Pochi “bad link” in uscita NON possono danneggiarti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Nelle inossidabili istruzioni per i webmaster di Google è scritto: “evita i link a siti di spam o “cattivi vicini” sul Web poiché ciò potrebbe influire negativamente sul tuo posizionamento”.

In buona sostanza – come scrivevo anni fa in un post sui link in uscita – bisognerebbe prestare molta attenzione quando si linkano risorse esterne, perché linkare un sito che Google “vede male” è un po’ come “avvicinarsi” a lui, con tutte le conseguenze negative del caso (mai sentito parlare di Penguin Update? 🙂 ).

Ma se nel corso del tempo ho pubblicato migliaia di post, con dentro migliaia di link verso risorse esterne, e ora qualcuno di quei siti che ho linkato ha cambiato tema ed è – per esempio – diventato un sito spammoso, cosa rischio?

Matt Cutts ha chiarito le cose in questo video:

“Supponiamo di aver linkato un buon sito. Mi piace molto, e quindi lo linko. Penso che sia utile per i miei utenti. Google segue quel link, gli utenti sono felici, la vita mi sorride. Poi però quel sito sparisce. Magari il webmaster ha lasciato scadere il dominio, e ora su quel dominio c’è un sito porno, o qualcosa di brutto. Rischio di essere penalizzato per questo? In linea generale, no.

Avere solo qualche vecchio link che punta a risorse spammose non ti creerà problemi; ma se la maggior parte dei tuoi link punta a risorse spammose, pornografiche o fuori tema, la cosa potrebbe iniziare a influenzare la reputazione del tuo sito. Google guarda le cose in modo globale, e succede sempre che dei vecchi link possano puntare verso risorse che restituiscono un 404, che le informazioni contenute cambino o che possano diventare spam.

Quindi se hai un solo link che punta ad un contenuti di cattiva qualità, che è cambiato da quando hai messo inizialmente il link, non stai incorrendo in problemi. Al tempo stesso, Google è in grado di riconoscere in vari modi chi cerca di linkare siti spammosi o di pessima qualità. Quindi, in linea generale, io non mi preoccuperei. Preoccupati se stai cercando di nascondere un sacco di link spammosi, ma non preoccuparti se un solo link in uscita punta ora ha un sito di scarsa qualità, o non stare di ricontrollare ogni singolo link in uscita dal tuo sito.”

Riassumendo

I 3 punti che ritengo più interessanti nel discorso di Cutts sono i seguenti:

  1. “off-topic stuff”: stai attento non solo ai siti davvero “marci”, ma anche a linkare quelli completamente fuori tema rispetto al tuo sito; alla lunga anche questi link posso “confondere” Google.
  2. “we look at the overall nature of the web”: questa frasetta sembra confermare che Google traccia la storia e l’evoluzione dei siti web nel corso del tempo. Pertanto può capire anche le eventuali modifiche effettuate dal webmaster sui link in uscita, e se queste sono naturali o “furbette”.
  3. “don’t re-check every single link on your site”: su questo punto sono un po’ meno d’accordo. Certamente non è il caso di ricontrollare periodicamente a manina tutti i link in uscita per vedere se funzionano o no, ma magari può essere utile automatizzare la cosa grazie a qualche tool. Per esempio, puoi utilizzare Xenu Link Sleuth, o se usi WordPress un plugin come Broken Link Checker o Outbound Link Manager. A corredo di tutto, è sempre bene far riferimento agli Strumenti per i Webmaster di Google, che nella sezione Salute->Errori di scansione riportano tutti gli URL non trovati e non seguiti.

Se hai qualche esperienza negativa circa l’uso dei link in uscita, o se usi qualche altro tool per monitorarli, posta pure un commento qui sotto. 🙂

Wordlift
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

6 Comments

  • @Pluto fondamentalmente l’obiezione è corretta, è solo che – secondo me, ovviamente – nella maggioranza dei casi la link building operata in questo settore non è proprio esemplare 😛

    Reply
  • A proposito di link rotti, quello su “Strumenti per i webmaster” non funziona 🙂

    Reply
  • Ma un sito porno non può essere di buona qualità? Perche google dovrebbe considerarlo a priori spam?

    Reply
  • ma che monotonia questa SEO sono anni che ormai si dicono sempre le stesse cose 🙂

    Reply
  • La cosa che dovremmo chiederci è, perchè linkare siti di scarsa qualità?
    Chi lo fa, solitamente ha un unico obiettivo, vendere link.

    Francamente rischiare di essere penalizzati per guadagnare qualche spicciolo dovrebbe farci riflettere sul nostro modello di business e sulla propria solidità nel tempo.

    Reply
  • Ciao, soprattutto dopo gli update di google consiglio a tutti di rivedere i propri “scambi di link”: va molto di moda, ultimamente, questo tipo di comportamento:
    -“Ah si, ho tolto il tuo link perchè google mi ha un pò penalizzato…”
    -“Ah ok.. Ma perchè non mi hai avvertito?”…
    Piccole furbizie figlie del pinguino 🙂 Controllate!
    Ciao

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Pochi “bad link” in uscita NON possono danneggiarti
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi