Qualcuno misura il ROI sui Social Media!

Spread the love

Ricordi quando nessuno misurava il ROI sui social media? O quando qualcuno diceva che il ROI dei social media è una stronzata galattica?

Ebbene, guardando questa immagine sembra che (finalmente) qualcosa stia cambiando:

Metriche per valutare le attività sui Social Media


Se c’è ancora una grande attenzione verso parametri tutto sommato insignificanti o altamente “taroccabili” (come il numero dei fan), è anche vero che dal 2010 al 2011 è cresciuta in modo sensibile la percentuale di coloro che misurano le conversioni (dal 32,6% al 65,7%) e le revenue (dal 29,1% al 49,7%), ed è diminuita drasticamente (dal 18,3% al 6,9%) quella di coloro che non tracciano nulla.

Ecco invece quali piattaforme social consentono di ottenere il maggior return on investment:

Attività di Social Media Marketing col ROI più alto

Al primo posto fra i “significant ROI”si piazza Facebook (con un 15,4%), Twitter ottiene un 11,4% e Linkedin un 10,9%; fanalino di coda YouTube con un 6,9%.

Ma la cosa che mi ha colpito di più sono (purtroppo) le altissime percentuali date a “No ROI” e “Don’t know”: fra 1/3 e la metà degli intervistati afferma infatti che le attività sui social non portano alcun ROI, o comunque non sanno quanto ne porta.

La strada è ancora lunga e in salita…

Fonte: Dramatic Difference in Approach to Social Media Metrics.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

6 Comments

  • Magari non ho capito io, ma mi pare che chi dicesse “il ROI dei social media è una stronzata galattica” intendesse che è necessario emanciparsi dalle logiche e dalle metriche utilizzate per la pubblicità e quindi trovarne di nuove e più pertinenti alle dinamiche sociali. In questo senso condivido quella affermazione e gioisco con te se qualcosa finalmente si comincia a muovere in tal senso.

  • Esatto a me interessa più come lo si misura che se lo si misura! 😉

  • Un metodo per misurarlo bisogna trovarlo visto l’importanza che i social stanno assumendo.

  • Per misurarlo è necessario innanzitutto comprendere (in base alla tipologià di attività) che tipo di effetti può portare. Parlando di Facebook gli effetti si dividono in 1. Diretti 2. Indiretti 3. a breve termine 4. a medio lungo termine. Ciò dipende dal tipo di strategia che poniamo in essere e ripeto dal tipo di attività che svolgiamo. Le metriche sono, almeno per me, sempre le stesse e cioè quelle che consideriamo conversioni.

    Le conversioni potrebbero essere effetti diretti ed a breve termine di una campagna FB ADS che punta ad un sito esterno.

    Le conversioni potrebbero essere effetti indiretti ed a medio lungo termine della strategia di una pagina fan che stabilisce una connessione con potenziali clienti (meglio se ottiene l’indirizzo email). Alcuni di questi in seguito probabilmente acquisteranno.

    Purtroppo il casi sono tutti diversi ed è difficile pensare di poter basarsi su standard efficaci per chiunque ed in qualunque caso.

    A questo va aggiunto che di solito le strategie migliori sui social sono quelle che si integrano con tutte le altre strategie online ed offline. In quel caso si parla di roi complessivo ed è necessario stabilire dei KPI che fanno riferimento al “ruolo” definito per ogni azione/canale.

    Mio parere personale, ciao

  • Ciao, il dato che personalmente più mi ha colpito è “Review and ratings” che sembra avere un ottimo risutato sul ROI anche se però molti non lo usano o non sanno nemmeno di cosa si tratti. Indubbiamente è una procedura che si usa quasi ed esclusivamente sui siti di commercio elettronico ma che appunto permette, se sfruttato adeguatamente, di portare maggiori conversioni (dopotutto sappiamo che la gente si fida dei consigli)

  • Dato che sono stato chiamato in causa, dico la mia piccola opinione.
    La ricerca evidenzia benissimo che non si sono ancora indicate le “giuste prestazioni” a cui facevo riferimento nel famoso video. Come giustamente Davide evidenzia le metriche sono insignificanti, non vedo ad esempio l’impatto sulla brand equity o indicatori legati all’engagement (quello vero, non il Facebook engagement rate che assomiglia molto al Roi del social media…).
    Al tempo stesso mi piacerebbe veramente sapere nella seconda chart come hanno calcolato il ROI quei pochi che dicono che hanno avuto un Roi significativo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy