Sei gradi di separazione? No, ZERO

Certamente conoscerai la teoria dei 6 gradi di separazione, in base alla quale tra noi e qualsiasi altra persona che vogliamo contattare sulla Terra ci sono non più di 5 “intermediari”.

Oggi ti vorrei invece esporre una mia teoria, che dimostra come sul web i gradi di separazione fra gli individui non esistono (o quasi).

Zero gradi di separazione

Più volte mi hanno chiesto cose del tipo “come sei riuscito ad intervistare così tante persone ?”, o anche “come sei riuscito ad entrare in contatto con certi miti (del web marketing/SEO)”?

Bella domanda 🙂 Non sono assolutamente popolare nel web (soprattutto nel web anglofono) e sono anche piuttosto timido, ma nel tempo ho sviluppato alcune tecniche che mi hanno portato a raggiungere praticamente chiunque abbia un indirizzo email (più o meno pubblico); ecco come opero.

Prerequisiti

Prima di contattare direttamente qualche personaggio di un certo livello, ci sono almeno 2 cose da tenere in considerazione. Bisogna:

avere un sito/blog (e un profilo sui social) di un discreto peso. Conosco diverse persone che fanno un check immediato (di tipo quantitativo/qualitativo) dell’interlocutore che hanno davanti. Vanno su LinkedIn per capire chi sei, controllano il PageRank/Alexa Rank del tuo sito, verificano numero e contenuto dei post che scrivi sul tuo blog. Il mio consiglio è quindi quello di provare a scalare certe vette solo si ha una preparazione adeguata, altrimenti meglio rimandare a quando si ha qualcosa di interessante da “portare in dote”.
saper scrivere una email di presentazione in un modo decente. Dovrà essere senza errori/refusi, evitando un linguaggio troppo “gggiovane” (=evita le k e le faccine a raffica). Se il tuo interlocutore è anglofono e (come il sottoscritto) hai qualche problemino a scrivere in un inglese corretto, ti consiglio di studiare un po’ di email commerciali.

Modus Operandi:

Se si rispettano i 2 “prerequisiti”, si può procedere nel tentativo di approccio in questo modo:

informati bene sul personaggio che vuoi contattare. E possibilmente cerca di avere un sito/blog a tema con gli interessi/passioni del tuo interlocutore. Studia il suo profilo (i personaggi molto noti hanno spesso una pagina su Wikipedia), e quindi preparati all’azione.
cerca l’email del personaggio. Non è così difficile: anche se il tipo sembra inarrivabile, molto spesso sul suo sito/blog è presente una pagina tipo contact o about me, nella quale si trova l’email o un form. Se non ci fosse, si può procedere cercando l’email tramite whois.
manda una email personalizzata. Prepara una email cordiale, stringata ma accurata. Presentati molto brevemente, fai la tua richiesta (con estrema delicatezza), e ringrazia anticipatamente per l’attenzione che vorrà dedicarti. Io mi gioco pure un asso nella manica 🙂 : quando chiedo una intervista, linko la sezione del mio blog che contiene (attualmente) più di 50 interviste. Della serie se già 50 persone hanno risposto alle mie domande, perché non dovresti farlo pure tu?
prepara in anticipo un buon set di domande. Se ti arriva una prima risposta alla tua email, non è garantito al 100% che riuscirai ad ottenerne altre. Molto spesso i personaggi molto noti sono anche molto impegnati, e quindi non saranno in grado di rispondere a decine di domande, se non in modo molto superficiale. Meglio quindi formularne poche, possibilmente inedite e curiose, ma buone.
ringrazia. Se ottieni la tanto agognata intervista, non appena la pubblichi manda un link a chi te l’ha rilasciata. Quasi sicuramente ringrazierà, e se sei molto fortunato lascerà pure 2 righe nei commenti 😉

Per riassumere: il Web 2.0 è fatto di rapporti, di relazioni, di connessioni. Le persone oggi sono online anche per ascoltare, non solo per parlare. Tira quindi fuori la tua migliore faccia di bronzo, salta tutti gli intermediari, e buttati senza paura sulla tua preda.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

12 Comments

  • Tutto vero, confermo che è come dici … io personalmente ho cercato per adesso nomi non famosissimi da intervistare nel mio blog (quelli importanti mi sto attrezzando epr delle videointerviste 😉 ) ma tutti si sono resi disponibili e cordiali.

    Teniamo presente poi che possiamo contare su un valido backlink che se arriva da fonti autorevoli è sempre gradito …

    A presto

    Michele
    clikkiamo.it

  • Simpatica la leva della riprova sociale…funziona proprio sempre 🙂

    Senti Davide e nel titolo della mail cosa ci metti? Sai che tante volte è proprio il titolo a fare la differenza tra una mail aperta ed una cestinata 🙂

  • Bel post, quasi motivazionale direi.

  • Sono d’accordo con te in tutto ciò che hai scritto! Volevo anche aggiungere che , molte volte, le interviste potrebbero arrivare quando meno te lo aspetti! Solo l’altro giorno ho incontrato un ragazzo simpaticissimo su youtube che mi ha concesso un intervista sull’home cockpit che aveva costruito….e non era per niente premeditata. E’ arrivata e io l’ho colta immediatamente 🙂

  • “Il Web 2.0 è fatto di rapporti, di relazioni, di connessioni. Le persone oggi sono online anche per ascoltare, non solo per parlare.”

    E’ vero, verissimo e questa è la vera rivoluzione del nostro tempo.
    Personalmente credo che tutto ciò (il Web 2.0 e quello che comporta) sia una delle cose belle della vita, una delle cose per cui vale la pena vivere.

    E chi non è online per ascoltare, non vale la pena che parli e dunque meglio lasciar perdere il fatto di intervistarlo.

  • Solitamente quando scrivo in inglese mi faccio controllare e correggere le email da un’amica insegnante di lingue.

    Per evitare di romperle le scatole in continuazione, quando non la disturbo, uso una frase che mi tira fuori dagli impicci se sbaglio a scrivere qualcosa.

    La mia formula segreta di introduzione è: …Sorry for my bad English, i am italian.

    Quando utilizzo questa frase, spesso nella risposta leggo: non ci sono problemi, il tuo inglese è sicuramente migliore del mio italiano.

    Inoltre per avere maggiori probabilità di ricevere risposta credo sia importante essere diretti, concreti, essenziali.

    Non ho potuto fare a meno di notare che inglesi e americani (parlo di personaggi di spessore) rispondono sempre alle email.

    Alcuni ci mettono anche diversi giorni prima di farlo, altri replicano quasi in tempo reale.

    In ogni caso se la tirano molto meno di parecchi personaggi della blogosfera italiana.

  • “Se la tirano molto meno di parecchi personaggi della blogosfera italiana”: questo è cosi’ ed è sempre stato cosi’ anche al di fuori della blogosfera e di internet .

    Gli anglosassoni sanno quanto è importante l’immagine per il successo e la retribuzione e sanno esattamente come gestirla e quali sono le leve davvero importanti.

    Gli italiani, no: sono convinti che l’ego sia piu’ importante e sono legati a una visione medievale (parlo letteralmente) dei rapporti tra persone.

  • Vero vero, ho avuto la possibilità di intervistare numerosi gruppi musicali proprio con metodologie simili di comunicazione. Il web è una grande fortuna 🙂

  • Posso aggiungere una cosa?

    Puntate in alto: Il mio blog non è (era, non l’ho più) particolarmente conosciuto, però ho intervistato Jeremy Schoemaker (che ha anche commentato sul blog), John Chow (a lui ho potuto fare solo tre domande), Skellie Wag, Kevin Muldoon, Daniel Scocco… Tutta gente disponibilissima (solo Darren Rowse mi ha dato buca). Personalmente invio le domande nella prima e-mail di contatto, così non devo disturbare due volte.

    E poi un retroscena: sono arrivato a pochissimo da avere un’intervista da Matt Mullenweg… La sua segretaria mi aveva dato la sua disponibilità, ma alla fine deve essere stato impegnato e non ha risposto. Ho insistito un po’, poi ho lasciato stare. Peccato, sarebbe stato un bel colpo!

  • Quindi chi è il prossimo? Bill Gates? 😀

  • Ora c’è un nuovo esperimento per scoprire se è vero: http://www.digrii.com Attraverso questo social network è possibile valutare direttamente il proprio grado di connessione con chiunque al mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy