Ripubblicare i post del blog sui social… funziona alla grande!

Come ben sai da sempre utilizzo (quasi) solo il blog per pubblicare i miei contenuti, che vengono poi rilanciati, in modo automatico, sui vari social network.

Un recente studio di HubSpot ha dimostrato che questa tecnica è assolutamente vincente:

Effectiveness of Blog Auto-Publishing

chi pubblica automaticamente i post del proprio blog sui social ha ottenuto il 50% in più di lead rispetto a chi non lo fa.

Ancora più interessanti i risultati di chi fa uso di un tool per schedulare la ripubblicazione dei post sui social:

Effectiveness of Social Media Scheduling

in questo caso, il numero di lead generati è più che triplo rispetto a chi non usa un tool!

Questi i 5 suggerimenti di HubSpot per massimizzare la resa dell’Auto-Publishing:

1. Ottimizza titoli e contenuti del post

Concentrati sulle parole chiave importanti per il tuo business: i contenuti pubblicati su alcuni social possono essere indicizzati dai motori di ricerca. Pertanto, se punti anche ad ottimizzare la tua presenza nei risultati organici, è bene inserire le giuste parole chiave nei titoli e nei contenuti del tuo post.

2. Rendi il tutto estremamente “twittabile”

Ciò ti aiuterà ad espandere la portata delle tue azioni. Un breve contenuto twittabile aiuta infatti il lettore ad utilizzare un testo alternativo al titolo quando vuole effettuare una condivisione su Twitter. Puoi usare strumenti come Click to Tweet che permettono di scovare contenuti twittabili all’interno del tuo post, e con un solo click consentono al lettore di condividere il contenuto su Twitter impostando un testo da te predefinito.

3. Facilita la condivisione

I pulsanti per condividere sui social sono uno dei modi più semplici per diffondere i tuoi contenuti: più rendi questo processo semplice e intuitivo, più il tuo contenuto si diffonderà.

4. Utilizza una piattaforma per schedulare e pubblicare i contenuti dal blog ai social

Esistono ormai decine di social media publishing tool, più o meno gratuiti: se saprai utilizzarli bene, il tuo traffico e tuoi lead aumenteranno vertiginosamente.

5. Trova il momento migliore per pubblicare sui social

Gli orari migliori per pubblicare un contenuto sui social variano in base ai temi trattati, al tipo di pubblico, al luogo in cui si vive: fai un po’ di test, e magari leggi questi 3 post (inclusi i commenti) per farti qualche idea sul quando schedulare la ripubblicazione dei tuoi post.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

17 Comments

  • Grazie! ottime info. Nel mio piccolo sto già seguendo alcuni di questi suggerimenti, in particolare sul punto 5, non così scontato e semplice da definire perchè incide molto anche il tipo di contenuto… ma piano piano definirò anche questo. A presto e complimenti per i contenuti che puntualmente pubblichi. Sempre utili, veramente!

  • Ricerca interessante e consigli utili. Sul ripubblicare ho sempre avuto dei dubbi più che altro a livello di immagine: si rischia di essere pedanti e noiosi se fatto nella maniera corretta. Si potrebbe scrivere un post a riguardo.

    Ciao
    Daniele

  • Io di questa ricerca non ho capito se lo studio di Hubspot fa un confronto:
    “condivisione sui social network AUTOMATICA” versus “condivisione sui social network MANUALE”
    oppure
    “condivisione sui social network AUTOMATICA” versus “NESSUNA condivisione sui social network”.
    Nel primo caso, confesso che mi meraviglia: ero dell’idea che aggiungendo un commento specifico per ogni post si spingessero maggiormente i nostri amici o follower a cliccare sul link.
    nel secondo caso, beh…direi che è un po’la scoperta dell’acqua calda:
    è da almeno due anni che è si ottengono molte più visite condividendo i post nei social network.

    Davide

  • Sono dell’idea che una correlazione non implica una causa: sono tanti i casi di condivisione automatica che non portano a niente.

    E come sottolinea Davide, non è chiaro con cosa stiano confrontando, anche nella versione inglese il testo risulta ambiguo: “companies that automatically publish their blog posts to social media get 50% more leads than companies that don’t.”

    Fortunatamente intervengono i commenti all’articolo originale che chiariscono che l’automatizzazione di per sé non genera più leads ma aiuta nell’efficienza.
    Aggiunge anche che si potrebbero pubblicare le stesse cose manualmente nei momenti e con le parole appropriate e si avrebbero gli stessi risultati.

    Quello che sembrano dimostrare, dunque, questi dati è solo una correlazione tra l’auto-pubblicazione di post del blog sui social e l’uso efficace degli strumenti di pianificazione. Quindi…una scoperta un po’ ovvia.

  • Mi permetto di aggiungere che fare le cose “a mano” paga ancora di più che automatizzarle. Diciamo che tra il non fare seeding e farlo in modo automatico, è meglio farlo in modo automatico, ma tra il farlo in modo automatico ed il farlo manualmente (magari aggiungendo qualcosa di nostro a quello che condividiamo) è sicuramente meglio.
    Chiaro, no? 🙂

  • uhmmmmmmmm

    Studi americani che si applicano in America, dove si hanno numeri enormi. In Italia sono convinto che non solo la cosa non funzioni, ma addirittura potrebbe essere lesiva dell’immagine di chi la fa.

    Una cosa che tanti detestano di un social marketing fatto male, spesso proprio dai consulenti che si definiscono esperti, è la ripubblicazione automatica multi canale dei contenuti di una sorgente (blog o altro che sia).

    Come si può pensare che una forma comunicativa che va bene su un blog, possa andare bene su un social? e ancora più grave, come si può pensare che una forma comunicativa ottimizzata per Facebook possa andare bene su Twitter!

    Senza contare dell’effetto negativo che si prova a leggere un articolo in cui si parla del Marketing One 2 One, poi girato in modo automatico su 5 social, un blog ed il sito aziendale!!

    Poi chi lo fa si giustifica dicendo che così si riduce il costo delle operazioni. Ma ridurre il costo delle operazioni non rende un’azione “buona” di per sé!

    Perdonatemi, capisco che ognuno abbia le proprie opinioni, ma a me viene da ridere e non poco.

  • Verissimo @Rudy , meglio ancora entrambi, cercando di attirare con modifiche al titolo pertinenti, rami diversi di pubblico attraverso il sistema manuale.

  • I social sono un’importante fonte di traffico… e di leads!

    Purtroppo non faccio molto uso dei social, solo con Twitter ho un discreto successo, ma non ho mai amato Facebook in modo eccessivo.

    Ci farò un pensierino, grazie!

    STEFANO MANZOTTI

  • Cosa sono i “tool per schedulare la ripubblicazione dei post sui social” come funzionano? :-O

  • Scopro l’acqua calda: i social funzionano in base a quanto hai seminato in passato. Un corposo numero di amici o di seguaci darà maggior risalto all’azione.
    Piuttosto chiedo: è possibile agganciare twitter a digg o stumbleupon?

  • Sarebbe interessante capire quanto questi dati siano validi anche per il web italiano.

  • Lo studio di HubSpot conferma una cosa evidente (senza voler dare un significato negativo a questo termine). Se un blogger pubblica un articolo solo sul proprio sito otterrà un certo riscontro, se invece lo pubblica anche su Facebook, Google +, Twitter ecc. otterrà un’esposizione e un riscontro (leads) molto più ampio, dal momento che gli “amici” del blogger saranno numericamente molti di più.

    Inoltre, se i post vengono ripubblicati in orari in cui i social network sono più frequentanti, l’esposizione sarà ancor maggiore.

    Quello che sarebbe stato più interessante sapere (leggerò il report al più presto) è se questo sistema di pubblicare in modo automatizzato porti dei vantaggi nel SERP oppure no. Cioè sapere se un post pubblicato anche su Facebook, aumenta il posizionamento dell’articolo stesso su Google. Questo perché con Google Panda e successivi, sembra assumere sempre più peso “l’aspetto sociale” di un sito.

  • Sono da un pò di tempo alla ricerca di un plugin wordpress che gestisca la ripubblicazione dei post programmata: scegliendo un articolo a caso oppure in base alle categorie o altro. Mi risparmierebbe un bel pò di tempo..ho provato hootsuite ma devo per forza avere la versione a pagamento per avere questa funzione (e le funzioni base che mi offre sono già incluse in facebook). Qualcuno ha già trovato quello che cerco? Grazie

  • Ciao, ti ringrazio anzitutto per i preziosi consiglio.
    Volevo chiederti una cosa.
    Come posso pubblicare automaticamente nel mio blog articoli scritti presenti su altri blog scritti da altri autori?
    …oppure…come faccio a pubblicare un mio articolo contemporaneamente anche su altri blog su cui sono iscritto?
    Esiste questa possibiltà?
    Fabrizio

  • @Fabrizio: è possibile fare entrambe le cose, ma i motori di ricerca non amano molto la duplicazione dei contenuti, e di conseguenza chi la pratica (vedi questo mio vecchio post: https://blog.tagliaerbe.com/2008/08/aggregatori-di-feed.html ).

    La soluzione? Ovviamente è sempre quella che richiede più fatica 🙂 : creare in modo costante contenuti di qualità, di valore, che non siano già stati pubblicati altrove. Non è aumentando la mole di contenuti (duplicati) che puoi ottenere più visibilità/soldi; punta semmai a produrre meno contenuti ma di maggior qualità, e quindi divulgali attraverso i “mezzi etici” che permettono di farlo (ad esempio, Facebook, Twitter e FeedBurner).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy