad arrivare appunto al 20,4% di chi supera i 100 login/mese.

Lo studio contraddice quindi il principio secondo cui il tipico power user di Internet è poco cliccoso, e sembra dare una speranza al futuro – soprattutto economico – di Twitter.

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Ciclo di vita di una startup

Una startup dalla nascita fino al consolidamento sul mercato o almeno fino alla perdita dei requisiti propri di una startup, attraversa diverse fasi, le quali

Perché molte startup falliscono?

Molti giovani aspiranti startupper troppo spesso rinunciano all’idea di costituire una startup innovativa spaventati dalla possibilità che l’idea possa non avere successo e comportare il

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *