Perché ti Serve Strategia per il Mobile Marketing

Strategia Mobile Marketing
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Quante imprese conosci che abbiano attiva una strategia di mobile marketing?

Non parliamo di singole attività sui social o sporadiche campagne on-line, ma di un piano completo e integrato di attività, programmato negli strumenti per un periodo di medio-lungo termine. Probabilmente poche.

Secondo uno studio, nel 2015 il 50% delle imprese ha dichiarato di fare attività di digital marketing, ma non avere una strategia precisa, mentre il 16% considera il mobile marketing come attività separata rispetto alle altre strategie di marketing (fonte Smartinsight).

Digital Marketing Strategy

Eppure i dispositivi mobile fanno sempre più parte della vita dei consumatori: tra il 2013 e il 2019 si calcola una crescita del traffico dati del 45% ed entro il 2020 il 70% della popolazione mondiale avrà uno smartphone (fonte Ericsson Mobility Report).

No mobile, no future

I web marketer non possono più ignorare questi numeri all’interno delle proprie strategie, per almeno 3 ragioni: primo, mentre loro indugiano e continuano a considerare il mobile un’area di investimento marginale, aziende più evolute da questo punto di vista possono sottrarre loro importanti quote di mercato.

Secondo, le persone si aspettano una presenza mobile dei brand, dal sito alle app: non essere presenti e attivi fa perdere un importante canale di comunicazione.

Terzo, spesso si dedica poca importanza al digital marketing, perché si ritiene ancora un’area secondaria, da sperimentare solo in determinate occasioni e a cui dedicare un budget marginale. Ma non si considera che disperdere le energie in tante attività singole e slegate tra loro, senza una strategia, fa spendere molto più tempo e risorse di quante se ne impiegherebbero utilizzandone una, ancor meglio se integrata con gli obiettivi del marketing generale dell’azienda.

Ecco quindi alcuni essenziali motivi per cui è importante pensare mobile ma soprattutto avere una strategia per utilizzarlo al meglio.

#1 Per esserci al momento giusto

Il mobile permette di raggiungere le persone nel momento stesso in cui stanno effettuando un acquisto o stanno vivendo una particolare esperienza. Una potenzialità che può essere sfruttata realizzando ad esempio un piano stagionale, che preveda una serie di attività tematizzate in corrispondenza di particolari momenti dell’anno, come Natale, Pasqua, San Valentino e così via, coinvolgendo le persone grazie all’atmosfera del periodo.

Wordlift

Il piano stagionale su mobile dovrebbe comprendere non solo attività promozionali ma anche finalizzate all’engagement: Starbucks ad esempio ha ideato un calendario di iniziative per i clienti che usano la sua app che comprende sia offerte settimanali, sia la possibilità di assaggiare la specialità del periodo, sia ancora di ricevere messaggi d’auguri a tema.

Strategia mobile di Starbucks

#2 Per raggiungere le persone con messaggi rilevanti

Rispetto ai media tradizionali, il mobile permette di raggiungere i consumatori in qualsiasi momento, visto che ogni persona tiene costantemente a portata di mano (e di sguardo) il proprio smartphone, e in molti modi: messaggi e push notification sono mezzi immediati di contatto, che attirano facilmente l’attenzione dell’utente, si stima infatti che il 99% dei messaggi siano aperti entro 90 secondi dalla loro ricezione (fonte Mobilecommons).

Una grande opportunità da inserire nella propria strategia mobile, ricordandosi di non esagerare: troppe comunicazioni, anche sotto forma di una semplice notifica, disturbano gli utenti, come dimostra uno studio dell’Università della Florida.

Meglio pochi messaggi ma mirati e rilevanti per la persona che li riceve. Per ottenere ciò bisogna segmentare il target, individuare le nicchie più interessanti da raggiungere e creare campagne appositamente per loro.

Mobile Smartphone

#3 Per valorizzare la localizzazione

Attraverso Foursquare, Facebook o Google+, le persone possono far sapere dove si trovano attraverso il loro smartphone. Molti brand hanno iniziato a sfruttare questa possibilità come strumento di marketing.

La campagna realizzata in Austria da Nokia invitava le persone a registrarsi presso i punti vendita locali tramite Foursquare, regalando in cambio un paio d’occhiali. Le persone che condividevano sui propri profili social una foto indossando questi occhiali, partecipavano all’estrazione di un premio.

Il risultato dell’operazione è stato un incremento delle vendite pari al 71% e il 21% delle discussioni on-line riguardanti Nokia in Austria nel periodo di riferimento è stato generato dalla campagna.

#4 Per offrire qualcosa in più

Da mobile, sempre più persone accedono direttamente alle app, senza passare dal browser. Nel 2015 sono state scaricate 179,628 miliardi di app in tutto il mondo e si stima che nel 2016 saranno 224,801 miliardi (fonte Statista.com).

Non basta crearne una, per far sì che abbia successo deve offrire effettivamente un valore aggiunto per le persone, in modo che siano incentivate a scaricarla ed utilizzarla. Inserendo la realizzazione della propria app nella strategia di mobile marketing è possibile pianificare con cura il budget disponibile, il target e gli obiettivi specifici che si desidera raggiungere.

Inoltre vanno studiate le keyword più giuste da associare all’app, in modo che sia facile trovarla, anche per chi non è ancora cliente e potrebbe essere interessato ai propri servizi. Va poi creato un nome facile da ricordare e infine realizzata una bella icona coordinata con il brand.

Una volta lanciata, l’app deve essere tenuta in costante aggiornamento, offrendo promozioni e contenuti esclusivi riservati a chi la utilizza, in modo da stimolare gli utenti ad accedervi continuativamente.

#5 Per farsi vedere (bene)

Avere un sito ottimizzato per ogni dispositivo è un punto fondamentale nella strategia di mobile marketing. Il 47% delle persone si aspetta che un sito si carichi sul proprio smartphone entro 2 secondi e il 40% tende ad abbandonarlo entro 3 secondi se non si carica correttamente (fonte Econsultancy).

Inoltre dallo scorso aprile Google ha iniziato a penalizzare nel ranking dei risultati i siti che non sono mobile-friendly (nelle ricerche effettuate sul motore via smartphone), per cui investire in una pagina web ottimizzata, veloce, aggiornata è sempre meno una scelta e sempre più una necessità.

L’investimento può essere anche moderato se si sceglie una piattaforma on-line per realizzare siti mobile. Questi sistemi permettono di realizare un sito in pochi minuti e sono pensati soprattutto per chi non ha competenze di grafica o programmazione.

#6 Per essere scattanti ai desideri dei consumatori

Quando le persone sono sul punto vendita, la comunicazione del marketing tradizionale si ferma a strumenti statici, come totem e manifesti.

Nel momento in cui il mobile entra a far parte della strategia, si aprono nuovi orizzonti: diventa possibile comunicare in tempo reale con le persone che si interessano a un particolare articolo, o cercano una promozione, inviando loro una push notification, oppure invitandoli all’interazione tramite i QR code inseriti accanto ai prodotti.

Il cliente scansiona il codice con il suo smartphone e accede immediatamente alla pagina web del brand o a una landing page con una promozione speciale.

#7 Perché non finisce qui

Quelli che abbiamo descritto qui sopra sono solo alcuni dei motivi per cui conviene dare più valore al mobile marketing in azienda e soprattutto inserirlo all’interno di una strategia. Perché se è vero che il mobile offre tante possibilità in più, proprio per questo c’è bisogno di ponderare le scelte, coordinarle tra loro e inserirle in un contesto di dialogo e confronto continuo con le altre attività.

Ma attenzione: integrare non vuol dire replicare le stesse metodologie del marketing tradizionale su mobile. Bisogna comprendere che si tratta di un mezzo specifico con caratteristiche proprie, molto più diretto, pervasivo e predisposto all’interazione multicanale rispetto ai media convenzionali. Una volta afferrato ciò, si possono scegliere e combinare nel modo migliore tutte le possibilità che il mobile mette a disposizione, certi di comporre una strategia vincente. E questo è solo l’inizio.

Autore: Silvio Porcellana, fondatore e CEO di mob.is.it, per il TagliaBlog.

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

5 Comments

  • Un articolo chiaro preciso e puntuale a testimonianza che il web sta iniziando a soffrire non tanto per le strategie di marketing ma per altri diversi motivi, tra cui la tecnologia obsoleta su cui si poggia: autorisponditori e di conseguenza email ( strumenti di marketing che saranno destinati a scomparire)

    Reply
  • Innanzitutto bel post, come tutti quelli qui sul blog di tagliaerbe.

    Carlo il fatto che tu abbia un percorso impostato per veicolare traffico dai social al sito, precisamente su landing page, è ottimo, infatti come dici tu stesso riesci anche ad ottenere contatti.

    Se però non riscontri acquisti del prodotto mi sorge il dubbio che o vi è un problema di contenuti relativi alle successive mail, oppure un problema di identificazione/profilazione del target.

    Il vero valore aggiunto del mobile marketing è la profilazione dei clienti e dei leads.
    Come scrive l’autore è vero che contenuti di valore e integrazione sono fattori indispensabili, ma questi non possono portare i risultati dovuti dallo sforzo senza che vi sia alla base una chiara strategia per ogni tipo di cliente che si vuole raggiungere.

    Sono su strada quotidianamente a contatto con imprenditori locali ed ogni giorno mostro loro il ritorno che può portare una buona profilazione dei loro clienti.

    Forse, e dico forse perché non conosco il tuo caso, dovresti lavorare su quella.

    Reply
  • faccio mobile marketing su facebook, tanti clic a prezzi bassi… anche una discreta percentuale di email lasciate su landing page su sito ottimizzato per mobile… acquisti del prodotto però: zero….

    Reply
  • Ciao Samuele
    hai perfettamente ragione, ma come per ogni tecnologia c’è bisogno di un periodo di apprendimento per capirne l’utilizzo più efficace.
    Il nostro compito allora, come marketer e sviluppatori, diventa quello di formare e informare sulle opportunità di questi nuovi strumenti – ovviamente formandoci e informandoci per primi noi stessi… 😉

    Reply
  • Che il mobile sia il futuro è chiaro più o meno a tutti, ma è chiaro unicamente come percezione e non come reale comprensione delle potenzialità.
    Ad esempio ho notato un crescente uso delle notifiche push in ottica “newsletter” portando l’utente ad esserne assuefatto, mentre facendone uso sotto un’ottica soggettiva e mirata si può dare realmente un valore aggiuntivo…
    Solo la mia personale opinione

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Perché ti Serve Strategia per il Mobile Marketing
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi