StumbleUpon è il Social che porta più traffico!

Per farti capire ancora una volta – se ce ne fosse il bisogno – di quanto è diverso l’uso della Rete nei vari paesi del mondo, ti mostro le statistiche di Agosto 2011 relative ai Top Social Media Sites nordamericani, secondo StatCounter:

Top Social Media Sites USA Agosto 2011


Ad accorgersene è stato Mashable, che sottolinea come StumbleUpon costituisca più del 50% di tutto il referral traffic statunitense, contro meno del 40% di Facebook, il 3,5% di reddit e YouTube e il 2% di Twitter.

In Italia sappiamo bene che le cose stanno diversamente, ma non immaginavo fossero così:

Top Social Media Sites Italia Agosto 2011

Facebook supera il 58%, seguito da YouTube (non l’avrei mai detto…) col 33,95%, mentre StumbleUpon si ferma al 4,3%. Ridicola la quota di Twitter, che nel Bel Paese segna l’1,56%.

Eppure il discorso di StumbleUpon e Twitter non mi torna: quasi ovunque vedo il bottoncino di condivisione di Twitter (e praticamente mai quello di StumbleUpon), e per il mio blog Twitter è da tempo nella Top 10 dei referral, mentre StumbleUpon si attesa intorno al 20° posto solo grazie ad un paio di picchi notevoli a inizio anno (in pratica SU è un generatore di traffico a ondate, ma fuori dai picchi non porta nulla).

Che sia il momento di rivalutare StumbleUpon ed inserire il pulsantino sul sito? 🙂

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

22 Comments

  • Beh perchè no… aggiungi il pulsantino e vedi che succede. Se non serve a niente, dopo 3 mesi lo togli 🙂

  • Ma come fa YouTube a portare traffico? Mi sfugge qualcosa?

  • A mio parere se twitter nel tuo caso entra in top 10 è principalmente perchè il tuo è un blog per addetti ai lavori e di conseguenza quasi tutti hanno e usano twitter. In generale invece è ovviamente facebook a farla da padrona….

  • Perché non fai una bella guida sull’utilizzo di SU non sembra così intuitivo…

  • Non so ..so un po´ scettico su questo terzo posto anche perché StumbleUpon non é di certo conosciuto alle masse…peró un test non puó certo nuocere

  • Ad un blog scritto in italiano porterebbe visite “utili” la condivisione in un social molto usato negli stati uniti? si rischia di avere molte visite (magari si condivide con un titolo inglesizzato) per avere un tempo di permanenza sul sito di pochi secondi (lo so, esistono i traduttori automatici, ma secondo voi si “sprecano” a tradurre un testo in italiano nella loro lingua?!…..)

    boh, in italia, per ora, non ne vedo l’utilità 🙂

  • @Samuele: penso nel senso che se fai un video e metti il link al tuo sito nella descrizione, questo è cliccabile e porta visite (e infatti YT è un ottimo strumento anche per acquisire traffico diretto).

    Sorpreso per ST!

  • Confermo i dati italiani (meno su Youtube, ma non posto mai video). Facebook è la mia terza/quarta fonte di visite (TzeTze, OkNotizie, Google, FB) e quella, assieme a google, che più si “autogestisce”.

    Proverò StumpleUpon sia per il blog in italiano e per quello in inglese (che però seguo ed aggiorno molto meno) e poi vedrò un po’.

  • Le statistiche italiane corrispondono esattamente con quelle del mio blog sulla fotografia.
    Basandomi sulla mia esperienza, non su dati scientifici, semplicemente in Italia StumbleUpon non si sa nemmeno cosa sia e solo da poco si sta intuendo qualcosa su Twitter, anche se è difficile far capire la differenza tra quest’ultimo e Facebook.
    Infatti molti tips e tutorial in inglese sono inapplicabili, perchè loro parlano di Twitter, FB, SU e magari anche qualcos’altro, mentre noi abbiamo solo FB, FB ed FB (poi ogni tanto Youtube, ma se non fai video…).
    Peccato perchè StumbleUpon può essere uno strumento utile, dal lato utente intendo.

  • Ma dalle policy di YouTube è consentito portare traffico diretto, ovvero di includere un link nella descrizione ?

  • @Davide, caspita grazie non so perchè ma ero sicuro non si potesse fare…mah! 🙂

  • Porta tanto traffico ma la gente non stà tanto, uno “sfoglia” i siti.

  • Ciao, Molto interessante questo articolo, io credo che però si debba analizzare molto bene quali sono i contenuti che hanno più successo di condivisione su Stumble Upon, io utilizzo ogni tanto questo social e vedo pochi articoli di blog, più spesso vedo immagini, video e altri tipi di condivisione.

  • Jeff Bercovici di Forbes si è chiesto: ma può essere vero che StumbleUpon porti 50 volte più traffico ai siti d’informazione rispetto a Facebook?
    Così ha girato la domanda a Hitwise, un’altra società specializzata nel monitoraggio dei siti.
    Risultato: secondo Hitwise, Facebook porta il 6% di traffico ai siti d’informazione, StumbleUpon lo 0,0099%
    Vedi:
    http://www.forbes.com/sites/jeffbercovici/2011/08/23/does-stumbleupon-really-drive-more-traffic-than-facebook/

  • Da quando il mio canale YouTube è diventato Partner è diventato una importante fonte di traffico verso il mio sito, mentre da Stumble non mi è mai arrivata nessuna visualizzazione. Facebook e Twitter sono pari, ma chi viene da Facebook passa sul mio sito il doppio del tempo.

  • Lavoro nel web da tanti anni, ho molti amici hi-tech e molti ovviamente low. StumbleUpon non lo uso io e non conosco nessuno che lo usa. Twitter lo propongo a tutti i miei clienti (faccio siti internet) ma non porta nulla, Facebook, chi più chi meno, lo usano tutti e porta un minimo di traffico o coinvolgimento. C’è qualcosa che mi sfugge di quel grafico.

  • Il dato su StumbleUpon è un po’ esagerato ma dalla mia esperienza ho notato che porta un po’ di traffico nel lunghiiiiissimo termine.

  • Diciamo che StumbleUpon mi porta qualche visita ogni giorno, mentre twitter zero.

    Nel primo non sono registrato mentre nel secondo sono registrato e lo uso pure.

    StumbleUpon porta traffico a siti web che offrono “cose belle” cioè fotografie, video, descrizioni approfondite su certi argomenti.

    StumbleUpon è più un passatempo creativo, non una fonte di informazione. infatti il motto è “Discover the Web”.

  • Usavo intensamente Stumbleupon e da qualche mese c’ho mollato. In Italia non lo conosce praticamente nessuno e soprattutto bisogna sempre capire non quanti finiscono nel sito, ma chi finisce nel sito.

    Anche OkNotizie ha numeri strabilianti se usato “bene”, ma che tempi di permanenza hanno quegli utenti nel sito? Quanti leggono e quanti ritorneranno?

    I pulsantini nel sito sono uno strumento che in pochi usano, o almeno dai test che feci tempo fa i dati erano miseri: sono più che altro strumenti usati dalle proprie “cerchie”.

  • Dico la mia impressione: StumbleUpon mi sembra piuttosto contorto, le cifre sul suo traffico italiano mi meravigliano alquanto, e dopo un paio di tentativi non sono riuscito a capirlo granchè (boh, sarà un problema mio…). E poi non posso farci niente, l’idea dell’ “inciampo” nei siti tematici mi sembra una cosa un po’ campata in aria. Parere mio, s’intende, che non s’offenda nessuno 🙂

    Credo inoltre che per l’annoiatissimo auditorio medio italiano – che clicca a malapena su facebook.com, Stumble spaventi parecchio, e non verrà facilmente preso in considerazione (vedi quello che dice a ragione merlinox). Mi meravigliano quei dati su Twitter, mi sento quasi orgoglioso ad essere parte di quel 2% circa 🙂

  • Personalmente con 2 piccoli video ho racimolato molte video da youtube…io lo vedo molto potente, mi stupisco che ci sia gente che non lo tiene in considerazione.
    Per contro, Twitter non mi ha portato risultati. Per quello che ho ottenuto io in termini di lincaggio, non ne vale la pena. Meglio Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy