Come scegliere il giusto CMS per la realizzazione del tuo sito web

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articolo a cura di Riccardo Pellicanò – totalwebgroup.it

Al giorno d’oggi gli strumenti a disposizione di coloro che vogliono creare un nuovo sito internet sono davvero molteplici. Anche senza conoscere una sola riga di codice, se hai un po’ di familiarità con il web, non è affatto difficile creare una paginetta personale da utilizzare come blog privato oppure un sito vetrina per la tua attività.

La grande crescita e diffusione dei CMS (acronimo di Content Management System) ha enormemente contribuito ad ampliare il range di persone in grado, pur senza avere grandi competenze tecniche, di costruire in totale autonomia un nuovo sito internet. Si tratta di piattaforme nate con il preciso scopo di semplificare la vita di coloro che vogliono creare un sito internet, un’applicazione web o un qualunque tipo di software collegato alla rete. Molti di questi sono davvero molto potenti e semplici da utilizzare e permettono di ottenere risultati eccellenti sia a livello di layout grafico che di funzionalità, senza troppi sforzi.

Ma come fare a scegliere il CMS più adatto alle proprie necessità? La scelta non è affatto semplice sopratutto se non si ben chiaro in mente cosa si vuole realizzare e quali sono gli obiettivi che si intende raggiungere.

Per darti una mano nella scelta e fare chiarezza sui principali dubbi che potresti avere nella scelta del CMS più giusto per il tuo progetto, abbiamo realizzato questa breve guida con i 3 principali CMS in commercio segnalandoti per ognuno di essi quali sono i principali punti di forza e le loro criticità.

WordPress: cos’è e perché usarlo

Per farti capire senza troppi giri di parole di cosa stiamo parlando, devi sapere che WordPress è probabilmente la piattaforma più utilizzata al mondo per la realizzazione di siti web.

L’origine risale al 27 Maggio 2003, data nella quale i suoi fondatori Matt Mullenweg e Mike Little, rilasciarono la prima versione stabile del software. Nata e cresciuta come la piattaforma ideale per la realizzazione di blog e pagine personali, con il tempo grazie ad una serie di caratteristiche che adesso ti illustreremo, si è evoluta fino a diventare il CMS più diffuso al mondo.

Caratteristiche principali di WordPress

  • Offre un’interfaccia di amministrazione facile ed intuitiva che agevola sia la creazione di siti web che la loro gestione
  • Consente di aumentare enormemente le funzionalità grazie all’utilizzo dei plugin, delle estensioni aggiuntive che si possono installare ed integrare facilmente con la piattaforma base
  • Permette di creare layout grafici personalizzati mediante l’utilizzo di template (modelli grafici preimpostati)
  • Offre la possibilità di creare vari livelli di accesso (amministratore, blogger, editore, gestore, ecc)
  • Si possono organizzare al meglio tutti i contenuti in base categorie, articoli, pagine e prodotti (in caso di e-commerce)
  • WordPress permette di trasformare il proprio sito in un e-commerce per la vendita online di prodotti e servizi
  • È possibile creare un sito multi lingua
  • Si può facilmente aggiornare ed integrare con nuove funzionalità in qualunque momento

Worpress è senza dubbio la piattaforma ideale per la realizzazione di moltissimi progetti su internet. Facile, intiuitivo e ricchissimo di funzionalità, è molto spesso la scelta vincente per qualunque progetto.

Quali sono i punti deboli di WordPress?

La sicurezza non è certo il punto forte di WordPress. Essendo cosi popolare ed utilizzato, è spesso preda di attacchi informatici di vario tipo. I cracker sono soliti sfruttare falle di sicurezza più o meno note sia del software stesso che dei vari plugin utilizzati, per iniettare codice malevolo all’interno dei siti web, rubare dati sensibili ed accedere a contenuti privati.

Prestashop: cos’è e come funziona

Si tratta di una piattaforma open source nata per consentire ai gestori la vendita online di prodotti e servizi. A differenza di WordPress quindi, Prestashop nasce proprio con lo scopo di creare un negozio online per gestire la propria attività.

I principali punti di forza di Prestashop sono tre:

  • Facile ed intuitivo sia per gli sviluppatori per che i gestori
  • Estremamente scalabile grazie ad una serie di addons aggiuntivi
  • Possibilità di collegamento con svariati servizi esterni

Un po’ come succede per WordPress, dietro Prestashop c’è una nutrita schiera di sviluppatori che si occupano di aggiornare la piattaforma e rendere disponibili nuove funzionalità.

La versione base è gratuita e ti consente di creare il tuo negozio online con le funzionalità indispensabili. Tuttavia, se hai necessità di uno strumento professionale dotato di funzionalità avanzate, devi sapere che puoi comunque acquistare dei template grafici personalizzati ed ampliarlo con servizi di terze parti che ti permettono di gestire vari aspetti.

Perché scegliere Prestashop?

Perchè è gratuito, facile da utilizzare e non richiede nessuna competenza tecnica per gestirlo. Inoltre il sofware è snello e leggero pertanto puoi installarlo su qualunque spazio host condiviso senza particolari problemi.

Perché non utilizzare Prestashop?

Prestashop è uno strumento molto potente ma per poterlo sfruttato al massimo ha bisogno di moduli aggiuntivi che ne ampliano le funzionalità. Nella scelta del CMS più adatto quindi, devi considerare che questi moduli hanno costi variabili che potrebbero far lievitare il costo del tuo e-commerce.

Magento: perché preferirlo agli altri CMS

Magento è un’alternativa dotato di caratteristiche che lo rendono uno strumento più professionale rispetto a Prestashop. E’ un CMS specializzato nella realizzazione di e-commerce di grande impatto visivo, ricchi di funzionalità avanzate che lo fanno preferire a Prestashop quando si ha necessità di realizzare un progetto importante.

Con Magento è possibile personalizzare qualunque aspetto: layout grafico, prodotti, prezzi, modalità di pagamento, modalità di spedizione, collegamento con piattaforme esterne (Amazon, Ebay, Alibaba, ecc), gestire la fatturazione e persino creare un blog aziendale.

Le possibilità diventano pressoché infinite installando le estensioni di Magento; ce ne sono migliaia disponibili e possono consentirti di ottenere qualunque funzionalità tu abbia bisogno di implementare sul tuo e-commerce.

Anche da un punto di visto del posizionamento organico, Magento risulta essere tra i migliori CMS sul mercato grazie ad una struttura progettata in ottica SEO per far si che i vari contenuti possano essere facilmente letti ed indicizzati dai motori di ricerca.

Perché non dovresti utilizzare Magento?

Si tratta di un CMS certamente molto performante ma che presenta comunque delle criticità. Magento lavora con Zend Framework, che non è per niente intuitivo e richiede una profonda conoscenza per poterlo padroneggiare al meglio. Inoltre, il software è molto pesante pertanto necessità di uno spazio host professionale (vps, cloud oppure server dedicato). Magento non può quindi essere installato su un classico server condiviso poichè questo non ha le risorse necessarie per farlo girare correttamente.

Questa porta ad un inevitabile innalzamento dei costi di gestioni; inoltre, esattamente come avviene per Prestashop, la piattaforma base è gratuita, ma i vari moduli aggiuntivi sono a pagamento. Pertanto devi assolutamente tenere in conto tutti questi aspetti in caso tu decida di scegliere questo CMS.

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Startup innovative: Work for Equity

Tra gli strumenti volti a favorire la crescita delle startup innovative vi è il work for equity una possibilità ancora poco utilizzata dalle società e

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *