SEOmoz spiega le penalizzazioni di Google

Torno sull’argomento penalizzazioni perchè poche ore fa randfish di SEOmoz ha pubblicato una “Guida per principianti ai miti, alle penalizzazioni e allo spam” davvero notevole.

Ne ho estratto e tradotto questo significativo flowchart sul “Come gestire una penalizzazione da parte di Google”:

Penalizzato da Google: SI o NO?


Il tuo sito risulta indicizzato (scrivendo in Google site:urldelsito.com)?

Se la risposta è NO: il sito è probabilmente bannato. Verifica cosa ti dice Webmaster Central, e compila una richiesta di riconsiderazione quando avrai rimosso i contenuti spammosi 🙂

Se la risposta è SI: Il tuo sito risulta ancora posizionato per il suo nome a dominio (o altri termini che identificano univocamente il brand)?

Se la risposta è NO: stai probabilmente soffrendo di una penalizzazione legata ai link o ad una attività di spam on-site (cloaking, keyword stuffing, etc). Per prima cosa, rimuovi tutti i link in uscita verso siti negativi, stoppa tutte le campagne di link a pagamento (che Google potrebbe aver scoperto) e fai pulizia di tutti i problemi on-page. Fatto ciò, vai in Webmaster Central e fai un richiesta di riconsiderazione, ammettendo che hai utilizzato tecniche scorrette e promettendo che non ne farai nuovamente uso.

Se la risposta è SI: Quando cerchi con 5-6 termini che si trovano nel tag Title delle tue pagine, trovi il tuo sito entro i primi 10-20 risultati?

Se la risposta è NO: probabilmente molti dei link che ricevi hanno perso il loro valore. Il Google Spam Team identifica ed elimina ogni giorno il valore contenuto nei link di molti siti e network. Vai in Webmaster Central e fai un richiesta di riconsiderazione, scusandoti dei tuoi bad link e chiedendo perdono. Quindi procurati ottimi link di alta qualità e naturali, che ti aiuteranno a posizionarti nuovamente bene.

Se la risposta è SI: non sei penalizzato, probabilmente hai solo perso alcune posizioni. Procurati link naturali e di alta qualità, e fai una verifica dei tuoi fattori SEO on-page.

Fonte: Rewriting the Beginner’s Guide Part IX: Myths, Penalties and Spam.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

15 Comments

  • Il mio sito ha avuto una super penalizzazione il mese scorso per 24 ore (ero dopo il primo si nello schema).

    Ho eliminato tutto cio che potevo levare e sono tornato su.

    Più tardi ho capito chi era il responsabile, un banner pubblicitario della azienda klikir molto comune e molto usato che faceva un redirect strano.

    Quel giorno ho perso 10 anni….

  • Segnalo che proprio ieri abbiamo tradotto lo stesso grafico, rifacendolo daccapo con Lucidchart 😉

  • Mi sembra strano che chiedendo perdono, Google ti perdona.

    Mica Google è il nostro prete a cui dobbiamo
    confessare i nostri peccati!

    Francesco Martino

  • Io non capisco il passaggio della Manipulative Link Activity, probabilmente per ignoranza in materia. Cioè se io vendessi link nella mia barra laterale, questo mi farebbe penalizzare? E come fanno a dimostrare che un link è venduto o solo un omaggio che ho fatto ai colleghi blogger (blogroll) che più mi stanno simpatici. Questo è il mio dubbio…

  • Grazie per la segnalazione, quell’articolo me l’ero perso 🙂 Comunque mi sembra di capire che sostanzialmente molto si basa su una revisione umana dei link da parte di qualcuno.

  • Ciao, avevo lasciato un commento nello scorso post sulla sand-box nel quale descrivevo la situazione con il blog di mia moglie, che da settimane era scomparso dall’indice google. Le ho provate tutte ho chiesto aiuto su vari forum.
    Ho eliminato qualsiasi fonte di possibile, anche vago, problema (tags, link strani, ecc)
    Poi stamane, dopo aver letto l’articolo qua sopra ho deciso di prostrarmi al cospetto di google e ho fatto richiesta di ammissione. Il risultato? Ma per ora, incrociando le dita, sembra ritornato tutto alla normalità, speriamo duri….

  • @Francesco Martino: ricordati che Google è americano. E gli americani ragionano così. Se riesci a dimostrare la buona fede o un sincero pentimento, funziona.

  • @ Martino mio omonimo, ma forse è il nome

    Allora bisogna correggere quella frase che dice:

    Gli americani so’ forti

    in

    gli americani so’ scemi

  • @Martino, se mi spieghi perché sarebbero scemi, te ne sarei grato. A me queste prese di posizione a cavolo mi danno molto fastidio e dimostrano la stupidità di chi le pronuncia 😉

  • Non sono scemi. Fin troppo sibillini semmai.

    🙂

    In effetti – anche stavolta – il tema del Manipulative Linking Activity è del tutto lasciato all’interpretazione.

    MI chiedo: al di là dei link a pagamento – o della loro individazione – cosa è considerato una ‘manipolazione’ del ranking e quali sono gli ‘High quality, Non-Manipulative Links’?

    Quelli gratis? Ok. Quelli ‘spontanei’? Ok.
    E cosa c’è di più soggettivo e opinabile della spontaneità?

    🙂

  • Non ho affatto scritto che sono scemi 😉

    Ricordiamoci che hanno un sistema giuridico diverso dal nostro e sui “reati” sono abituati a ragionare diversamente. Se fai una cosa una volta, ti fanno mettere per iscritto che prometti di non farla più.

    Ma non perché sono scemi.

    Ma perché se lo fai di nuovo, dopo averlo promesso, è un’aggravante.

    Infatti fossi in voi eviterei di fare il furbo una seconda volta…

    @www: concordo in parte sul discorso della Manipulative Linking Activity, anche se sono sicuro che un margine di individuazione “algoritmica” c’è di sicuro. I link manipolati ad esempio tendono a crescere molto in fretta e secondo un pattern di rete che appare sicuramente “artificiale” ad un’analisi matematica.

    Per quello sono importanti le tecniche di Link Baiting: perché fanno guadagnare molto link, anche in breve tempo, ma secondo un pattern “naturale” (più caotico)…

  • Non condivido assolutamente il diagramma e l’opinione di seomoz.
    Nel senso che conosco un sito che risponde sì a tutte e tre le domande ma è stato penalizzato da Google perché vende link.
    Se per penalizzati, non ci si riferisce alla barretta verde allora è un altra cosa.
    Ma a mio parere un PR in calo (magari un brusco passaggio da 5 a 2), non penso sia una promozione 🙂

  • mi sembra una semplificazione eccessiva della questione..

  • Sembra proprio che abbiamo un Dio in cielo e un Dio in terra chiamato Google, quest’ultimo ha la capacità divina di portare il nostro sito in paradiso a godere dei tanti visitatori che il nostro Dio ci dona giorno dopo giorno e in più ci da il pane con adsense, basta adorarlo e seguire le sue leggi ma…attenzione…Dio Google non perdona chi esce dalla via da esso stesso tracciata, dal paradiso ti porta all’inferno, niente visitatori, niente pane quotidiano e carestia fino a quando non ci postreremo davanti ad esso, chiedendo umilmente perdono e stracciandoci le vesti prometteremo di non farlo mai più!!!
    Ragazzi…ma scherziamo o diciamo sul serio, siamo in un regime autocratico che fa il bello ed il cattivo tempo a suo piacimento, quello che mi rompe tantissimo è che non c’è un’altro motore in grado di stracciarlo o perlomeno di competere, i colossi di una volta…vedi altavista, yahoo, msn ecc…sono diventati solo come dei moscerini della frutta che al massimo riescono a solleticarlo ma niente di più.
    Google ha stravolto tutto e con il nostro aiuto, noi lo abbiamo fatto crescere ed ora è diventato così grasso (la parola “Grande” non gli si addice) si diverte a dettare le sue regole, vero è che le regole sono necessarie per evitare il crearsi di una giungla, ma è altrettanto vero che se è il solo a leggiferare…permettetemi di dire che siamo in un regime, in una democrazia come in un mercato libero, si deve avere la possibilità di scegliere da chi essere governati, ebbene questo non c’è, qualcuno potrà dire…ma ci sono altri motori…sei libero di ignorare Google e per esempio affidarmi a Yahoo, vero, il problema è che Google porta nel tuo sito almeno l’80% del traffico, il resto se lo dividono gli ex grandi come Yahoo.
    Rimango in attesa di un’alternativa che tarda ad arrivare, qualcuno dice cuil, altri bing, vedremo, ma finchè non ci sarà un valido competitor saremo sempre come foglie al vento…il vento che soffia Google e che non serve a fare volare le foglie ma anche a gonfiare, gonfiare cosa? Fate voi.

    Un saluto affettuoso
    Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy