La SEO secondo Google: 10 novità in arrivo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Solitamente, nei video di Matt Cutts ci sono le risposte a quesiti posti dagli utenti. Questa volta, invece, è lo stesso Cutts che si fa una domanda e si risponde da solo:

“Cosa dobbiamo aspettarci, nei prossimi mesi, dal punto di vista della SEO per Google?”

La lunga risposta, come riportato da Barry Schwartz su Search Engine Land, è suddivisibile in 10 punti (qui sotto la mia traduzione):

Penguin

Si prevede che la prossima generazione del Penguin (la versione 4, nota anche come Penguin 2.0) verrà lanciata fra qualche settimana, e avrà un impatto maggiore e più profondo rispetto alla prima. Aspettiamoci dunque di sentire più di una protesta da parte della comunità SEO, quando il Penguin 2.0 vedrà la luce.

Advertorial

Dall’inizio dell’anno, Google ha iniziato a perseguire alcuni siti per l’utilizzo di pubbliredazionali utilizzati come mezzo per gonfiare artificialmente i link in ingresso. Matt Cutts ha detto che Google prenderà presto una posizione forte nei confronti di coloro che usano i pubbliredazionali in un modo che va contro le linee guida per i webmaster.

Query spammose

Query che, per loro natura, tendono ad essere spammose (come [pay day loans] o alcune query di tipo pornografico), e che non erano ancora nel mirino dello “spam team” di Google, lo saranno nel prossimo futuro. Cutts ha fatto capire che la richiesta di provvedimenti arriva dall’esterno, e che Google ha deciso di affrontare questo genere di problemi.

Andare “upstream” (contro gli spammer)

Matt Cutts ha detto che vuole andare ancora più “upstream”, per scoraggiare i link spammer e il valore dei link che questi hanno acquisito sui siti web. Ciò sembra far pensare che Google tornerà a colpire duramente i network di link, come peraltro ha già fatto in passato.

Analisi dei link più sofisticata

Google sta per migliorare la link analysis. Cutts ha spiegato che Google sta sviluppando un sofisticato software di analisi dei link, che quando rilasciato sarà in grado di comprenderli molto meglio.

Miglioramenti sul fronte dei siti compromessi

Google ha fatto un sacco di lavoro in questo campo, etichettando in modo specifico i siti potenzialmente violati all’interno delle SERP, rimuovendoli e avvisando i webmaster dell’hack. Cutts ha affermato che Google sta lavorando per migliorare l’individuazione di questi siti, e ha anche aggiunto che ha intenzione di migliorare la comunicazione con i webmaster per quanto riguarda i siti violati.

Prova Seozoom

Spinta all'”authority”

Google punta a dare una spinta nel ranking ai siti che sono autorevoli in un determinato settore. Se il tuo sito è quindi autorevole (ad esempio) in campo medico o in quello dei viaggi, Google dovrebbe posizionarlo meglio di altri per le query ad esso correlate.

Indulgenza da Panda

Anche se in molti si sono lamentati di essere stati colpiti dal Panda, Matt Cutts ha detto che spesso si tratta di “casi limite”. Google è alla ricerca di modi per “ammorbidire” questo impatto, inserendo metriche qualitative che permettano ai più meritevoli di uscire dalla penalizzazione.

Domain Cluster nelle SERP

Il numero di cluster con lo stesso nome a dominio che Google mostra nella prima pagina dei risultati, dovrebbe diminuire entro l’anno. Cutts ha affermato che Google vuole rendere i risultati della prima pagina ancora più variati, mentre cliccando sulla seconda pagina ci saranno più probabilità di vedere nei risultati lo stesso nome a dominio.

Miglioramento della comunicazione con i webmaster

Come sempre, Google afferma di voler migliorare la comunicazione con i webmaster. Cutts dice di aspettarsi esempi ancora più dettagliati all’interno delle notifiche dei Google Webmaster Tools.

…e per finire

…i soliti “buoni consigli” 🙂

All’inizio del video, Matt esordisce con la solita lista di cose che il buon webmaster dovrebbe fare per evitare penalizzazioni presenti e future; ecco in sunto le raccomandazioni di Cutts:

“Assicurati di creare un ottimo sito, amato dagli utenti, che possa generare passaparola, che possa essere messo nei bookmark, che sia visitato spontaneamente, in poche parole che sia compelling.

Se hai questo obiettivo, sappi che anche Google è allineato con questo obiettivo. Se lavori duro per i tuoi utenti, sappi che anche Google lavora duro per mostrare i tuoi contenuti di qualità ai suoi utenti.”

Entro l’estate dovremmo vederne delle belle… i SEO in ascolto sono avvisati 😉

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

14 Comments

  • Io per fare campagne SEO trovo molto efficace fare marketing su blog. ci sono strumenti molto efficaci, tipo rankseller o ebuzzing che ti permettono di scegliere e contattare blogger molto targettizzati e avere a disposizione contenuti e link “puliti”. che ne pensate?

    Reply
  • Salve a tutti, grande tagliaerbe!

    Nel mio piccolo stò monitorizzando un sito .it che in un anno (2011) si era accaparrato ben 115.000 links, impestando le serps di niente, e svariati siti di tool in iframe trasformati poi in adv.
    Per adesso penguin stà facendo quello che dice di fare ( almeno con questo sito ) e giorno dopo giorno lo incontro sempre di meno nelle mie ricerche…
    Buon Penguin a tutti
    Saluti

    Reply
  • Speriamo che l’algoritmo di Panda premi davvero i siti meritevoli..io credo di esserne stato un po’ colpito ma sto lavorando molto e organizzando i contenuti in maniera altamente tematica. Seriamo che la navigabilità e i contenuti facciano davvero la differenza!

    Aspettiamoci però delle belle sorprese..:-(

    Reply
  • Farò un commento controcorrente ma a me sembra che Google da anni giri sempre intorno alle stesse cose. Tranne il punto del domain clusters che è veramente nuovo il resto è tutto visto e stravisto

    Mi viene il dubbio che tutti questi proclami siano più pubblicitari che altro. Cioè si sbandierano ai “quattro venti” grosse novità ma le novità in realtà sono minime.

    Cioè hanno più che altro lo scopo di far rimuovere direttamente ai webmaster qualche cattivo link in più e fargli fare contenuti migliori.

    Non è che Cutts sta un po’ bluffando?

    Reply
  • Bravo Cutts ripuliamo le SERP da chi copia contenuti dagli altri… e poi li spaccia per propri come molti SEO o pseudo Esperti Italiani…

    Reply
  • Riguardo al punto 6, sarebbe bello che Google fornisse anche uno strumento di scansione del sito per individuare il malware. Ce ne sono già alcuni, però internalizzare la risorsa potrebbe rendere più veloce l’uscita dalla black list.

    Reply
  • In realtà credo che per la SEO intesa in modo tradizionale andrà sempre peggio. Oramai Google ha dichiarato guerra ai contenuti fasulli o poco rilevanti, è solo questione di tempo!

    Reply
  • Cutts in fondo propone sempre le stesse cose dette anni fa… forse sarebbe meglio che Google e non solo analizzasse qualche SERP per capire come , aimhè ci siano ancora molte cose strane e inspiegabili

    🙂

    Reply
  • Ciao,
    come dice Benedetto Motisi poco sopra, niente di particolarmente nuovo all’orizzonte, solo una strettina un pò più accentuata… ma oramai ci siamo abituati agli abbracci strinti di quel coccolone di Google, no? 🙂
    Un salutone a tutti e buona giornata!

    Reply
  • Cia a tutti,

    Secondo me una cosa da fare prima di tutte per creare un sito web che piaccia a google, è mettersi nei panni del l’utente che visita il tuo sito e ricordarsi che la cosa più importante è dare la miglior esperienza di navigazione possibile all’utente. Quindi per esempio una domanda da farsi è:

    Se fossi un utente che “atterra” sul mio sito, come lo vedrei?
    Di facile utilizzo o confusionale?
    Come considererei i contenuti? Di qualità o scadenti?
    Sto davvero dando risposta ai bisogni dell’utente con i miei contenuti?

    Queste considerazioni sono sicuramente un importante primo passo da fare.

    Reply
  • In soldoni, una restrizione ancora maggiore di maglie già esistenti.

    Il problema è che più stringi, più rischi di sbrindellare il “maglione”.. staremo a vedere se sta volta la nonnina Cutts farà il punto-croce per bene…

    Reply
  • Ogni nuovo aggiornamento che fa big G per il SEO è uno stimolo in più per capire e migliorare il lavoro di ogni professionista. Stiamo a vedere questa volta come si presenterà la sfida 😉

    Reply
  • A livello personale, non vedo l’ora che arrivi Google Penguin 2.0, sperando che funzioni davvero, cioè che faccia realmente pulizia nelle SERP.

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

La SEO secondo Google: 10 novità in arrivo!
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi