Perchè certe campagne pubblicitarie online non funzionano?

Lavoro da un pò di tempo nel settore dell’advertising online (o della pubblicità sul web, per dirla in italiano 🙂 ).
In questi mesi (ormai anni) ho visto passare sotto i miei occhi tantissime campagne pubblicitarie, la maggior parte delle quali hanno performato molto bene.
Alcune di queste, però, non hanno portato all’acquirente il tornaconto previsto, e la colpa non è del publisher…

I 5 motivi del flop

Ho individuato 5 principali cause che possono portare una campagna pubblicitaria a generare un risultato deludente.

  1. Pochi soldi
    Si vuole ottenere la Luna spendendo qualche euro. Col risultato che si compra il banner più piccolo, nella posizione più nascosta, e con una pressione percentuale ridicola. Consiglio spassionato: quando si ha un budget piccolissimo, meglio puntare su Google AdWords.
  2. Sito fuori target
    E’ bene indirizzarsi esclusivamente sul sito (o sui siti) in target col prodotto/servizio che si commercializza.
    Molto spesso, i siti più importanti hanno un Media Kit che include il profilo degli utenti, oltre ad altri interessanti dati statistici: consultatelo attentamente, ed eviterete errori di valutazione clamorosi.
    Inoltre, se il sito sul quale intendete investire ha vari “canali”, scegliete solo quelli più affini al vostro business (con l’aggiunta, eventualmente, dell’home page).
  3. Banner orrendo
    Se non siete in grado di produrre da soli buone creatività, fate riferimento ad un grafico.
    Ho visto banner, nella stessa identica posizione e dimensione, performare fino a 10 volte meno di altri (a livello di click-through rate) solo a causa di un brutto messaggio e/o una brutta immagine.
    Se possibile, consiglio di utilizzare (sobriamente) flash, e formati grossi ben integrati nei contenuti del sito.
  4. Landing page inesistente
    Una volta che l’utente clicca sul banner e quindi arriva sul vostro sito, deve trovarsi su una fantastica “pagina d’atterraggio” (landing page), creata in modo di fargli compiere l’azione voluta (compilazione di un form, acquisto di un prodotto, etc.).
    Mi è invece capitato più volte di far puntare il banner di uno specifico prodotto/servizio direttamente alla home page, con i risultati che potete ben prevedere…
  5. Web analytics, questa sconosciuta
    C’è anche chi compra una campagna pubblicitaria, ma non è poi in grado di analizzarne il successo (o l’insuccesso).
    La causa principale? completa assenza di un sistema di statistiche, di tracking, di web analytics.
    Senza un sistema del genere (e di qualcuno in grado di saperlo leggere 🙂 ) non è ovviamente possibile capire se, quando, come, da dove arrivano e da dove escono i visitatori.

Conclusioni

Un investimento in pubblicità online è, attualmente, molto più economico e molto più “tracciabile” di uno su qualsiasi altro media.
Ma se volete evitare di buttare i soldi dalla finestra, dovrete necessariamente conoscere qualche nozione basilare (iniziando, ad esempio, da una semplice guida al web advertising).
Altrimenti continuate pure a comprare pagine su quotidiani e riviste (o spot alla radio e in TV), spendendo un occhio della testa, fidandovi dei (falsi) numeri che vi dicono e soprattutto senza poter misurare minimamente i risultati 🙂

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

3 Comments

  • Ottimo post!

    Sicuramente mette in evidenza alcune punti deboli ancora del web-marketing ossia l’ignoranza del mezzo.

    Basterebbe utilizzare un decalogo come questo ogni tanto per un ottimo lavoro! Al seguito del quale aggiungerei “vendere prodotti e servizi di qualità”.

    La responsabilità ho notato molto spesso comunque dipende più dal cliente che dal web-marketer troppo legato alla logica del punto 1 “pochi soldi” mentre si perde per strada il concetto della qualità dell’intera campagna e servizio venduto.

    Buon lavoro a tutti!

    Daniel – GenitronSviluppo.com

  • Purtroppo come spesso avviene, ci si improvvisa.
    Si pensa che comprare quattro AdWords sia cosa semplicissima, che basti scegliere due parole o tre, mettere assieme due messaggi, fornire la carta di credito e via!
    Poi ci si stupisce del fatto che non abbia reso nulla e si va in giro a dire che il PPC non rende.

    Una campagna seria si impiega giorni per farla partire. Gli annunci devono essere redatti con criteri psicologici. Ho visto campagne passare da CTR 0 a CRT 10% solo per aver girato al femminile delle frasi inizialmente al maschile.

    Le chiavi? La maggioranza le prende dai suggerimenti di Google. Non c’è cosa più sbagliata, per vere campagne. Google suggerisce il passato, il PPC deve lavorare sul futuro. Le chiavi non si chiedono a Google. Semmai con Google si rifiniscono e completano.

    E la landing? Quanti non si rendono conto che le quattro ore impiegate a fare una landing può farti spendere migliaia di euro in meno? Il Quality Score dipende fortemente dalla landing e campagne serie non possono essere effettuate con una sola landing o peggio senza.

    Potremmo stare qui a parlarne per ore 🙂

  • c’è una maniera x sapere quanto spende un sito su adwords?cioè spiego meglio, c’è un sito sopra di me x una key particolare e vorrei andargli avanti, ma non so quanto occorre spendere x stare avanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy