Home » Advertising » Quali elementi di una pubblicità online catturano maggiormente l’attenzione?

Quali elementi di una pubblicità online catturano maggiormente l’attenzione?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

A bocca aperta davanti ad un banner? :-)

Dopo il post su orari e tipologia dei siti, completiamo oggi l’argomento con gli “elementi”.

Se ci sono infatti orari e momenti migliori nei quali si è più ricettivi verso gli annunci pubblicitari, è però necessario che il banner includa obbligatoriamente alcune caratteristiche per attirare l’occhio dell’utente (e, di conseguenza, aumentare la probabilità che venga cliccato).

Rilevanti, utili e… “scontati”

A quale tipo di banner presti maggior attenzione?

In generale, i banner che attirano maggiormente l’attenzione sono quelli:

  1. pertinenti
  2. utili
  3. che offrono un risparmio o uno sconto

Con alcuni distiguo:

  • Gli utenti più giovani sono attratti anche da banner che propongono informazioni nuove e/o esclusive, nonchè da quelli di tipo entertaining
  • Gli utenti più anziani sono quelli che meno si fanno distrarre dagli online ads (quasi un ultra55enne su tre dice di non farci caso)

Visti e (non) cliccati

Quale di questi banner hai visto o cliccato?

Da quanto si può notare qui sopra, in Google possono dormire sonni tranquilli: quasi la totalità degli utenti ha visto (e spesso cliccato) un link sponsorizzato all’interno di una SERP.

Stessi risultati per i “classici banner” (anche se il numero di coloro che a volte cliccano è inferiore a quelli che vedono e basta), e ottimo terzo posto per l’email advertising, che si dimostra uno strumento pubblicitario particolarmente efficace soprattutto per i non più giovanissimi: il 34% degli utenti fra i 25 e i 34 anni ha dichiarato infatti di aver visto, e a volte cliccato, su un annuncio contenuto in una email.

Curiosi infine i numeri di due tipologie di banner oramai tramontate, pop-up e pop-under: l’occhio ci cade spessissimo, ma il bottone del mouse sembra proprio di no 🙂

Fonte: Essentials for attention grabbing online ads (ricerca di Lightspeed e IAB UK).

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Ciclo di vita di una startup

Una startup dalla nascita fino al consolidamento sul mercato o almeno fino alla perdita dei requisiti propri di una startup, attraversa diverse fasi, le quali

Perché molte startup falliscono?

Molti giovani aspiranti startupper troppo spesso rinunciano all’idea di costituire una startup innovativa spaventati dalla possibilità che l’idea possa non avere successo e comportare il

4 risposte

  1. Il punto che trovo più interessante è la distinzione tra utenti “giovani” e “anziani”, forse andrebbe maggiormente indagato.
    Comunque, come al solito, grazie!

  2. Davvero interessanti questi dati, anche se i banner vengono cliccati sempre meno da indagini statistiche… Grazie DAvide per l’articolo!

  3. Ancora a parlare di pop-up e pop-under?
    Ma non li avevamo dati per morti (complici i browser che li bloccano di default) già diverse volte? 🙂

  4. Interessanti indicazioni… E che danno anche un’idea di come sia necessario studiare ogni tecnica per incrementare i clic sui banner!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *