Quali banner guardiamo di più?

Dopo gli studi sulle differenze fra uomini e donne e sulla Timeline di Facebook, oggi parliamo di una nuova ricerca di EyeTrackShop sul posizionamento dei banner e sui visi umani all’interno di essi.

Posizione dei banner

Percentuale di banner visualizzati in base alla posizione

Attualmente, la maggior parte dei siti web editoriali include un banner rettangolare (solitamente un leaderboard 728×90) in alto e uno più o meno quadrato (un medium rectangle 300×250) appena sotto, sulla spalla di destra.

Effettivamente questi 2 formati, in quelle 2 posizioni, registrano una buona visibilità: il leaderboard l’81%, mentre il medium rectangle il 74%.

Curiosamente, pochissimi layout hanno oggi una spalla sulla sinistra, dove invece pare che i banner si vedano meglio (84%) – cosa peraltro suggerita anche da vecchi studi di eye tracking effettuati da Google.

Rimangono confermate le pessime performance dei banner below the fold: solo il 33% degli utenti visualizza il banner posizionato “sotto la piega” della pagina.

Banner con visi

Percentuale di banner visualizzati in base alla presenza o meno di un viso umano

Inserire visi umani negli annunci pubblicitari rimane una scelta vincente: una skin con i volti di un uomo e una donna è stata infatti guardata dal 100% degli utenti, rispetto a quella con un annuncio testuale che ha calamitato solo l’80% degli sguardi.

Personalmente non posso che confermare la validità dell’elemento umano nel banner, anche alla luce delle percentuali di click e conversioni osservate con i miei occhi alcuni anni fa.

Dal CPM a Real CPM

Mathias Plank, CEO di EyeTrackShop, propone dunque il passaggio dal CPM al Real CPM: il costo del banner viene legato alla sua visibilità all’interno della pagina, non solo in base alla posizione della creatività ma anche degli elementi che la caratterizzano (ad esempio, il Real CPM della skin testuale è inferiore a quella con i volti umani).

L’idea è simpatica, ma irrealizzabile: per ogni sito e per ogni singola campagna pubblicitaria, andrebbe infatti effettuato uno studio di eye tracking ad hoc, e non credo proprio sia una via economica e praticabile…

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

3 Comments

  • Interessante, forse era meglio chiedersi: ‘Quali banner guardiamo di meno?’
    🙂

  • Ripeto, i banner testuali incassano di meno a vengono più cliccati, perchè l’utente ha l’impressione che siano omogenei alla pagina web in cui sono contenuti. I banner in flash incassano di più però sono meno cliccati.

  • d’accordo con te ma credo sia importante fare valutazioni più o meno care sulle posizioni in pagina. Certo uno studio di eyetracking non si può ma valutare economicamente una posizione sul reale impatto di visualizzazione sarebbe importante. Ora accade solo in parte sopratutto con gli editori più importanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy