La Tag Cloud è utile o meno per la SEO?

Sono anni che ho eliminato la tag cloud dal TagliaBlog, ma la moda delle “nuovole di tag” – seppure in costante calo – è dura a morire: le puoi infatti trovare ancora in parecchie sidebar, quasi che per alcuni siano un accessorio imprescindile per la buona riuscita di un blog.

Ma qual’è il rapporto fra tag cloud e SEO? possono aiutare o piuttosto ostacolare il posizionamento?

La tag cloud potrebbe essere considerata keyword stuffing

Una tag cloud è fondamentalmente una lista di link. Se questa lista è corta nulla di male, ma se è troppo lunga (Matt Cutts fa l’esempio di 500 link) rischia di essere considerata alla stregua del keyword stuffing (e quindi danneggiare il posizionamento, anche secondo quanto riportato nelle linee guida di Google sull'”uso di parole chiave in eccesso“).

Il PageRank potrebbe non passare attraverso la tag cloud

Matt Cutts mette in guardia sul fatto che Google potrebbe non essere in grado di far fluire il PageRank in tutti i link presenti nella tag cloud. In altre parole, utilizzando la tag cloud non si ha un pieno controllo sulla distribuzione del PageRank all’interno delle singole pagine del sito o del blog (e quindi puoi dire addio a tutte le tue belle tecniche di PageRank Sculpting…).

Concludendo

Il mio consiglio è quello di non utilizzare la tag cloud, che reputo inutile non solo per i motori di ricerca ma anche a livello di usabilità per l’utente (personalmente non ho MAI cliccato su un link presente in una di quelle nuvole…).

Sono semmai dell’idea di creare delle “raccolte di link interni interessanti”, divisi per categoria/tag, all’interno di una sezione del sito. Un esempio? Nel menu orizzontale in alto ho raccolto tutte le “Interviste” fatte in tanti anni e pubblicate in vari post del TagliaBlog. Nella pagina tutte le interviste sono divise in paragrafetti, ognuno con una breve descrizione, e tutti gli intervistati sono classificati in ordine alfabetico.

Non credi che tale paginetta sia molto più utile per il lettore, e molto più “simpatica” al bot del motore di ricerca, piuttosto che uno sperduto link in una sidebar o dentro una tag cloud?

Condividi questo articolo:
Default image
Max Valle
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.