Quanto vale Facebook?

Non so chi possa decidere quanto valga precisamente un’azienda prima della sua quotazione in Borsa, ma Business Insider ha comunque provato ad elencare l’andamento delle valutazioni di Facebook nel corso dagli anni, tirando fuori questa simpatica chart:

Il valore di Facebook nel corso degli anni


L’IPO di Facebook si vocifera che arriverà il prossimo anno, quindi nel 2012. Probabilmente, visto che Goldman Sachs (+DST) ha iniettato nel social ulteriori 500 milioni qualche giorno fa, sarà la banca che si occuperà del collocamento sul mercato dell’azienda (qualcuno dice anche che “Goldman Sachs aiuterà Facebook a raccogliere ulteriori 1,5 miliardi di dollari”).

Francamente non so se gioire o meno della cosa: purtroppo ricordo come fosse ieri quando Tiscali valeva più di FIAT, o Yahoo! più di Boeing. O quando Opengate, azienda che distava pochi chilometri da casa mia e prima società quotata al Nuovo Mercato, fallì clamorosamente (mentre solo qualche mese prima veniva pubblicato il libro “Opengate, storia di un successo“.

E’ vero, la bolla della new economy è esplosa più di 10 anni fa, i tempi son cambiati, e ai cialtroni non è più “concesso” di avvicinarsi alla Borsa (o almeno così dovrebbe essere, dopo le scoppole che hanno gettato sul lastrico migliaia di piccoli risparmiatori).

Ed è anche vero che Facebook è una azienda con oltre 500 milioni (strana analogia sulle cifre, nevvero? 🙂 ) di utenti registrati e profilati, e macina revenue molto interessanti (si parla di 2 miliardi di dollari lo scorso anno). A prima vista si direbbe sia una società solida, come solidi erano molti dei “papabili” alle IPO del 2010 (per la cronaca, nessuna di queste IPO ha visto la luce negli scorsi 12 mesi).

Già da quest’anno, però, qualcosa dovrebbe cambiare: solo negli Stati Uniti, si parla di quotazioni per un ammontare di circa 14 miliardi di dollari.

E il prossimo anno dovrebbe toccare finalmente a Facebook, anche se c’è già chi afferma, sia oltreoceano che qui da noi, che NON comprerà mai le azioni del popolare social. Sarà solo perché il 2012 porta jella?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

17 Comments

  • Articolo interessante, come spesso accade qui. Divertente il grafico.

    m

  • Non posso che quotare, avendo detto spesso le stesse cose, anche nei commenti sul Tagliablog.

    Assurda l’enorme valutazione di facebook così come lo fu quella di tiscali, e pure quella io l’avevo riconosciuta prima.

    Le banche d’affari vanno a nozze con le bolle, non credo mancheranno di gettare pure questa rete.

    Le premesse ci sono, per il modo scellerato con cui hanno gestito questa crisi finanziaria, ne avrei da dire, dico solo che c’è una marea di soldi ferma nei conti correnti, appena si muovono, perché sale la fiducia, è possibile che finiscano in una nuova bolla.

    http://research.stlouisfed.org/fred2/graph/?s%5B1%5D%5Bid%5D=M1

  • Articolo molto interessante. Bisogna dire che le “bolle” e le speculazioni in borsa sono sempre esistite e sempre esisteranno.

    La vera notizia è che ci stiamo sempre più spostando da business offline a business online.

  • Io non capisco bene come funzioni l’economia attorno a queste società (vedi anche Google), chi mi spiega gentilmente?

    Facebook se non ho capito male ha ricevuto circa 2 miliardi di dollari dagli azionisti l’anno scorso e quest’anno ne riceverà altri 500 milioni, con la possibilità che la banca la aiuti a prenderne altri 1,4 miliardi.

    Ma come ritornano dall’investimento? La pubblicità payperclick quanto genera di guadagni annui?

  • Piu’ di “quanto vale un’azienda” sarebbe il caso di chiedersi “quando e’ stabile il valore di un’azienda”, credo che oggi sia un dato molto piu’ interessante.

  • Speriamo che si quoti, cosi’ avremo un titolo sicuro su cui andare “short” 😉

  • Vincere qualche Super Enalotto e qualche Lotteria di Capodanno solo per comprare FB e farlo chiudere definitivamente.

    Sarebbe tutto molto piu’ semplice e piu’ bello.

    Ma i sogni sono belli solo perche’ sono tali 🙂

  • Con i dati attuali potrebbe valere 5 miliardi di fatturato a regime (2 miliardi attesi nel 2010), quindi il calcolo di 50 miliardi non è tanto distante da un ipotetico valore ma secondo me 30 sarebbe più reale; bisogna considerare che almeno il 70% degli utenti Facebook è low profile quindi non porta valore diretto.

    Conti alla mano però, con 5 miliardi di fatturato potrebbe tranquillamente valerne 30. La questione è che come sono nati twitter e facebook, un domani potrebbe nascere qualcos’altro che porterà via utenti e traffico.

    Su internet azzardare a 5 anni di distanza è dura.

    Ricordo una frase di qualcuno (forse Brin) che recitava più o meno cosi “Da qualche garage in questo paese sta nascendo un nostro temibile rivale” 🙂

  • @youon – cerca su google, trovi news dal 2004 a oggi che te lo spiegano….

  • A me sembra che gli utili siano ancora bassi per pensare a un’entrata in borsa

  • Grande Madri (Speriamo che si quoti, cosi’ avremo un titolo sicuro su cui andare “short” )

    io sono proprio daccordo con te!

    Mi sembra un’azienda ancora troppo legata ad una moda, che per quanto invasiva e pervasiva sia, resta comunque una moda.

    Perchè Facebook ha bisogno di capitali? Ma non fa una revernu molto interessante? perchè dividerla con gli altri?

    A me la cosa puzza!

  • Secondo me comunque Facebook rimarrà ancora per molto, perchè oltre ad essere una grossa impresa permette anche ad altri di “mangiarci” sopra (almeno per ora)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy