Home » Social Network » Quali contenuti condividiamo, e perché?

Quali contenuti condividiamo, e perché?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Dopo un post sul cosa e uno sul come, eccotene uno sui quali contenuti condividiamo sui social media, e sul perché lo facciamo 🙂

Da una recente ricerca di Ipsos OTX, condotta a livello mondiale su 12.420 “condivisori”, è emerso che:

• il 61% condivide cose che reputa interessanti
• il 43% condivide cose che reputa importanti
• il 43% condivide cose che reputa divertenti
• il 37% condivide cose per far sapere ad altri in cosa crede e cosa realmente è
• il 30% condivide cose per suggerire ad altri un prodotto o un servizio
• il 29% condivide cose per mostrare il proprio supporto ad una causa o ad una organizzazione
• il 26% condivide cose che reputa uniche
• il 22% condivide cose per far sapere ad altri cosa sta facendo
• il 20% condivide cose per inserirsi in una conversazione
• l’11% condivide cose per dimostrare che ne è a conoscenza

I dati completi della ricerca Ipsos OTX

Interessante notare le enormi differenze esistenti fra le varie aree del mondo.

Ad esempio, in Argentina (48%) e Sud Africa (43%) sembra ci siano molte più persone disposte a sostenere una causa, e a farlo sapere ad altri, rispetto che in Corea del Sud (5%). Magari perché nei primi 2 paesi ci sono parecchi problemi politici e/o sociali, che non ci sono in South Korea.

In Arabia Saudita (65%) e Brasile (60%) pare invece ci siano molte persone orgogliose di mostrare le proprie convinzioni sui social, rispetto che in Giappone (19%). In effetti penso ai brasiliani come più espansivi rispetto ai riservati giapponesi, ma non avrei scommesso sugli arabi.

Infine in Turchia (46%), Brasile (41%), Indonesia (40%) e India (39%) si è molto più propensi a consigliare un prodotto o un servizio tramite i social network, rispetto a Giappone e Sud Corea (entrambi al 16%): se vuoi fare social commerce, evita l’Oriente! 🙂

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Ciclo di vita di una startup

Una startup dalla nascita fino al consolidamento sul mercato o almeno fino alla perdita dei requisiti propri di una startup, attraversa diverse fasi, le quali

Perché molte startup falliscono?

Molti giovani aspiranti startupper troppo spesso rinunciano all’idea di costituire una startup innovativa spaventati dalla possibilità che l’idea possa non avere successo e comportare il

3 risposte

  1. In Italia la % dell’indagine che fa riferimento a: “il 22% condivide cose per far sapere ad altri cosa sta facendo” è sicuramente il doppio o il triplo rispetto alla media mondiale 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *