Sui social banner, si clicca di più?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Kleecks

Nei giorni scorsi ho parlato sia dello scarso appeal della pubblicità nei social, che dello scarso appeal di Google+.

In una recentissima intervista rilasciata al NYT Vic Gundotra, Senior VP del “Social Business” di Google, ha invece ribaltato entrambi gli aspetti, soprattutto quello relativo agli annunci pubblicitari.

Secondo Gundotra, i social banner di Google hanno avuto una notevole crescita dal punto di vista dell’engagement.

“Abbiamo notato un aumento del 5-10% del CTR su ogni nostro annuncio pubblicitario che presenta una ‘social annotation'” ha affermato Gundotra. “Facciamo questo business da molto tempo, e ci sono state pochissime cose in grado di aumentare l’engagement del 5-10%”.

Mashable fa notare che per il social advertising su Facebook i dati sono ancora più confortanti. Secondo un recente studio di Nielsen su 79 campagne pubblicitarie su Facebook, condotto lungo un periodo di 6 mesi, l’Ad Recall di un annuncio pubblicitario è risultato superiore del 55% rispetto ad uno non-social:

Ad Recall

in altre parole, il messaggio pubblicitario veicolato attraverso un banner sociale, ha il 55% di probabilità in più di essere più ricordato in un secondo momento, rispetto a quello di un annuncio posizionato fuori dal social.

E secondo un altro studio di TBG Digital di un annetto fa, gli annunci pubblicitari all’interno delle Sponsored Stories di Facebook hanno registrato un CTR del 46% più alto, un costo per click del 20% più basso e un “costo per fan” del 18% più basso rispetto ai banner standard di Facebook.

La pubblicità all’interno dei social – e i social banner – posso risultare fastidiosi e “interruttivi”, ma alla fine sono più cliccati e rimangono impressi nella memoria. Dunque sono più efficaci?

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Work For Equity

Startup innovative: Work for Equity

Tra gli strumenti volti a favorire la crescita delle startup innovative vi è il work for equity una possibilità ancora poco utilizzata dalle società e

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *