Strumenti Seo per Mac OsX

7,50%.
Questa è la percentuale di utenti Mac che hanno visitato il TagliaBlog nel corso degli ultimi 30 giorni, numero in costante crescita di mese in mese.
Da tempo ho pensato di dedicare a tali utenti un post, ma essendo un “utente PC” (OK, ho un iPhone, ma non sono ancora un vero convertito alla Mela Morsicata 🙂 ) non sono in grado di parlare con competenza del mondo Apple.
Ho quindi chiesto aiuto ad Andrea Serravezza, Seo Specialist in Ad Maiora e editor di SemperSeo (blog sull’ottimizzazione dei siti per i motori di ricerca, web marketing, web analytics e usabilità): ha scritto quest’ottimo (a mio parere) post sugli strumenti SEO per Mac… chissà che non riesca a convincerci a diventare tutti dei “SEOsX” 🙂

E’ da un po’ di tempo che mi ronza per la testa l’idea di questo post. Come ogni Mac User che si rispetti, sono anch’io un evangelizzatore della Mela di Cupertino. Mi sono reso conto che in rete non esiste nulla sull’argomento, nemmeno un articolo dai colleghi d’oltreoceano che di solito arrivano per primi sulle cose.

Uno dei classici problemi che ogni New Mac User ha davanti a sè subito dopo aver acceso il suo nuovo gioiello è: ci sarà la versione per OsX del mio programma preferito? Potrò continuare ad usare i miei vecchi programmi?

Troppo spesso, ma per fortuna sempre più raramente, le Software House decidono di non investire in sviluppo di software per OsX, perchè il bacino di utenti ed il target è troppo ristretto rispetto ai costi di sviluppo.

Ricordo di aver deciso lo switch (passaggio PC->Mac) non appena ho avuto la garanzia di un software di virtualizzazione perfettamente funzionante. Non potevo permettermi di perdere i miei programmi preferiti. Ecco, è stato proprio Parallels che mi ha convinto a fare il grande salto. Devo riconoscergli però solo questo merito. Come il seguito del post dimostra, sono stati soldi spesi inutilmente.
Cominciamo con tutti gli attrezzi del mestiere che ogni buon SEOsX 😉 dovrebbe avere sul proprio Mac.

    1. Firefox: sebbene Safari sia il browser nativo e storico dei Mac, Firefox ed i suoi plugin rimangono uno strumento irrinunciabile per i SEO (e non solo). La versione 3.0 è migliorata molto in termini di prestazioni grazie a parte del codice scritto in COCOA. I plugin compatibili anche con l’ultima release e che suggerisco di utilizzare sono completamente gratuiti:
      a. SearchStatus, l’estensione di Craig Raw offre dei comodissimi shortcut alle query/comandi più usati dai SEO (back link-, site-, robots-checker, whois, etc.);
      b. WebDeveloper, l’essenza dei plugin per Webmaster scritto dal grande Chris Pederick (autore anche del plugin User Agent Switcher);
      c. Rank Checker per controlli al volo dei posizionamenti, per check più approfonditi e avanzati consiglio i programmi desktop più stabili (vedi punto 3.);
      d. Seo for Firefox comodo “nofollow” checker per i pigri oltre ad essere un generatore di serp “inforich”;
      e. User Agent Switcher; qui trovate la lista dei principali user-agent non molto aggiornata. Chris Pederick ci offre un vero simulatore dello spider. Alcuni degli usi che se ne possono fare non sono proprio SEO….. 🙂
    1. Alzi la mano chi non conosce Xenu Link Sleuth per PC? Un software di simulazione dello spider e di analisi dei broken link, dei server headers e dei redirect; per giunta gratuito. Ecco l’equivalente per OsX:
      a. Integrity è la soluzione ideale, con la possibilità di settare anche User-Agent personalizzati. E’ completamente gratuito.
    1. L’installazione di Parallels di cui parlavo all’inizio del post, mi sembrava obbligatoria per non rinunciare allo strumento principe di ogni lavoro SEO: il Rank Checker.
      Il monopolio pressoché indiscusso di WebCeo e la scelta della software house di non pubblicare la versione per OsX, sembrava lasciare poche alternative. Mi sono però imbattuto nella ricerca di uno strumento nativo. Con meraviglia e stupore ho trovato tre strumenti validi ed alternativi al WebCeo virtualizzato (che peraltro funge egregiamente):
      a. Rank Tracker con oltre 365 motori in cui eseguire la ricerca. Abbastanza semplice ma efficace, lontano anni luce dalle features di WebCeo. Due versioni con prezzi e funzioni decisamente differenti: Pro $ 87, Enterprise $ 267.
      b. SERank ottimo prodotto di cui sono Beta Tester ufficiale 🙂 . Anche in questo caso sono due le versioni: Standard $69,95 e Professional $ 99,65. Strumento ancora giovane ma intuitivo ed in continuo aggiornamento. Da tenere d’occhio;
      c. Advanced Web Ranking prodotto stupendo, disponibile anche in lingua italiana, innumerevoli funzioni, supporto e aggiornamenti impeccabili. E’ il WebCeo per OsX, anche se in realtà, la software house ha scommesso su di un prodotto multipiattaforma: Win, OsX, UniX. Meriterebbe un post a parte. E’ offerto in quattro versioni: Standard $ 99, Professional $ 199, Enterprise $399 e Server $ 599. Qui le differenze.
  1. Oltre i numerosi tool online che svolgono un lavoro egregio, spesso si sente l’esigenza di utilizzare strumenti Desktop più avanzati. Alcune funzioni e limiti degli script online, vengono infatti spesso superati grazie a questi software. Sitemap per siti di grandi dimensioni, ID nelle url da eliminare o estensioni di file da filtrare, sono operazioni che solo alcuni programmi sono in grado di eseguire:
    a. iGooMap, è il mio generatore di sitemap preferito. Non perde un colpo, anche se non ha ancora la funzione di simulazione dello User Agent, che troviamo invece in GSite Crawler per Windows (peraltro gratuito). Costo $ 24,95.
    b. Rage Sitemap Automator della stessa casa produttrice di SERank. A mio avviso molto simile al primo software, unica differenza l’interfaccia grafica meno accattivante e meno intuitiva. Del tutto simili anche nel costo: $ 29,95;
    c. Map It Sitemapper. Funzioni molto poco evolute e prodotto oramai datato. Costo $ 19,95.

Spero di aver aiutato quanti hanno ancora dubbi sul passaggio a Mac. Anche per i SEO sembrano non esserci più scuse. Mi auguro anche, dall’altra parte, di aver incuriosito e facilitato l’approccio SEO ai fanatici Mac User.

Stabilità e solidità dei Mac sono quindi a disposizione di tutti i SEO, mentre –forse- nuovi SEOsX nasceranno incuriositi da questo post.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

11 Comments

  • Ottimo articolo, soprattutto perchè sono un mac user 🙂

    Tempo fa anche io mi ero imbattuto nella scelta di un programma che mi agevolasse il lavoro, avevo provato un po’ tutti quelli sulla piazza e anche quelli per windows (grazie non a parallels, ma a virtualbox che è il suo omologo, ma gratuito).

    A me serviva un tracker di keyword, e alla fine scelsi Rank Tracker, soprattutto perchè dopo diversi test risultò il più accurato, anche nei confronti di WebCEO.

    AWR è invece un ottimo prodotto, della stessa azienda di Rank Tracker, se non ricordo male, ne completa le funzioni come ben dicevi tu fino a diventare il vero competitor di WebCEO, l’ho provato un po’, ma poi ho preferito continuare con la mia soluzione ibrida RT + strumenti web con i quali ho maggior familiarità e fiducia 🙂

  • Io sarò un “Mac [book] User” tra meno di un mese… Per ora annoto il post nel blocco notes di Google 🙂

  • Complimenti Andrea! Davvero un post che potrebbe essere archiviato come “guida pratica al SEO su Mac”.

  • Complimenti post completo e utile, anche io sono un mac user e per me, articoli del genere, sono vero oro colato.

    P.s. Invece si parallels, ti consiglio vmware è molto meglio e inoltre ti permette anche di virtualizzare la partizione di bootcamp.

  • @Matteo Crippa
    AWR non è della stessa casa di Rank Tracker. Sono due perfetti concorrenti. Ma io mi trovo meglio con AWR e ALM. WebCeo … che Dio ce ne scampi. Lo dicono perfetto qua e di là … ma ci vogliono 10 minuti per fare il setup di un sito. AWR, due click e un dominio e via.
    Altra cosa … AWR è un prodotto residente, paghi la licenza … ed è tuo fintanto che paghi gli aggiornamenti dei motori. WebCeo pur pagando hai sempre qualcosa di virtuale che dipende da loro. La differenza è minima … ma onestamente quando pago mi piace avere qualcosa tra le mani.

    @All
    Non esistono scuse per non passare a Mac se non i costi di acquisto, che cmq sono ben ripagati rispetto all’hardware che ti porti a casa e alla stabilità del sistema.

  • @SEO in Abruzzo, hai ragione 😡

    Non so perchè avevo in mente Link Assistant al posto di AWR… sarà l’ora tarda 😀

  • @Matteo Crippa, grazie mille

    @DAG, dai Francesco con questo MAC, coraggio!

    @kawa, ti devo un caffè 😉

    @Zio Steve, grazie per i consigli sugli emulatori. Ho deciso di lasciarli lì a prendere polvere 🙂

    @SEOAbruzzo condivido la valutazione su AWR per il quale ho già espresso un ottimo giudizio. Ricordo che AWR è disponibile anche per PC e Linux….

    @all considerate questa lista come aperta e viva. se avete segnalazioni o conoscete altri tool non citati nel post fatemi sapere! Grazie 🙂

  • @Andrea…
    Il mio MAC l’ho già visto, toccato, annusato ed acceso (ma ho proceduto con la configurazione)… Purtroppo devo aspettare il matrimonio…

  • Ciao, cercando una valida alternativa al programma Keyword Fisher per mac.. esiste qualcosa di affidabile?

  • anche io stavo cercando una valida alternativa a Keyword Fisher…
    Certo l’articolo è fatto bene ed è interessante ma avete dato un po’ perscontato che tutti sappiano a cosa servano tutti questi programmi… io me li sono cercati uno ad uno… purtroppo mi sono approcciata adesso alla materia 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy