SEO low cost

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Sicuramente, durante le tue navigazioni online, ti sarà capitato davanti qualche sito che propone servizi di posizionamento ad un prezzo ridicolo (un esempio a caso, il Search Engine Visibility di Godaddy):

O magari qualche strana email che ti propone un servizio di visibilità sui motori di ricerca a 99 dollari.

Si tratta di truffe? Se non è così, dove sta il trucco?

Secondo alcuni, i servizi SEO “flat rate” sono vere e proprie fregature. E in effetti puoi facilmente intuire che la SEO non può essere un vestito buono per tutte le taglie, ma semmai è un abito cucito su misura del committente.

Esistono infatti settori più o meno competitivi (qualcuno ha detto “turismo”? 🙂 ), all’interno dei quali esistono SERP più o meno competitive, vuoi per i termini interessati (scalare “hotel roma” sarà probabilmente più difficoltoso che scalare “hotel morterone”), vuoi per la preparazione degli operatori SEO che agiscono in quel settore (nel turismo è una lotta senza quartiere, magari nell’industria metalmeccanica un pò meno).

E ovviamente, all’interno dello stesso identico settore e SERP, puoi trovarti a dover posizionare due siti completamente diversi: magari uno con ottimi contenuti e una solida architettura di base, e un altro completamente in flash e senza una riga di testo.

Ecco perchè la “SEO a prezzo fisso” non è un menu che può soddisfare tutti i palati: chi la vende è sicuramente poco professionale e poco serio, chi la compra è a dir poco uno sprovveduto.

Quindi, aderendo a queste proposte, cosa otterrei? Queste offerte includono solo una “infarinatura SEO” di base, automatica o semi-automatica.

Per esempio, a livello di fattori “on-site” vengono proposte delle buone pratiche e linee guida da seguire, circa l’uso corretto dei tag e degli Hx. A livello di “off-site”, fa solitamente parte del pacchetto la submission a decine/centinaia di motori/directory.

Queste cose sono dunque inutili? Non del tutto. Sistemare un pò il codice delle pagine web e prendere qualche link, non dovrebbe far male (a meno che i link in questione non provengano da siti davvero spammosi).

Wordlift

Ma la SEO è tutt’altra cosa. A parte il discorso link naturali/di qualità (che riveste ancora una enorme importanza, e che nessun servizio “flat” sarà mai in grado di fornire), si sta sempre più scivolando nel social, nella presenza online su piattaforme come Facebook e Twitter e nell’interazione continua con clienti/utenti. E, ovviamente, è importante provvedere ad un costante lavoro sui contenuti, non solo testuali ma anche in altri formati (uno fra tutti, quello video). Per non parlare del monitoraggio di ROI e conversioni, naturale epilogo di ogni investimento.

E non credo che tutto questo possa costare 99 dollari all’anno 🙂

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

32 Comments

  • Mi associo a Marco Massara

    ***
    Io propongo: facciamo post, articoli, 3D, interveniamo
    in ambiti social diversi dal nostro dicendo che:

    “Internet è il primo investimento!”
    quando ci su vuol promuovere.

    Dipende molto da te e da me: da noi.
    ***

    Il problema è che i clienti ancora scelgono i fornitori in funzione del prezzo nel 99% dei casi. Dobbiamo creare una coscienza comune sull’argomento impegnandoci tutti insieme…

    Reply
  • Ben inteso che Sportelli ha sempre ragione ;), io ritengo e vedo
    che l’ottimizzazione onsite delle pagine + directory è ormai lavoro delle buone
    web agency, di chi fa siti.
    Noi non facciamo siti ma abbiamo scelto buone web agency come partner! Trovarele e vagliatele bene!

    Dei low costosi ne hanno piene anche i clienti…
    Ormai la serp è una universal serp…
    Le kw puzzano di vecchio vuoto…

    Le aziende stanno capendo che Internet è il primo investimento:
    magari adesso lo capiscono il 20%…
    Io propongo: facciamo post, articoli, 3D, interveniamo
    in ambiti social diversi dal nostro dicendo che:

    “Internet è il primo investimento!”
    quando ci su vuol promuovere.

    Dipende molto da te e da me: da noi.

    Marco

    Reply
  • @Guadagnare Online
    Condivido quello che dici; infatti la guida da 99 euro è di gran lunga differente del servizio offerto a 99 euro.
    La guida te la prendi, te la studi e ne trai le tue conclusioni che posono essere anche completamente diverse e non condividire quello che hai letto.
    Il servizio lo devi prendere per quello che è.

    Se è stato fatto un preventivo di spesa, quindi fissato un prezzo, vuole dire che quei 99 euro prevedono già un certo numero di attività, oltre le quali necessariamente bisognerà pagare oltre.
    Questo senza contare che quelle attività sono assolutamente non calibrate sulle esigenze del cliente. Il cosidetto pacchetto chiuso che non ho mai condiviso come filosifia e mai lo farò.

    Reply
  • @Guadagnare Online
    Punto di vista assolutamente ineccepibile. Condivido in pieno!

    Reply
  • @Andrea Moro:
    Uno dei problemi di internet è il generare commenti affrettati. Chi mi conosce sa bene che passo molto tempo a studiare, cercando di imparare il più possibile, il problema che affligge l’Italia anche online è la mancanza dello spirito di condivisione, sono in pochi a condividere, e se è vero che online, su blog di settore, si trovano parecchie informazioni, probabilmente se una agenzia seria (non voglio fare nomi) si propone di vendere una piccola guida a 99euro piuttosto che 500 euro, probabilmente lo fa perchè vuole arrivare anche a chi non può permettersi di spendere 500 euro.

    Online, lo sappiamo tutti, ci sono tanti “piccoli pesci”, e ci sono stati molti “piccoli pesci” che con il tempo sono diventati sempre più grandi.

    Per non andare oltre (ci sarebbe da scrivere un giorno intero e più) concludo dicendoti che, se si vuole fare un lavoro SEO serio, non bisogna affidarsi a chi si vende (magari anche bene) come SEO Specialist, ma ad una agenzia che sappia come va fatto il lavoro, con un programma di ottimizzazione che duri un tempo consistente (la SEO non si fa in due settimane….)

    Questo ovviamente è il mio punto di vista 😉
    Buon lavoro a tutti

    Reply
  • @Andreas

    esatto. Talmente tanta amarezza, ma molto piu’ in generale per il sistema italia, che tre mesi fa me ne sono andato dalla “repubblica delle banane” in cui vivevo pure io.

    Reply
  • @ Andrea Moro
    Posso solo condividere. Ma sento anche un velo di amarezza. Condivido anche quella ….

    Reply
  • @Andreas

    Ok, adesso e’ piu’ chiaro. Per carità, a spiegare cosa è una SEO agency lo si può anche fare, ma come giustamente hai evidenziato siamo sempre noi che giriamo sugli stessi clienti.
    Raramente i clienti vengono fino a qua, nonostante queto blog, come molti altri, sia perfettamente accessibile e individuabile nel calderone dei siti oggi disponibili.
    Tuttavia, non credo che pur spiegando in maniera molto sintentica cosa faccia una SEO Agency, non in questo contesto, possa in qualche modo essere d’aiuto ai potenziali clienti.
    Ci vuole moooooooolta evangelizzazione ancora, ma prima di quella tanta fiducia e possibilmente meno rovina mercato.

    Reply
  • Perché state li a dimenarvi in tortuose conversazioni? Fatevi pagare quello che ritenete di valere e soprattutto per quello che siete capaci di fare. 99 £ obbiettivamente è una cifra irrisoria. Io personalmente cerco di coinvolgere il cliente per fargli capire la mole di lavora che ci sta dietro e renderlo partecipe del processo intero.

    Reply
  • @ Andrea Moro
    Giuro sul mio onore che non era mia intenzione fare spam. E men che meno prendere in giro qualcuno. Anzi, trovo la conversazione molto ma molto interessante.
    In effeti la mia era una domanda provocatoria, è vero. Ma ha un fine preciso meno offensivo di quel che pensi. Cioè, non sarebbe meglio, ma è una mia opinione e molto opinabile, essere meno “criptici” e spiegare davvero cos’è una SEO Agency e di che cosa davvero si occupa? Perchè è un mestiere complesso, che ha sviluppi e riflessi complessi che non tutte le aziende sono in grado di riconoscere e di capire il lavoro del SEO.

    Tutto qui. Cioè spesso ci si trova a conversare tra di noi, operatori del settore, più o meno esperti (io il meno di tutti) e ci si dimentica magari del cliente, che non capisce. Almeno io sul campo ho queste impressioni.

    Reply
  • Si Andrea ci mancherrebbe… non era mia intenzione convincere 🙂 esprimevo solo un mio parere. Ciao 🙂

    Reply
  • @Alessandro Sportelli
    Vedi che gia’ lo scenario cambia quando dici lavori ad obiettivo ma ti rimborso le spese iniziali.
    Questo concetto non e’ generalmente condiviso da 3/4 delle persone / ditte che ti approcciano con certe – indecenti – proposte.

    Reply
  • @Andreas

    Mi prendi in giro? Il sito che metti in firma lo metti cosi’ per mettercelo, o era un tentativo di fare comment spam?

    Reply
  • @Andrea Moro
    Sicuramente mi sono espresso male. Innanzitutto non ho detto che lavorare ad obiettivo è la soluzione ma è “una” delle soluzioni per trasmettere fiducia a chi non ti conosce. Lavorare ad obiettivo potrebbe anche voler dire ricevere subito un adeguato anticipo a copertura dei costi.

    Lavorare ad obiettivo potrebbe voler dire anche guadagnare di più ed allo stesso tempo rischiare di più… per questo ognuno sceglie come lavorare anche in base ai clienti ed a quanto si sente sicuro di poter fare. Lo sai, ci sono clienti da 1000 euro e clienti da 50000… dipende.

    A parte questo ogni modello per quanto mi riguarda è rispettabilissimo. Ciao

    Reply
  • @ Andrea Moro
    Domanda forse inopportuna: ma che è una SEO agency ????? Scusa la mia totale ignoranza. E soprattutto di che si occupa?

    Reply
  • @Alessandro Sportelli
    Tu lavoreresti gratis? No. Tu dai tutta la tua infrastruttura e seguiresti alla lettera tutto quello che la SEO agency ti dice e ti propone di investire? No.

    E allora perche’ una seo Agency dovrebbe lavorarti a raggiungimento degli obiettivi se poi non ha carta bianca?

    Reply
  • @Francesco Martino
    $, €, £ fa poca differenza. Quello che dici e’ vero, stai comprando un prodotto immateriale, ma da li a definirlo fumo ce ne passa con chi sa fare il lavoro seriamente.
    Detto questo, se leggi quello che ti viene offerto con questu 99 dindi, vedrai che non sara’ certo una analisu delle key, del fattore di conversione, dei competitor e di tutto il resto.
    Ci sara’ si e no un inserimento in 1000 motori e poco piu’! Come fai a giudicare allora? Usando un po’ di buon senso.

    Oppure leggendo recensioni su quella data ditta magari.

    Magari leggiti qualcosa che ho scritto, forse ti illumina

    http://blog.teammatelabs.com/post/2008/09/26/caro-seo-quanto-mi-costi.aspx

    http://blog.teammatelabs.com/post/2007/01/05/Cosa-chiedere-alla-SEO-agency-prima-di-conferire-il-mandato-di-indicizzazione-per-il-proprio-sito-web.aspx

    Reply
  • Sul tema delle “competenze”, preannuncio l’arrivo di un post parecchio acido che vedrà la luce fra qualche giorno 🙂

    Reply
  • @ Alessandro Sportelli
    Condivido in pieno. Il punto fondamentale è prima di tutto, la questione delle referenze: Chi sei? Cos’hai fatto fino ad ora? Quali sono i progetti su cui hai lavorato? E con quali risutati? Il tutto si racchiude in una parola: esperienze.

    Andrea Serravezza mi ha sempre detto questo: la qualità di un SEO la si può definire nell’ambito delle sue esperienze, che possono in qualche modo essere una certificazione delle proprie capacità e che a a loro volta possono essere la discriminante per scegliere il proprio partner SEO. Devo dire che aveva ragione. La materia è così aleatoria e così difficile anche da inquadrare commercialmente, con dei metri di giudizio predeterminati e preordinati, da rndere la scelta di un SEO un’operazione complessa, per chi poi non sa nulla di SEO.

    A mio avviso in questo campo, un po’ di evangelizzazione low level non guasterebbe e ridurrebbe sicuramente quelle aree di ombra che lasciano la committenza nell’inconsapevolezza e nell’ignoranza più totale.

    Reply
  • Permettetemi di postare la mia esperienza non di seo specialist ma di semplice appassionato.

    Personalmente ho riscontrato alcune cose che ritengo si debbano tener presente: i risultati in termini di buon posizionamento senza investire tempo non si possono ottenere.

    Anzitutto bisogna fare un’analisi accurata che va dalla struttura del sito fino alla valutazione dei contenuti, passando per le keyword di interesse.

    Sono riuscito a posizionare discretamente diversi siti da me realizzati, ma il tempo impiegato è stato parecchio poichè il seo, a causa dei continui mutamenti di algoritmo degli spider è in continua evoluzione – mutamento.

    Noncredo che si possa realizzare un buon posizionamento con meccanismi automatizzati, se non per brevissimi periodi ma che alla fine possono risultare controproducenti.

    Attualmente sto sperimentando ( non sulla pelle dei clienti come molti presunti seo specialist spesso fanno) un punto che mi lascia ancora forti dubbi: l’influenza in termini di posizionamento di un sito messo online a pochi mesi dalla scadenza del rinnovo.

    Teoricamente la cosa l’ho sempre ritenuta ininfluente ma avevo bisogno di un riscontro reale.

    Per quanto riguarda il posizionamento nel settore turismo ho notato la forte influenza della presenza o meno in google maps.

    Chiudo questo intervento con un altro punto che ritengo essenziale per raggiungere buoni risultati: la bontà dei contenuti e l’attinenza degli stessi con le tematiche inerenti ogni singolo sito web.

    Reply
  • p.s.. comunque ciò che dice Francesco Martino è giustissimo:

    Qui non compriamo uno stesso prodotto con lo stesso peso della stessa marca, ma compriamo un prodotto che non si vede e che non si può valutare, compriamo del fumo che si può trasformare in cenere o in arrosto prelibato; ma prima di comprare non vediamo nulla e nemmeno abbiamo il modo di poter giudicare.

    Per far fronte a questo problema esistono vari modi. Uno è accertarsi dell’esistenza di referenze… un altro è firmare dei contratti il cui pagamento è condizionato al raggiungimento degli obiettivi… (tenendo sempre in considerazione che il posizionamento non è MAI un obiettivo fine a se stesso).

    Reply
  • 99 cosa? 😀 Taglia stai facendo i saldi? Per quanto mi riguarda 99 euro è un vero insulto alla professionalità di chiunque faccia questo lavoro professionalmente ed eticamente. Con 99 euro non ci si paga neanche lontanamente l’analisi che “andrebbe” effettuata prima di qualunque strategia… almeno per vedere se qualcuno cerca le parole per cui il cliente si vuole posizionare e se c’è mercato, ci sono concorrenti, etc etc etc.

    Poi alla fine ovviamente come diceva mia nonna “come spendi mangi” :D… e se a posizionarsi è una pizzeria del mio quartiere possono anche evitare di dirgli che nessuno lo cerca… l’importate è che se il proprietario cerca su google il suo sito è lì, primo sui motori 😀

    Reply
  • @ Andrea Moro

    Sono un incompreso!

    Non ho detto che 99 $ sono troppi, dove hai letto questo? Ti dispiace copiare ed incollare dove ho detto questo? E poi perché $ e non €?

    Ho detto e questa volta lo dico con parole mie che una persona prima di comprare come fa a sapere che spendere 500 € sono meglio di 99 $?

    Una persona che ignora di SEO e simili, come fa a giudicare qual è l’offerta migliore?

    Qui non compriamo uno stesso prodotto con lo stesso peso della stessa marca, ma compriamo un prodotto che non si vede e che non si può valutare, compriamo del fumo che si può trasformare in cenere o in arrosto prelibato; ma prima di comprare non vediamo nulla e nemmeno abbiamo il modo di poter giudicare.

    Questo il mio discorso, per la miseria!

    Reply
  • Grande! Sono anni che lo dico. Li chiamo SEO X SEO = TRENTASEO. Frase coniata da me me desimo e ormai scopiazzata ovunque.

    Reply
  • @Francesco Martino
    Non vedo perchè io professionista devo insegnare a te i “trucchi del mestiere” per 99 $ all’anno. Poi quando tu hai imparato e non rinnovi il contratto (che forse è un bene perchè se reputi 99$ una cifra già alta evidentemente non hai saputo valutare le differenze tra un lavoro di qualità e un lavoro fatto tanto per fare) e magari mi vai in giro per il mercato a proporti con servizi eguali e sotto costo, rovinando il mercato stesso, che faccio?

    @Guadagnare Online
    Non è certo un servizio da 99$ che ti insegna le basi della SEO. Quelle sono su tutti i siti che trattano l’argomento. Lo stesso google offre una guida abbastanza approfondita in merito. La verità è che come molti anche tu ti aspetti con poco di ottenere tanto. La pigrizia nel non leggere o nel non voler imparare, ma aspettare che la pappa sia servita pronta e calda è troppo allettante come concetto in Italia.

    Reply
  • 99 dollari l’anno è una cifra assolutamente ridicola. Probabilmente chi acquista tali “pacchetti” non ha la minima idea di quanto sia dispendisa (in termini di tempo, ma non solo) una solida attività seo “cucita2 su misura per il tuo sito.

    Reply
  • Sono pienamente d’accordo sul discorso “con 99 dollari l’anno non puoi migliorare il tuo blog”, ma sono sicuro che ci sono molti consigli che la maggior parte delle persone sconosce, ed a molti fa comodo imparare queste nozioni.
    Parlo di anchor text, linkbuilding, analytics, test/split test e molto altro ancora.
    Io stesso sto ancora imparando, e ci vuole davvero molto tempo, bisogna leggere molto o affidarsi a qualcuno che vende, come le chiami tu, “Consulenze Low Cost” che sono abbastanza generaliste…

    Reply
  • C’è anche da considerare che chi sa,

    non è disposto a comunicare agli altri come si fa,

    preferisce farsi pagare profumatamente la sua presunta professionalità,,

    ma deve essere lui che deve inserire fisicamente i tag e metatag e tutto il resto, solo per giustificare l’altro prezzo che chiede senza spiegare nulla, così secondo lui tiene legato il cliente.

    Poi arriva uno che gli offre la stessa cosa a 99 $,

    come fate a dire che è uno sprovveduto?

    Quando ha pagato,

    la fregatura è bella che fatta.

    Reply
  • L’unico modo per “risparmiare sul SEO” e avere risultati accettabili stà nella capacità di individuare persone serie (con un portfolio decente e che garantiscono l’utilizzo di tecniche unicamente white hat) che per farsi conoscere o semplicemente per necessità di reperire più clienti praticano dei prezzi veramente interessanti.

    Comunque stiamo parlando di investimenti e di saper scegliere con chi lavorare, ovvio che si rischia di più a scegliere “l’ultimo arrivato” ma il rischio viene compensato dal risparmio.

    Ho visto preventivi di SEO “Pro” spaventosi per key quadruple o triple sul quale c’era pochissima concorrenza… e il piccolo cliente (il classico negoziante con il piccolo sito di presentazione) che và a cercare di prendere queste key non è disposto a spendere diverse centinaia di euro per esse. anche perchè il possibile ROI renderebbe sconveniente l’operazione(per alcune key alla fine è stata sufficiente la corretta impostazione dei meta…).

    Reply
  • Penso che LA SEO (fradefra docet) sia una materia molto ampia e che un conto è posizionarsi per chiavi con volumi di ricerca bassi, poche pagine indicizzate e nessun business che ruota intorno ad esse, al contrario se ci si trova difronte a chiavi ultra competitive, con milioni di pagine indicizzate e una concorrenza che và dall’opionion leader (online da anni) alla multinazionale (con budget enormi) credo che con 99$ al massimo ti fai una chiacchierata di un oretta con il SEO specialist di turno.

    “Per non parlare del monitoraggio del ROI e delle conversioni”, invece dovremmo parlarne di più perchè questo fattore è fondamentale per ottimizzare un sito in quanto sulla base di questi dati si possono andare ad ottimizzare i percorsi che portano alla “call to action” e sinceramente me ne frego di fare milioni di visitatori e convertire una ridicola percentuale, preferisco farne di meno e convertire di più.

    Di fondo credo ci sia una sorta di comunicazione non chiara da parte dei consulenti/web agency di turno che anzichè fare una toccata e fuga dovrebbero investire di più sulla formazione al cliente per fornirgli le conoscenze basilari per poter capire cosa sta comprando e cosa ruota intorno ad un ottimizzazione SEO fatta ad hoc. Da una parte però ci sono potenziali clienti che non ne vogliono sapere minimante di star a fare un minimo di formazione in merito e nel mio caso questo è uno dei motivi per cui ho pochissimi clienti con cui ho rapporti splenditi e chiari, il resto hanno preferito il sito “low cost” e il pacchetto SEO da 99$ toccata e fuga (ovviamente non da me).

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

SEO low cost
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi