Page view del blog: aumentiamole!

page view
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

I blog hanno solitamente un grosso difetto: generano un numero di pagine per utente molto basso.
Ciò significa che i visitatori del vostro blog (affezionati, saltuari o provenienti dai motori di ricerca) tendono a leggere esclusivamente un singolo post (o poco più) per poi dileguarsi verso altri lidi.
Se per voi questo è un male, e volete “intrappolare” gli utenti nel vostro blog evitando che fuggano altrove, eccovi qualche pratico consiglio… che sul TagliaBlog ha funzionato piuttosto bene 🙂

Come fare ad aumentare le page view del mio blog?

A parte un layout accogliente e una buona usabilità, l’idea di base è quella di creare sul blog una “rete” di collegamenti ad altri link correlati e risorse interne, che creino nel visitatore il desiderio di visitarli (per approfondire i temi trattati dal blog).
WordPress, grazie anche alle enormi possibilità di personalizzazione del theme e al grande numero di plugin disponibili, può aiutarci parecchio.
Ecco quindi le cose da rendere ben visibili (e quindi ben cliccabili) sul nostro blog (in ordine, IMHO, di importanza):

  • post correlati
  • box di ricerca
  • post recenti (e/o post più letti)
  • commenti recenti
  • categorie
  • archivi

Ricordo la grande importanza rivestita dai commenti: andatevi a rileggere il mio vecchio post su come aumentarli (e quindi, di riflesso, aumentare le page view).

Che risultati hai raggiunto?

Nell’arco di pochi giorni, applicando quanto sopra sono passato da circa 1,5 pagine/utente a quasi 2 pagine: un bel +25%!

Perchè dovrei aumentare le page view del mio blog?

I motivi possono essere i più svariati; eccovene almeno 3:

  • aumentare il numero delle pagine viste per meri fini statistici (per esempio, alcuni programmi di affiliazione o network pubblicitari accettano esclusivamente siti con un numero di pagine/mese piuttosto elevato);
  • aumentare il tempo di permanenza degli utenti sul blog (diminuendo di conseguenza il bounce rate);
  • aumentare la probabilità che un utente possa cliccare su di un banner pubblicitario (se esponete annunci pay-per-click, come quelli di Google AdSense, è sicuramente un aspetto che può interessarvi 🙂 ).
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

12 Comments

  • fradefra, da un punto di vista rigoroso, direi “etico”, hai perfettamente ragione (come sempre, accidenti a te! 🙂 ).
    Ma sai che fra i blogger ci sono manie di “chi c’è la più lungo”*… e i primi 2 consigli, alla fine, servon principalmente a quello.
    *(non pensate a cose oscene: intendo la mania da classifica, da numero di utenti, pagine viste, lettori del feed… e ovviamente PageRank 🙂 ).

    Reply
  • Dunque, capisco il terzo motivo, aumentare il tempo di permanenza, invece i primi due mi trovano in disaccordo (per una volta 🙂 )

    Che senso ha alzare artificialmente a fini statistici? Così si ha la soddisfazione di una statistica che ci piace, ma la stessa è inquinata e non più corrispondente alla realtà.

    Che senso ha abbassare il bounce rate? Per un blog, che il bounce sia alto è assolutamente normale ed abbassarlo lo inquina, rendendone nullo il significato.

    In realtà il bounce non va manipolato, ma interpretato. Occorre analizzarlo a livello di visitatori tornati e se poi questo è alto, ok, se invece è alta la frazione di bounce corrispondenti ai visitatori di prima visita, allora ci si può porre qualche domanda.

    Ma tutto dipende anche dal tipo di blog e dalla chiave di arrivo. Se uno arriva con una chiave che prelude ad una ricerca dell’indirizzo di un ristorante, se trova un articolo, legge e se ne va, che sia bounce è giusto e doveroso e non significa per nulla che quel visitatore sia insoddisfatto (e di esempi così se ne potrebbero fare a pacchi).

    Invece se si interviene per manipolare il bounce, si avrà solo una visione distorta, non aderente alla realtà.

    Quindi gli interlink mettiamoli perché sono fondamentali per molti motivi, ma non per i due citati all’inizio.
    Secondo me 🙂

    Reply
  • ottimo post, come al soltio 🙂
    Ne approfitto per chiedere a qualcuno, qual’e’ il plugin per wordpress per avere i post correlati sotto l’articolo?

    Grazie 😀

    Reply
  • Ne hai bisogno….ahahhahah….va beh…non intaso piu i tuoi commenti.

    Ciao

    PS: ottimo post cmq…si puo applicare anche ad altre tipologie di sito 😉

    Reply
  • Non credo… ma io ascolto sempre suggerimenti/critiche/spunti/idee… mi mantiene giovane 🙂

    Reply
  • Le tue notizie credo non vengano lette con superficialità. O sono interessanti…e le leggo tutte d’un fiato oppure non mi interessano e le snobbo.

    Penso quindi che riusciresti ad avere anche molte informazioni in piu riguardo i tuoi utenti.

    Per esempio…se prendi ME come lettore medio del tuo sito non saprai mai cosa mi interessa perchè praticamente leggo solo l’homepage. Invece con i riassunti sapresti bene quali sono gli articoli che tirano di piu e potresti così correggere anche lo stile e gli argomenti dei tuoi post, o no?

    Reply
  • A parte il discorso SEO, credo che il post “tronco” sia un pò come il feed “tronco”: alla maggior parte degli utenti infastidisce fare un click in più per approfondire… eppoi il TagliaBlog non è mica un grande sito di notizie… oppure si? 😀

    Reply
  • Mah..io la vedo così anche a livello SEO. E’ palese che google dopo un tot di caratteri dia importanza 0 a quello che trova.

    Forse mettendo il titolo bene in evidenza, inserendo 200/300 caratteri per post può giovarne anche il posizionamento.

    Alla fine i grandi siti di notizie fanno così.

    Tutto ovviamente IMHO…e lo sappiamo che i nostri gusti sono diversi su queste cose 😀

    Byeee

    Reply
  • E cosa ne dici invece di mettere solo il riassunto del post in homepage? Di sicuro farebbe aumentare il numero di pagine viste.
    Io per esempio vengo nella tua home, e mi leggo 5-6 post di fila tutti nella homepage.

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Page view del blog: aumentiamole!
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi