Quali elementi di una pubblicità online catturano maggiormente l’attenzione?

A bocca aperta davanti ad un banner? :-)

Dopo il post su orari e tipologia dei siti, completiamo oggi l’argomento con gli “elementi”.

Se ci sono infatti orari e momenti migliori nei quali si è più ricettivi verso gli annunci pubblicitari, è però necessario che il banner includa obbligatoriamente alcune caratteristiche per attirare l’occhio dell’utente (e, di conseguenza, aumentare la probabilità che venga cliccato).

Rilevanti, utili e… “scontati”

A quale tipo di banner presti maggior attenzione?

In generale, i banner che attirano maggiormente l’attenzione sono quelli:

  1. pertinenti
  2. utili
  3. che offrono un risparmio o uno sconto

Con alcuni distiguo:

  • Gli utenti più giovani sono attratti anche da banner che propongono informazioni nuove e/o esclusive, nonchè da quelli di tipo entertaining
  • Gli utenti più anziani sono quelli che meno si fanno distrarre dagli online ads (quasi un ultra55enne su tre dice di non farci caso)

Visti e (non) cliccati

Quale di questi banner hai visto o cliccato?

Da quanto si può notare qui sopra, in Google possono dormire sonni tranquilli: quasi la totalità degli utenti ha visto (e spesso cliccato) un link sponsorizzato all’interno di una SERP.

Stessi risultati per i “classici banner” (anche se il numero di coloro che a volte cliccano è inferiore a quelli che vedono e basta), e ottimo terzo posto per l’email advertising, che si dimostra uno strumento pubblicitario particolarmente efficace soprattutto per i non più giovanissimi: il 34% degli utenti fra i 25 e i 34 anni ha dichiarato infatti di aver visto, e a volte cliccato, su un annuncio contenuto in una email.

Curiosi infine i numeri di due tipologie di banner oramai tramontate, pop-up e pop-under: l’occhio ci cade spessissimo, ma il bottone del mouse sembra proprio di no 🙂

Fonte: Essentials for attention grabbing online ads (ricerca di Lightspeed e IAB UK).

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

4 Comments

  • Interessanti indicazioni… E che danno anche un’idea di come sia necessario studiare ogni tecnica per incrementare i clic sui banner!

  • Ancora a parlare di pop-up e pop-under?
    Ma non li avevamo dati per morti (complici i browser che li bloccano di default) già diverse volte? 🙂

  • Davvero interessanti questi dati, anche se i banner vengono cliccati sempre meno da indagini statistiche… Grazie DAvide per l’articolo!

  • Il punto che trovo più interessante è la distinzione tra utenti “giovani” e “anziani”, forse andrebbe maggiormente indagato.
    Comunque, come al solito, grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy