Home » Branding » La Reputazione è più importante dei Soldi?

La Reputazione è più importante dei Soldi?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

“Nel mondo reale potresti essere una nullità, ma magari online sei un Re”, ha affermato Paige Craig, co-founder di BetterWorks e angel investor in più di 50 startup, fra le quali Klout.

E ha aggiunto: “In un mondo dove non ci sono più confini, dove le persone lavorano attraversando il tempo, le aziende e vari gruppi etnici, non c’è abbastanza tempo per approfondire la conoscenza. C’è bisogno di un qualcosa come Klout per misurare l’intensità di un rapporto. Qualcosa che permetta la social collaboration e il social commerce su una scala mai vista prima”.

Il nocciolo della questione è che Craig pensa che Klout possa essere in futuro più importante dei soldi: “la tua reputazione diventa più importante del tuo conto in banca”, ha detto.

Questo punto non è nuovo, ma merita una riflessione.

La reputazione è strettamente collegata al “trust”, come mostrato nell’immagine di Laurel Papworth in testa a questo post.

Laurel ha applicato quella scala a Twitter, ma credo possa essere estesa a tutti i social esistenti: le tue attività sulla Rete, il tono e la qualità dei contenuti che produci, il ruolo che assumi nelle discussioni e nei commenti, contribuiscono ad accrescere il tuo “trust”, fino a farti appioppare una delle qualifiche tanto di moda in certi ambienti del marketing: influencer, evangelist, trend setter.

Tutto questo si può misurare? Klout ci prova, e ha trovato anche chi ci crede al punto di finanziarlo con 40 (si, quaranta) milioni di dollari.

Tutto questo può sostituire il (vil) denaro? No. La reputazione è un “abilitatore” al denaro, ovvero un mezzo per ottenerne di più. Ma la reputazione deve andare di pari passo con le reali qualità/capacità di un individuo. Non può ridursi solamente ad un numerello (=Klout Score) che rischia di essere facilmente taroccato – come spesso avviene con l’Alexa Rank, che da un lato viene preso come oro colato, e dall’altro viene gonfiato ad arte dai soliti furbetti del quartierino.

Da 3 anni gira un simpatico progetto – The Whuffie Bank – che ambisce a coniugare reputazione e valuta (=più è alta la tua reputation sui social, più “Whuffie” guadagni): se un giorno anche Klout ci permetterà di guadagnare soldi, e intendo soldi veri, non oso immaginare quali taroccamenti si inventeranno alle nostre latitudini…

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Ciclo di vita di una startup

Una startup dalla nascita fino al consolidamento sul mercato o almeno fino alla perdita dei requisiti propri di una startup, attraversa diverse fasi, le quali

Perché molte startup falliscono?

Molti giovani aspiranti startupper troppo spesso rinunciano all’idea di costituire una startup innovativa spaventati dalla possibilità che l’idea possa non avere successo e comportare il

3 risposte

  1. Credo che la reputazione sia un moltiplicatore o un divisore di soldi: nel senso, buona reputazione può moltiplicarli (ma non è detto) e cattiva reputazione può diminuirli (ma non è detto),

  2. Secondo me è inversamente proporzionale, più aumenta la reputazione (e la percezione positiva del brand) più aumenta il fatturato/soldi e la disponibilità dell’utente a spendere.

  3. Commentando la stressante reputazione alberghiera tempo fa, avevo identificato 3 categorie in base alle variabili prezzo e reputazione:
    1)chi pensa solo a far soldi
    2)chi pensa a curare la reputazione per far soldi
    3)chi pensa solo a far reputazione.

    Ovviamente criticavo la terza posizione.
    Gran bel post…
    Complimenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *