Le parole più popolari in Google AdWords (Italia)

Parole più popolari in Google AdWords
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Google AdWords è la piattaforma pubblicitaria con cui si può promuovere un sito attraverso il posizionamento non organico. AdWords permette alle aziende di impostare un budget per la loro pubblicità e pagare solo quando gli utenti fanno clic sugli annunci. Il servizio di annunci è in gran parte focalizzato sulle parole chiave. Ogni parola chiave che si sceglie ha un costo per clic (CPC). Le offerte specificano l’importo massimo che un utente è disposto a pagare ogni volta che qualcuno clicca sull’annuncio (il costo massimo per clic).

Molte imprese considerano Google AdWords un metodo economicamente efficace per aumentare il traffico del proprio sito web. Ma vi siete mai chiesti quali obiettivi un annuncio di AdWords deve raggiungere? Deve spiccare, catturare l’attenzione, destare curiosità, costruire una forte connessione emozionale e, alla fine, indurre gli utenti a fare clic.

Tante aspettative per una stringa di testo di appena 100 caratteri!

Per questo i copywriter, i marketer e gli imprenditori che creano gli annunci AdWords per il proprio brand si sforzano così tanto nella ricerca di un testo efficace, accattivante, in grado di convincere a prima vista un potenziale cliente.

Da сhe cosa è composto l’Ad Copy?

Elementi dell'Ad Copy

Headline (titolo) – Quello che è mostrato nella parte superiore dell’annuncio. Hai 25 caratteri (spazi inclusi) per scrivere un testo capace di colpire alla prima impressione.

URL – L’URL che scegli non deve essere per forza l’indirizzo della pagina web di destinazione del tuo annuncio, ma deve essere rilevante. Hai 35 caratteri per il link.

Descrizione Linea 1 e Descrizione Linea 2 – Anche qui puoi usare 35 caratteri per le due righe del ‘corpo’ dell’Ad Copy.

Nel 3° trimestre dello scorso anno, Adobe Digital Index ha annunciato che il CTR di AdWords ha avuto una crescita annuale del 14%, con solo il 4% di crescita di YOY CPC (fonte).

Questo suggerisce che i marketer riescono ad aumentare il numero di clic, senza bisogno di aumentare l’offerta.

Per scoprire come questo avvenga abbiamo analizzato 2.728.107 annunci di AdWords su 1.263 domini italiani con un budget pubblicitario mensile di circa 1.000 $, per scoprire le parole, le frasi e altri elementi che vanno per la maggiore e che danno i migliori risultati (abbiamo escluso le preposizioni, le congiunzioni e le particelle).

Perché concentrarsi solo sulle parole?

Certamente ci sono anche altri elementi che influenzano l’efficacia di un annuncio di AdWords: sitelink, targeting, tipo di annuncio e molto altro. Ma il testo dell’Ad Copy è l’elemento prevalente. Inoltre, è un fatto ben noto che le parole hanno un enorme potere sulle persone. Esse influenzano i comportamenti, modificano l’umore e hanno effetto sulle decisioni che si prendono.

L’Headline (titolo) deve creare una predisposizione positiva dell’utente nei confronti dell’annuncio, catturare la sua attenzione e indurlo a compiere una determinata azione.

Ecco le 10 parole più popolari nei titoli di AdWords in Italia

Le parole più popolari nei titoli di AdWords

L’obiettivo di efficacia dei titoli può essere raggiunto con parole come online, offerte, prezzo, miglior, garantito ecc. Possiamo anche vedere che tra le parole più popolari ci sono alcune che riguardano specificamente il settore travel: hotel si trova al primo posto e anche voli è fra i primi 10. Inoltre nella lista vediamo due giganti dell’e-commerce: Amazon e Ebay.

Body copy (la descrizione): questa parte dell’annuncio è invece usata per stimolare l’azione reale attraverso la unique selling proposition (USP), che deve invogliare il potenziale cliente a fare un clic sull’annuncio.

Le parole più popolari nella descrizione di AdWords

Come si può vedere, tra le parole maggiormente usate nel corpo dell’annuncio ritroviamo quelle che funzionano nei titoli, ma anche i verbi nella forma dell’imperativo, che servono per suscitare una risposta immediata, la cosiddetta “call to action”: qui il vincitore è trova. Questa top 10 si chiude con scopri e prenota. Possiamo notare anche le parole ora, risultati e gratis che ovviamente servono per indurci a fare clic.

Non è un segreto che alcuni prezzi hanno un impatto psicologico sui consumatori. Partendo dalle vetrine ognuno mostra di avere i prezzi migliori su determinati prodotti, cercando di ottenere l’attenzione dei clienti. In Google Ads i prezzi si incontrano molto spesso nel testo. E qui i dati sono molto diversi per il title e per il body. Osservate l’infografica qui sotto (sono scritti in ordine decrescente):

I prezzi più popolari negli annunci di Google

Si vede che la tendenza a utilizzare prezzi che terminano con «9» è molto presente – 19€ è la cifra più popolare sia per il corpo e il titolo di Google Ads, ma ci sono molti altri con uno zero alla fine.

Nel titolo si usano i prezzi inferiori a 100€ per promuovere i prodotti con un costo contenuto. Invece nella descrizione degli annunci ci sono anche prezzi superiori, come 300 e 500€, ma anche lo 0€. Curiosamente manca il numero 7.

Uno sguardo agli annunci di AdWords che danno buoni risultati offre la possibilità di scrivere, a nostra volta, un annuncio davvero di successo. A volte il modo più semplice è quello di scoprire quello che funziona per gli altri e modellare le proprie idee in base a questi modelli comunicativi. Google AdWords può rappresentare una grande opportunità per un’azienda per ottenere benefici dall’attività di advertising.

Autore: Daryana Solntseva, PR & Events Manager Italy di SEMrush, per il TagliaBlog.

Autore
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
Latest Posts
  • Google search
  • Sviluppo App
  • Google shopping
  • Facebook rooms

5 Comments

  • E ‘un grande piacere per me che l’articolo e i dati vi siano interessati.
    Spero di creare una nuova ricerca nel prossimo futuro con alcune nuove interessanti statistiche!

    Reply
  • Interessante quanto la soglia dei prezzi più comunicati si fermi a 500€… anche se credo che la tendenza stia cambiando, in molti stanno cercando di filtrare i clic indicando prezzi elevati. Bisognerebbe capire se l’utente curioso non generi comunque dei clic poco rilevanti, osservando soluzioni che non vuole acquistare (data la soglia di prezzo), solo per avere un riferimento “top di gamma”…

    Reply
  • Ma il vero dilemma è: come competere con Booking? Non è un caso se al primo posto troviamo sempre “hotel”… anche se l’annuncio rispetto alla kW digitata risulta essere poco pertinente.. nel settore travel-ricettivo le long funzionano poco e per avere una posizione decente con le altre ti devi svenare (dopo aver realizzato tra l’altro un copy molto più accattivante e coerente con kW e landing). Nemmeno sul local si riesce a spuntarla. Per non parlare poi della ricerca organica dove i siti delle strutture hanno spesso posizioni peggiori rispetto alle directory… Capisco gli interessi economici ma il buon big G non dovrebbe effettivamente premiare, come si dice (bla, bla, bla) la qualità di contenuti e annunci?

    Reply
  • Anche indicare un prezzo ho notato che porta click. Come ad esempio “viaggio Egitto da 300€” se il prezzo c’è ovviamente.

    Reply
  • Appena 100 caratteri?

    E poi c’è chi si lamenta del poco spazio per i tweet… 😀

    Reply

Rispondi

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO GRATUITO
ancora per i prossimi

Giorni
Ore
Minuti
Secondi
anzichè 399€+iva