“Perchè hai un blog, se non ti porta nulla?”

Scrivere post per soldi... o con un altro obiettivo? :-)

Un lettore mi ha fatto proprio la domanda che trovi nel titolo:

“Anche di recente ho letto un tuo post dove dici che mettendo i banner su un blog non si guadagna nulla. E allora per quale motivo continui a postare?”

In passato avevo già risposto a questa domanda, spiegando che i benefici sono parecchi, e spesso vanno al di là del “vil denaro”. Te le riassumo in un altri 4 modi:

Leggo moltissimo e non ho una eccellente memoria. Scrivere mi permette quindi di fissare meglio i concetti importanti. E spesso, se scrivo, mi escono letteralmente dalla mani pensieri che altrimenti resterebbero intrappolati nella testa, quasi che solo scrivendo riescano ad emergere. Potrei arrivare a dire che lo scrivere potenzia e sviluppa il pensiero, le connessioni neurali e la “capacità di elaborazione”.

Ogni singolo post è una sfida con i motori di ricerca. Mi piace vedere come un articolo possa posizionarsi più o meno bene solamente inserendo nel giusto ordine le parole nel titolo. O anche solo azzeccando i giusti termini, o il “momento storico” migliore. Scrivere quotidianamente ti consente di affinare le tue capacità di SEO copywriter… e col tempo capirai che scrivere in modo naturale, senza pensare alla keyword density o agli anchor text, produce risultati uguali (anzi migliori) dello scrivere con in mente solo il posizionamento nei motori.

Più importante è il contributo che possono portarmi i lettori. Per lettori intendo quelli attivi, ovvero i commentatori (o anche chi, magari per qualche strano senso di timidezza, non commenta ma poi mi scrive via email, o instant messenger). Penso che molti tipici quotidiani online non inseriscano la possibilità di commentare proprio perchè vogliono mantenere un senso di distacco e (finta) autorevolezza nei confronti di chi li legge. Oltre alla paura (e alla incapacità) di gestire correttamente il dialogo/confronto, ovviamente. Personalmente posso invece dire di essere cresciuto molto proprio grazie alla community che si è raccolta intorno al TagliaBlog: un buon commento (anche se negativo o non propriamente “allineato”) può farti vedere un aspetto che non avevi considerato, o che è completamente al di fuori della tua forma mentis.

Infine, hai presente il motto “uccide più la penna della spada?” Parafrasandolo, direi che “può fare di più una tastiera che 100 attestati e specializzazioni”. Con quello che scrivi sul blog puoi costruire la tua più importante “emanazione” online. Puoi crearti un solida e forta reputazione all’interno della nicchia in cui sei competente e appassionato, e far crescere il tuo personal brand. E a quel punto entrai in contatto con persone interessanti e stimolanti, alcune delle quali ti offriranno importanti opportunità lavorative, magari proprio nel settore che prediligi.

E tu, continui a pensare che vendere banner sia il focus principale al quale un blogger deve puntare? 🙂

Condividi questo articolo:
Default image
Max Valle
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.