Quando un blog può dirsi famoso?

visita dal vaticano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Quando puoi considerarti una Blogstar?

Un lettore mi ha scritto:
“Sette mesi fa ho aperto un blog, e da settembre le visite sono aumentate parecchio. Ma il mio blog non figura in nessuna classifica, di link non ne ricevo come vorrei e di commenti ai post ancora meno. Significa quindi che non sono ancora abbastanza famoso, o autorevole, come dice qualcuno?”

Stavo per partire con una risposta serissima, scrivendo un post su cose come le public relations o il branding… ma oggi sono non sono in vena 🙂

Allora ho preferito scrivere un articoletto semi-ironico, sui 6 segnali che fanno capire quando un blog (anzi, sarebbe meglio dire un blogger) può considerarsi famoso:

1. Verrai invitato ad eventi

Verrai chiamato a presentazioni (più o meno esclusive) di prodotti o servizi, nella speranza (neanche troppo velata) di un tuo live coverage (o quantomeno di un bel post).
Spesso si tratta di aperitivi serali in noti locali di Milano (o di Roma): siccome io non abito nè a Milano nè a Roma, e non posso permettermi di perdere periodicamente mezza giornata di lavoro (e/o tornare a casa a notte inoltrata), declino gentilmente ogni invito di questo genere.

2. Ti verranno inviati prodotti (da recensire)

Simile al punto 1, solo che non devi muoverti da nessuna parte: è il prodotto che arriva da te, generalmente per posta (o corriere).
Anche qui la speranza, da parte di chi te lo invia, è in una tua bella recensione, magari con foto e video.
Purtroppo mi han sempre proposto oggetti assolutamente fuori target per gli utenti del mio blog… e comunque consiglio caldamente di evitare post che possano sembrare anche solo lontamente a pagamento (pena la perdita di fiducia dei lettori abituali, e magari anche una qualche penalizzazione di Google, se il post include link senza nofollow…).

3. Ti chiederanno di fare uno speech

Se inizi ad essere considerato come un personaggio autorevole nella tua nicchia, ti inviteranno a parlare in qualche convegno/evento.
Anche qui, il problema è che ti dovrai sobbarcare il viaggio verso Milano, Roma o qualche altra località (sicuramente lontana da casa tua), dovrai prepararti per tempo la presentazione e dovrai perdere ore/giorni di lavoro: valuta bene se il gioco vale la candela… visto che nessuno (o quasi) ti offrirà di pagarti. 

4. Ti chiederanno consigli di ogni tipo

Se sul tuo blog è presente una email pubblica o qualche instant messenger, verrai assalito da spammer (e questo è normale) ma anche da personaggi che pretenderanno di ricevere, ovviamente “aggratis”, ogni tipo di consulenza.
Personalmente rispondo a tutti quelli che han bisogno di un aiutino veloce, ma certamente non posso regalare ore e giorni del mio tempo a chi poi, i miei consigli, se li va pure a rivendere…

5. Verrai monitorato da alcuni servizi…

Quello che scrivi acquisirà col tempo un peso crescente, e i tuoi post finiranno quindi con l’essere oggetto dell’attenzione di società che si occupano di monitorare quello si dice su blog, forum e newsgroup.
Uno esempio di questi servizi è Vox Populi di Digital PR, che da tempo controlla quello che passa sul TagliaBlog 🙂 :

Vox Populi (Digital PR) monitora il TagliaBlog

Altra azienda che mi monitora è Andiamo Systems, società che si occupa di Social Media Analytics:

Andiamo Systems monitora il TagliaBlog

6. Ti leggeranno personaggi famosi

I blogger famosi leggono i blog famosi: in pratica è una cricca di persone che si parla un pò addosso 🙂
Ma son certo che ben pochi posso vantare certi lettori…:

Dalla Santa Sede visitano il TagliaBlog

(giuro che l’immagine qui sopra non è un fake).

In conclusione: fino a quando non ti capiteranno tutte queste cose, non potrai considerarti una blogstar 😀

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

26 Comments

  • Secondo me ormai avere un blog é roba per molti e dunque non riesce più a portare al successo… Troppi blog sullo stesso argomento creano solo confusione facendo perdere valore al blog in generale… Secondo me chi apre un blog al giorno d’oggi lo deve fare solo per piacere personale e non pensando di poter guadagnare con esso!!

    Reply
  • Ci vuole pazienza e lavoro,tanto lavoro.. sono da 5 anni in Libero Blog, sono conosciuta ,ma la gavetta è stata dura e continua ad esserlo.. ma sono soddisfatta del mio lavoro,un crepi il lupo a tutti ,un abbraccio..Hengel Meneghetti

    Reply
  • ho fondato il mio blog da due mesi circa e penso che non diventerò mai una star…
    ….ma in fondo chissenefrega!
    Ciao 🙂
    Ricky

    Reply
  • cosa dire, un bel post anche se quasi surreale, io penso che per diventare noti sul web, bisogna che passi un po di tempo, scrivendo post originali e non scopiazzati, e pian piano ci si riesce.
    comunque complimenti per il fervore e l’entusiamo.
    uno dei tanti…

    Reply
  • Siamo onesti
    Un blog diventa famoso quando quando e’ specifico:)
    Quando il 50% CAPISCE il 25% (1:2) di cio che scrive il blog e altro 50% che segue si informa solo per la scienza del sapere, e far finta di ricordarselo a cena tra amici…e dira sempre “Oggi ho letto una cosa sul blog di Tagliaerbe…interessante …VATTELO A LEGGERE”
    sai piu non si capisce un argomento piu ci sono seguaci.
    🙂 Sei diventato vecchio a 40 anni si fanno le comunity non piu i blog…oppure questo blog e piu una comunity che un blog????????????
    CHI SA????

    Reply
  • Bell’articolo Taglia, soprattutto alternativo ed interessante!
    Purtroppo per me soddisfo solo alcuni punti… quindi niente blogstar

    Reply
  • Dai …..è un post ironico ….. e non si può manco dire che questo non sia un blog di successo altrimenti non leggereste e commentereste neanche un post!:)

    Io aggiungerei anche un altro punto (sempre ironicamente eh) :

    7) Bisogna avere anche un pò di c…..

    eh eh eh….

    Reply
  • Grande Taglia eheheh 🙂

    7. I post potrebbero ottenere numerosi commenti (ma dipende dal settore)
    8. Vieni citato in giro su altri blog e forum 🙂

    Che ne dici? Li aggiungiamo?
    Ciao caro 🙂

    Reply
  • Simpatico il post!!!

    Posso chiederti che plugin utilizzi per le statistiche?, quelle che hai inserito in questo post.

    Grazie di tutto!!

    Reply
  • Ma è davvero utile diventare una blogstar (indipendentemente dallo scopo del blog)? O è solo una soddisfazione personale che fa perdere tempo?

    Reply
  • Buongiorno a tutti,

    per conto mio mi posso dire di iniziare ad essere un Blogstar ormai direi da 4 – 5 mesi. Con il mio progetto GenitronSviluppo.com investendo molti ambiti di settore mi ritrovo infatti richieste di ogni tipo. Per non parlare delle richieste via telefono o via mail (io infatti aggiungerei pure quello nel post).

    Sicuramente il discorso non è facile da affrontare quando ci si trova a gestire mille cose , appuntamenti richieste ovunque ma tutto parte infatti, come riportano i ragazzi che hanno scritto qui sopra, dall’obiettivo che ci si pone.

    Per la mia esperienza tutto parte da quell’obiettivo. Sicuramente per me che utilizzo la piattaforma per creare nuovi network e studiare strategie e prodotti di consulenza, selezionare gli eventi a mio parere migliori e dal quale posso ricavarne materiali, stimoli e clienti è necessario … anche se una rottura di scatole non indifferente dato che chi lavora in questo contesto è più abituato a lavorare via web comodamente che andare a spostarsi in treno di notte per guadagnare tempo e fare PR di persona e in eventi.

    Ora devo scappare perché il tempo corre!

    Buon lavoro a tutti!

    Daniel – GenitronSviluppo.com

    Reply
  • Dall’esterno questo potrebbe sembrare un post autoreferenziale: mi invitano ad eventi, mi chiedono consigli, mi invitano a parlare, mi tengono sotto osservazione, mi legge anche il Papa.

    Forse era meglio proporre lo stesso articolo analizzando un altro blog famoso (ovviamente richiedendo alcuni dati altrimenti inaccessibili).

    Ma qualcun altro avrebbe detto che stavi facendo pubblicità ad un tuo amico.

    Dei 6 punti elencati, credo che il più importante sia il 3: se ti chiamano a parlare vuol dire davvero che conti qualcosa, credo.

    Aggiungerei “ti chiederanno di inserire un banner sul tuo sito” (al netto dello spam che è forte anche su questo tema).

    Reply
  • troppo carino questo post!!! tra un anno vi farò sapere se mi faranno presentare il dopofestival 🙂
    ora il mio blog è ancora troppo giovane!!!

    Reply
  • Ragazzi/e: spero sia chiaro che il post vuole essere ironico… il sottoscritto (chi mi conosce, anche solo virtualmente, lo sa bene) non si è mai messo su alcun piedistallo e non ambisce ad essere famoso… semmai preferisco ricco 😀

    Reply
  • Ritengo che diventare blogger famosi sia pericoloso… perchè si presta molto ad una “commercializzazione” del blog snaturandolo totalmente!

    Nicola

    Reply
  • @Mario: non credo che il post sia spocchioso, ma al contrario credo che affronti il tema in maniera chiara e ironica!

    Anche per me credo che ne debba passare per diventare famoso ma, come per luciana, anche io non aspiro ad esserlo!

    Cerco di andare avanti con le mie idee e i miei progetti, il resto non mi importa!

    Un saluto

    Stefano

    Reply
  • Bene…. ho la certezza che deve passare ancora un bel po’ d’acqua sotto i ponti, come si suol dire.

    A dir la verita’ non ho mai avuto la pretesa di essere una blogstar e nemmeno aspiro ad esserlo.

    Pero’ mi piace questo blog e i post che vengono scritti, anche se non sempre li commento.

    Reply
  • Se mi posso permettere é un post un po spocchioso, dove la tesi di fondo é “io sono famoso, ma non mi filo nessuno perché sono oltre”.

    Reply
  • Ok, allora è confermato: non sono ancora famoso.
    Per ora soddisfo solo i criteri 1,2,4 ,5 e 6 (anche se non dal vaticano)
    Quando mi chiederanno di parlare allora sarò una vera blogstar 😀

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Quando un blog può dirsi famoso?
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi