Il fenomeno della Social Discovery

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Se un paio d’anni fa la parola magica nelle app mobile era Location Based Social Network, da qualche mese a questa parte è emersa l’evoluzione di questo fenomeno, che ha preso il nome di Social Discovery.

Non voglio con questo dire che Foursquare o Gowalla siano morte (quest’ultima, a dire il vero, sì 🙂 ), ma la dozzina di app più “calde” dell’ultimo SXSW non erano certo focalizzate sul caro e vecchio check-in – che francamente non è nemmeno più l’obiettivo di Foursquare – ma su qualcosa di più legato al “conoscersi di persona”.

Gli attori emergenti in questo scenario portano i nomi di Highlight (probabilmente l’app che ha ricevuto maggior copertura mediatica), Banjo, Sonar e Glancee (quest’ultima startup, nata dalla mente italiana di Andrea Vaccari, è stata di recente acquisita e “sciolta” all’interno di Facebook), e più o meno tutti, anche se con sfumature diverse, lavorano su questi 3 livelli:

• geolocalizzazione dell’utente tramite smartphone
• ricerca di contatti nelle vicinanze (con gusti/interessi simili, o basati su amici comuni)
• connessione reale (e non virtuale) fra le persone

Ma come fanno queste app a conoscere a priori il profilo degli utenti da mettere in contatto, evitando di creare da zero l’ennesimo social network? Molto semplicemente, la stragrande maggioranza di queste si appoggia a social già esistenti, principalmente Facebook.

Ed ecco spiegato il motivo per cui Facebook ha dapprima fatto una operazione di acq-hire su Glancee, e ha poi sfornato una funzione denominata “Friendshake” – rinominata subito dopo “Find Friends Nearby”.

Facebook Find Friends Nearby

La nuova funzionalità, raggiungibile via mobile all’indirizzo http://fb.com/ffn, è stata però soppressa a poche ore da lancio. Il motivo non è chiaro al 100%: potrebbe essere la causa legale prospettata da Friendthem – ennesimo player nel settore del social discovery – il cui CEO afferma di aver discusso l’idea durante una cena con un dirigente di Facebook poco prima – guardacaso – del rilascio di FFN.

O potrebbero essere problemi di privacy/sicurezza: proiettare un “Trova amici nelle vicinanze” su un pubblico di circa 500 milioni di utenti mobili, potrebbe causare a Facebook qualche grosso grattacapo giudiziario, se il servizio non fosse gestito con tutti gli opt-in e opt-out del caso. Ci vuole infatti ben poco ad immaginare il rischio di un social stalking sistematico.

Quello che però posso constatare e l’ascesa di un fenomeno, non so ancora quanto duraturo, del quale vorrei ricordare questa data di nascita: 23 Marzo 2011.

Quel giorno, una sconosciuta startup di nome Color annunciò di aver raccolto la cifra pazzesca di 41 milioni di dollari, con l’obiettivo di lanciare un’app per iPhone e Android dove le connessioni fra persone si stabilivano dinamicamente, al volo, solo per il fatto di essere a qualche metro di distanza l’uno dall’altro.

L’app fu un flop clamoroso – al punto che oggi ha cambiato completamente modello di business – ma forse un giorno a Color verrà riconosciuto il merito di aver lanciato un nuovo filone: se e quanto sarà remunerativo, e se finirà tutto nelle mani di Facebook, lo si vedrà nei prossimi mesi.

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

6 Comments

  • La potenza e la pericolosità, termini più che mai azzeccati, strumenti che van presi con le pinze, altrimenti l’idea del social stalking è più che mai a portata di mano e più che inquietante.

    Reply
  • Ormai le APP sono pane quotidiano per qualasi grossa azineda che vuole pubblicizzare i propri prodotti o interagire con i propri consumatori. Facebook e Google Plus giocheranno un ruolo fondamentale in questo settore.

    Reply
  • I location based services applicati ai social network possono essere strumenti davvero potenti.. e pericolosi! 😀

    Non concordo solo sulla nascita della social discovery: per quel che posso segnalare io, nei vari Navteq Global LBS Challenge si trovano già degli esempi dal 2007, come Loopt (oggi app per android e iphone) e sicuramente ci saranno sperimentazioni anche precedenti.
    (slideshare.net/robertasanzani/local-based-service-stampata-presentation)

    Reply
  • Applicazioni estremamente interessanti!
    Penso siano utili soprattutto per il marketing, alla fine queste applicazioni sempre li vanno a parare! Speriamo che la privacy venga però gestita in modo serio, e non commettendo errori che Facebook spesso ha commesso (volutamente o non).

    Reply
  • Sembrano applicazioni interessanti. Un pò tutti gli utenti di Internet che amano conoscere altre persone utilizzando anche strumenti come smartphone, hanno l’ interesse a contattare più facilmente altre persone, che non si trovino troppo lontane dal luogo in cui abitano.

    Reply
  • Però sarebbe veramente bello che un app, senza stare a dare consensi o altro, riuscisse a connettersi “al volo” in prossimità degli utenti che hanno anche loro l’applicazione e magari, attraverso dei filtraggi sui profili, mettesse in comunicazione i vari utenti.

    Sarebbe molto interessante, magari abbinandola ad un circuito pubblicitario fatto molto bene.

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Il fenomeno della Social Discovery
Scroll to Top