Home » Social Network » I Social invadono Google (nelle SERP dei Personal Brand)

I Social invadono Google (nelle SERP dei Personal Brand)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Per farsi una idea del peso che Google dà ai social nelle query riguardanti i personal brand, Conductor ha preso i nominativi di una lista pubblica di Robert Scoble su Twitter che include 500 fra i tech blogger più influenti del web – lista denominata Tech News People – e l’ha data in pasto alla sua piattaforma SEO Searchlight.

Questi i risultati:

Presenza dei Social nella prima pagina delle SERP di Google


• Twitter è il social più presente e anche il meglio posizionato: nel 91% dei casi c’è un riferimento all’account Twitter nei primi 10 risultati di Google, e nel 62% il link è nei primi 3 posti della SERP

• LinkedIn è secondo, e supera Facebook sia a livello di presenza assoluta (67% contro 52%) che di posizione (Facebook figura nei primi 3 posti solo nell’8% dei casi)

• Interessante la presenza di Quora al quarto posto, che supera pure lo stesso Google+ di 4 punti percentuali. Anche Google+, come Facebook, ha un bassissima presenza nella “top 3” delle SERP del motore di ricerca (solo il 5%, contro il 36% di Quora)

• Sorprende infine MySpace, che nonostante venga considerato un social moribondo è presente in quasi 1/5 delle prime pagine di Google, mentre Pinterest, il social network più chiacchierato del momento, non è mai comparso nei primi 10 risultati.

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Startup innovative: Work for Equity

Tra gli strumenti volti a favorire la crescita delle startup innovative vi è il work for equity una possibilità ancora poco utilizzata dalle società e

2 risposte

  1. Del resto quale miglior modo per fare personal branding se non tramite social?! 😀
    Contento che questi dati diano ragione scientificamente delle mie supposizioni 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *