Logo Tagliaerbe

Perché Twitter non vuole i client di terze parti?

Home » Social Network » Perché Twitter non vuole i client di terze parti?

Da una discussione comparsa alcuni giorni fa su Google Groups è emersa la volontà di Twitter di “tagliare” i client sviluppati da terzi, cercando di portare tutti gli utenti del servizio ad utilizzare il client ufficiale.

Il punto chiave del post recita infatti: “Gli sviluppatori ci hanno detto che vorrebbero maggiori indicazioni da noi circa le migliori possibilità per sviluppare su Twitter. Più specificatamente, ci chiedono se dovrebbero creare client/applicazioni che imitano o riproducono il client ufficiale di Twitter. La risposta è no.”

La scusa portata da Twitter è che “according to our data, 90% of active Twitter users use official Twitter apps on a monthly basis”: come dire che 9 utenti su 10 usano già il client ufficiale, e quindi ha ben poco senso investire sullo sviluppo di nuovi client.

E invece i dati di uno studio di Sysomos, effettuato analizzando 25 milioni di tweet postati l’11 marzo 2011, mettono in evidenza un dato ben diverso: i cinguettii che passano dall’applicazione ufficiale sono solo il 58%, mentre il 42% transita su app di terze parti (fra queste nella “top 3” troviamo UberSocial, TweetDeck e Echofone).

Perché dunque Twitter vuole evitare la frammentazione dei client e consolidare tutto sotto il suo cappello? Ufficialmente la scusa è quella di avere una Consistent User Experience, ma io temo invece che sia una questione da un lato di controllo, e dall’altro di pubblicità.

Premesso che non conosco cosa è possibile/non è possibile fare con le API, credo che in Twitter abbiano bisogno che tutti i contenuti passino al setaccio dentro il loro contenitore, sia per motivi di analisi (è da un po’ che si parla di Twitter Analytics), che (soprattutto?) di advertising (vedi i Promoted Tweets).

L’uccellino deve cinguettare dentro la sua gabbia, altrimenti c’è il rischio che non faccia le uova d’oro.

Articoli correlati

Firma elettronica

Firma Elettronica

Uno dei fenomeni che sta prendendo sempre più piede in Italia e in Europa, è rappresentato dalla Firma Elettronica. Questo servizio descrive l’enorme passo in