PageRank in caduta libera…

Nelle ultime ore, parecchi noti siti/blog/forum/directory hanno perso l’ennesimo “punto PageRank” (dopo quello perso un paio di settimane fa).
Fra gli illustri nomi italiani, segnalo:

  • Pandemia (da PR 6 a PR5 2 settimane fa, e ora a PR4);
  • Sw4n (da PR 6 a PR5 2 settimane fa, e ora a PR4);
  • Geekissimo (da PR5 a PR4 2 settimane fa, e ora a PR3);
  • Napolux (da PR5 a PR4 2 settimane fa, e ora a PR3);
  • Forum GT (da PR 6 a PR5 2 settimane fa, e ora a PR4).

Mentre 2 noti blog esteri (fra i tanti) colpiti sono:

  • JohnChow.com (da PR 6 a PR5 2 settimane fa, e ora a PR4);
  • ProBlogger (da PR 7 a PR6 2 settimane fa, e ora a PR4).

Le reazioni

Fra i penalizzati, c’è chi rimane assolutamente indifferente, ma anche chi dice (o urla 🙂 ) la sua.
Napolux titola “Google vuole la guerra? E che guerra sia”, mentre Darren Rowse (Problogger.net), molto compostamente, si domanda il perchè di questo calo, visto che sul suo blog non ha link o recensioni a pagamento. Forse il motivo è aver eliminato AdSense? 😀

I motivi

Molti ritengono si tratti di una penalizzazione manuale verso chi vende link: abbassare il PageRank di un sito, infatti, lo rende sicuramente meno appetibile a chi acquista link, e ridurlo di un punto ogni 2 settimane (come è accaduto) è sicuramente uno dei metodi più efficaci per intimorire il webmaster del sito (da un lato) e far fuggire il compratore del link (dall’altro).
Inoltre, il fatto che siano stati “puniti” principalmente siti molto in vista, avvalora la tesi di una “multa” appiccicata da qualche quality rater.
Altri ritengono che la sanzione sia stata comminata ad alcuni noti network in quanto costituiti da blog pesantemente interlinkati fra loro (cosa “vietata” dalle linee guida di Google: “Non partecipare a schemi di link progettati per migliorare la posizione del tuo sito o il punteggio PageRank”).
Personalmente, col grosso rischio di sbagliare e di risultare controcorrente, ho qualche perplessità, che nasce soprattutto dal fatto che sono stati colpiti (anche) siti che non mi risulta adottino pratiche (palesemente) scorrette (fra questi, ad esempio, il Forum GT o ProBlogger).
Credo quindi a qualcosa di diverso, che va innanzitutto nella direzione di un ricalcolo del PageRank, magari unitamente a qualche nuovo algoritmo (“misto uomo/macchina”) che penalizza chi ha un PageRank medio/alto, in base ad un certo pattern (per esempio, guardando la tipologia + la pertinenza dei link in uscita, e se questi sono raggruppati nella barra laterale o nel footer).
Altra grossa stranezza, pare siano stati penalizzati esclusivamente siti “anziani”, mentre quelli più giovani (sotto l’anno di età) risultano immuni.
Nell’attesa di una dichiarazione ufficiale da parte di Google (= da parte del solito Matt Cutts), i miei dubbi rimangono… che sia iniziata la nuova era del PageRank Downgrade? 🙂

Altre fonti

4 post con liste di celebri blog penalizzati:

1 forum per discuterne: Another Google Update Happening – My PR gone down again

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

12 Comments

  • C’è chi parla di TrustRank, di nuovo algoritmo, ecc…

    Boh.

    Chi vivrà vedrà.

  • Cavolo, sono sceso anche io… da 4 a 3 6 mesi fa ed ora… a 2!!!
    Vabbè, finchè c’è la salute…

  • Mi chiedevo se qualcuno abbia interpellato “ufficialmente” qualcuno a Google. Penso che sia lecito avere una risposta tecnica….

  • Vedrai che a “bocce ferme” parlerà Matt Cutts… (o, forse, Adam Lasnik…).

  • Semplice come bere un bicchier d’acqua

    Il gatto sapra’ sempre meglio di te come arrampicarsi e prima o poi lo impari per forza
    se pretendi di giocare a fare il gatto troppo a lungo.

    Su..troniamo a fare i blogger che e’ tutto piu’ sano…..ragazzi….
    All’imprenditore dell’informazione o ci pensiamo piu’ avanti…o lasciamo perdere che c’e’ gia’ chi lo fa fin troppo male.
    NON NE SERVONO ALTRI.

  • Dovremo abituarci all’idea di aggiornamenti settimanali del Page Rank?
    Isterico!

  • Abbassando il pagerank di cosi tanto sicuramente i link non verranno più venduti. Nessuno li “comprerebbe” da un PR 3 o comunque nessuno li venderebbe per 5 euro penso.

    Per quanto riguarda l’autoreferenzialità, come scritto nell’articolo di primonumer che ti linka, sono proprio d’accordo. Ho letto un articolo tempo fa sul blog di una “blogstar” che narrava di un’improbabile storia, linkando 6 tra i primi blog della classifica di blogbabel, per ben 2 o 3 volte l’uno. Una vera vergogna….poi quando questi vanno nei blog degli altri non si degnano nemmeno di un commento.

  • ..e io invece passo da 4 a 5. Eheh.. devono aver fatto casino, possibile che con poco piu’ di una manciata di affezionati lettori abbia un PR superiore a quello degli altisonanti nomi che citi?

    Mi conviene vendere qualche link prima che ci ripensino!
    [scherzo, eh!]

  • Che risveglio! Non è possibile svegliarsi la domenica mattina e trovarsi i valori di PR aggiornati, fatelo il lunedi vi prego!

  • ragazzi il blog aveva 50 visite al giorno ma di colpo ne ha 10 al giorno da cosa dipende??

  • Il forum GT le ha adottate eccome le tecniche scorrette 😉

    … e nemmeno poche.

  • Buongiorno. Qualcuno sa dirmi cosa intende google per pagerank alto (6-7-8-9-10?) medio (3-4-5?) basso (0-1-2?) e non ancora assegnato (nullo?)? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy