Home » Social Network » Twitter e testate giornalistiche: l’uso è autoreferenziale

Twitter e testate giornalistiche: l’uso è autoreferenziale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Twitter fa ormai parte del lavoro di praticamente tutte le testate giornalistiche, ma è interessante capire il modo in cui questo strumento viene utilizzato. Quanto spesso si twitta? Che contenuti vengono divulgati? Fino a che punto Twitter è uno strumento di informazione piuttosto che un meccanismo per raccogliere notizie?

Queste sono alcune delle domande alle quali ha cercato di rispondere uno studio condotto dal Pew Research Center’s Project for Excellence in Journalism insieme a The George Washington University’s School of Media and Public Affairs, che ha coinvolto 13 fra le più famose testate giornalistiche.

La ricerca ha esaminato più di 3.600 tweet nel corso di una settimana, mostrando che queste testate utilizzano Twitter in modo limitato, principalmente come strumento per diffondere propri materiali. La condivisione di contenuti di terzi e l’engagement con i follower sono risultati rari. E gli argomenti dei contenuti postati erano spesso identici a quelli presenti sulle tradizionali piattaforme di news.

I link nei tweet delle testate giornalistiche


In particolare:

• In media, le testate giornalistiche offrono 41 “twitter feed” differenti. Agli estremi il Washington Post, con 98 feed, e il Daily Caller, con uno solo. Anche il numero di contenuti postati su Twitter è molto diverso: in media si contano 33 tweet al giorno, con punte massime di 100 e minime di 10.

• La maggioranza delle testate giornalistiche posta su Twitter solo contenuti propri, per portare gli utenti al proprio sito web: il 93% dei tweet contiene infatti link che puntano esclusivamente al sito della testata. Solo il 2% dei tweet analizzati contiene notizie raccolte fuori dalla testata, o informazioni di prima mano di qualche lettore. E solo l’1% sono retweet presi da qualche fonte esterna alla testata stessa (vedi immagine qui sopra).

• I 4/5 dei contenuti promossi su Twitter sono presenti sulle vecchie piattaforme. Come dire che per Twitter non vengono creati contenuti nuovi, ma è solo uno strumento per rilanciare contenuti già presenti altrove.

• Dall’esame di 13 “twitter feed” di singoli giornalisti è emerso che il 3% di questi è una richiesta di informazioni, una percentuale simile a quella delle testate. La differenza è che il 6% dei tweet dei giornalisti è risultato essere un retweet di contenuti di terzi, contro l’1% dei retweet delle testate.

Tutto questo non vuole dire che le testate non interagiscono con Twitter. Potrebbero infatti leggere i commenti dei loro follower, o i singoli giornalisti seguire abitualmente alcuni account o alcune liste. Tuttavia questo studio mette in luce un uso limitato del mezzo da parte delle testate, che non sfrutta la natura interattiva e giornalistica di Twitter.

Questo comportamento, purtroppo, non è nuovo: è dagli albori del web che le testate giornalistiche sono preoccupate di perdere pubblico, e linkano raramente contenuti esterni. E ora Twitter viene usato allo stesso modo, come uno strumento per diffondere solo i propri contenuti, e molto raramente per citare contributi di altri, anche se meritevoli.

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Ciclo di vita di una startup

Una startup dalla nascita fino al consolidamento sul mercato o almeno fino alla perdita dei requisiti propri di una startup, attraversa diverse fasi, le quali

Perché molte startup falliscono?

Molti giovani aspiranti startupper troppo spesso rinunciano all’idea di costituire una startup innovativa spaventati dalla possibilità che l’idea possa non avere successo e comportare il

4 risposte

  1. Anche se è ancora Facebook ad avere il monopolio incontrastato dei Social Network sono convinto che anche Twitter prima o poi sfonderà. Mi fa piacere che inizino ad uscire articoli che ne parlano. Era ora!

  2. Putroppo è spesso così… Twitter per tante persone (giornalisti, politici o grandi nomi), viene usato con un Feed Rss…
    Twitter è una cosa impegnativa, ci vuole tempo, e quindi tanti non vogliono impegnarsi a starci dietro, volendo però esserci lo stesso, perché tanti ci sono… Peccato!

  3. Sarebbe interessante un’analisi parallela rivolta verso i blogger, dalla quale mi aspetto una situazione decisamente opposta. Chissà se qualcuno coglie la palla…

  4. Praticamente viene usato solo come strumento di “rimbalzo” per creare traffico. Twitter ha molte più potenzialità da sfruttare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *