SearchWiki influenzerà le SERP di Google? forse…

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Un paio di giorni fa, Marissa Mayer (vice presidente della divisione Search Products & User Experience di Google) è stata intervistata da Michael Arrington di TechCrunch durante LeWeb’08.

Nell’intervista si parla di Zeitgeist, di Chrome, dei vari aspetti della ricerca (video, personalizzata, sociale, locale…) e anche di SearchWiki: altri siti/blog che han ripreso la notizia han preferito focalizzarsi sul passo dove la Mayer spiega che, a breve, SearchWiki includerà un Off Button (ovvero sarà possibile attivare/spegnere l’opzione a piacimento).

Ma c’è un passaggio sicuramente più interessante.

Marissa inizia a parlare di SearchWiki verso il settimo minuto dell’intervista.
Dice che il servizio nasce per rispondere all’esigenza di una ricerca più dinamica e più personalizzata.
In pratica l’attuale ricerca non è stateful, non tiene traccia di come abbiamo operato nel passato.
La Mayer cita anche una statistica, secondo la quale il 40% delle ricerche sono repeated searches, ovvero 2 query su 5 sono già state fatte dall’utente in passato.
Visto sotto quest’ottica, SearchWiki può essere utilizzato come una sorta di “gestore di bookmark evoluto”, per tiene nota delle mie ricerche precedenti riordinate secondo i miei gusti.

Ma la domanda più interessante è sicuramente quella che Michael Arrington ha posto verso il minuto 10:30: “i dati raccolti tramite SearchWiki, verranno utilizzati per migliorare i risultati delle ricerche di Google?”

Marissa precisa innanzitutto che l’idea alla base di SearchWiki è quella di fare un experiment, non di manipolare le SERP.
Ma il punto più significativo è sicuramente questo:
SearchWiki verrà probabilmente utilizzato per interpretare in modo aggregato alcuni signals: se migliaia di utenti cancellano un risultato delle SERP, evidentemente la cosa va vista come un segnale, che di conseguenza potrebbe essere utilizzato (in futuro) per modificare le SERP.

Stai già immaginando una rete di Social (Black Hat) SEO specialist? 🙂

Autore
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
Latest Posts
  • Google search
  • Sviluppo App
  • Google shopping
  • Facebook rooms

6 Comments

  • Sarebbe interessante sapere quanta e quale gente si connette al proprio google account prima di navigare e fare le ricerche… Sinceramente non credo che sia la fine dei seo.. ma sicuramente dovrà esistere una massima collaborazione fra tutte le figure che amministrano un sito internet.

    Reply
  • chissa che non finiremo a fare i contest per far bombardare i nostri concorrenti 🙂 speriamo che google capisca i limiti di questa tecnologia..

    Reply
  • Appunto, è questo quello che sinceramente temo: gente che si organizza per infulenzare pesantemente i dati di google, magari se 1000 persone fanno cancellare un sito 200 gli fanno perdere posizioni

    Reply

Rispondi

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO GRATUITO
ancora per i prossimi

Giorni
Ore
Minuti
Secondi
anzichè 399€+iva