Quali contenuti condividiamo, e perché?

Dopo un post sul cosa e uno sul come, eccotene uno sui quali contenuti condividiamo sui social media, e sul perché lo facciamo 🙂

Da una recente ricerca di Ipsos OTX, condotta a livello mondiale su 12.420 “condivisori”, è emerso che:

• il 61% condivide cose che reputa interessanti
• il 43% condivide cose che reputa importanti
• il 43% condivide cose che reputa divertenti
• il 37% condivide cose per far sapere ad altri in cosa crede e cosa realmente è
• il 30% condivide cose per suggerire ad altri un prodotto o un servizio
• il 29% condivide cose per mostrare il proprio supporto ad una causa o ad una organizzazione
• il 26% condivide cose che reputa uniche
• il 22% condivide cose per far sapere ad altri cosa sta facendo
• il 20% condivide cose per inserirsi in una conversazione
• l’11% condivide cose per dimostrare che ne è a conoscenza

I dati completi della ricerca Ipsos OTX

Interessante notare le enormi differenze esistenti fra le varie aree del mondo.

Ad esempio, in Argentina (48%) e Sud Africa (43%) sembra ci siano molte più persone disposte a sostenere una causa, e a farlo sapere ad altri, rispetto che in Corea del Sud (5%). Magari perché nei primi 2 paesi ci sono parecchi problemi politici e/o sociali, che non ci sono in South Korea.

In Arabia Saudita (65%) e Brasile (60%) pare invece ci siano molte persone orgogliose di mostrare le proprie convinzioni sui social, rispetto che in Giappone (19%). In effetti penso ai brasiliani come più espansivi rispetto ai riservati giapponesi, ma non avrei scommesso sugli arabi.

Infine in Turchia (46%), Brasile (41%), Indonesia (40%) e India (39%) si è molto più propensi a consigliare un prodotto o un servizio tramite i social network, rispetto a Giappone e Sud Corea (entrambi al 16%): se vuoi fare social commerce, evita l’Oriente! 🙂

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

3 Comments

  • In Italia la % dell’indagine che fa riferimento a: “il 22% condivide cose per far sapere ad altri cosa sta facendo” è sicuramente il doppio o il triplo rispetto alla media mondiale 🙂

  • Carina la chiusura, peccato che l’Indonesia non si possa considerare in nessun altra parte del mondo che non in oriente…

  • Articolo molto interessante.
    Grazie per la condivisione 🙂
    Corea del sud è una realtà a parte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy