ESCLUSIVA: gli orari in cui si consumano i contenuti online, in Italia!

La scorsa settimana, su The Wall è comparso un bell’articoletto, ripreso in Italia da Il Giornalaio, all’interno del quale Sarah Gavin (Marketing Director di Outbrain Europe) ha esposto un po’ di dati su un tema eternamente dibattuto nell’ambito dell’editoria online: quello dell’orario migliore in cui pubblicare un contenuto, o – se vogliamo vederla da un altro lato – quello dell’orario in cui le persone sono più propense a consumare contenuti su Internet.

“When’s the best time to post your content around the world?” è infatti il titolo del pezzo della Gavin, argomento che da queste parti ho già trattato più volte, sia declinato ai social che per quanto riguarda i blog.

Ma la pecca di quei miei vecchi post, lo ammetto, è che facevano riferimento sempre a dati americani, o comunque non italiani. E qualche lettore, giustamente, si è mostrato dubbioso sulla validità di questi studi, perché i nostri “usi e costumi”, per quanto occidentali, non è detto che siano simili a quelli di un nordamericano medio.

Questa lunga premessa era solo per dirti che, grazie agli amici della divisione italiana di Outbrain, posso oggi finalmente mostrarti – in esclusiva – un bel po’ di dati sul consumo dei contenuti online relativi all’Italia!

Vediamoli assieme.

Consumo dei contenuti di un lunedì medio

In Italia, il consumo di contenuti di un lunedì medio è diverso da quello degli Stati Uniti (il numero di impression è mostrato su scala differente a causa delle differenti dimensioni fra i 2 pubblici).

Considerando il volume di impression, negli States il picco si ha fra mezzogiorno e le 14, mentre in Italia è fra le 14 e il 17.

Da notare che attorno alle 16 gli italiani iniziano a superare i nordamericani, trend che continua fino a notte fonda.

Percentuale di click per ora

Le barre verticali mostrano la percentuale di click in base all’ora del giorno.

In Italia, fra le 5 e le 8 del mattino i click sono meno della metà che negli USA (6% rispetto al 14%).

Fra le 5 e le 18, e fra le 22 e mezzanotte, i click sono invece molto superiori rispetto a quelli registrati negli States (26% in Italia contro 18% negli Stati Uniti).

Variazioni percentuali dei click da AM a PM

Le barre verticali mostrano la differenza percentuale della media del numero di click fra Italia e USA, raffrontando le ore AM (ante meridiem) con quelle PM (post meridiem).

In Italia, l’aumento in percentuale dei click fra le 04:00 e le 16:00 è 3 volte più grande rispetto agli States, quello fra le 05:00 e le 17:00 6 volte più grande, e quello fra le 06:00 e le 18:00 10 volte più grande.

Se negli Stati Uniti non ci sono praticamente differenze fra le 7 di mattina e le 19, in Italia la differenza è del 300%.

Percentuale di impression nei giorni della settimana

La distribuzione delle impression nei 7 giorni della settimana, è piuttosto simile fra Italia è USA.

Il calo del consumo dei contenuti (inteso come volume medio di impression) nel fine settimana è però più contenuto in Italia rispetto agli States (28% contro 38%).

Nei weekend, il numero totale di impression è superiore in Italia rispetto agli Stati Uniti (23% contro 20%).

CTR medio nei giorni della settimana

In Italia il CTR (click-through rate) medio è più alto del 47% rispetto agli USA (del 40% superiore nei giorni feriali e del 56% nel weekend).

Il CTR è sempre più alto durante tutti i giorni della settimana, ma con differenze più ampie verso l’inizio e la fine della settimana (rispetto ai giorni centrali).

La differenza del CTR fra giorni feriali e weekend è circa del doppio, più o meno come negli States.

Volume di impression medio nei giorni della settimana

Il consumo dei contenuti nei giorni feriali in Italia, inteso come volume di impression, mostra sempre dei picchi ad orari spostati un po’ più in avanti e con un picco un po’ più basso rispetto a quanto avviene negli Stati Uniti.

Infine, se negli USA la distribuzione delle impression è piuttosto uniforme per tutto il giorno durante i fine settimana, in Italia si notano invece dei picchi di consumo (quasi simili a quelli osservabili nei giorni feriali) più alti.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

13 Comments

  • Ciao, sarebbe fondamentale per valutare la bontà del dato sapere la metodologia: quanto è numeroso il panel di contenuti osservato, su quali mezzi, per quale periodo?

  • Mi associo anche io alla richiesta di Vincos.

    Periodo, tipo di dato, quanto è grande il campione, tipo di contenuti etc etc…

  • Vincos, Andrea

    State chiedendo una ricerca strutturata?
    Perché non la finanziamo?

    🙂

    Avere dati “aggiornati” e contestuali è la vera svolta per chi fa attività di marketing.

  • Caccia i soldi Daniele 🙂

    Non chiedo un’analisi strutturata chiedo solo informazioni maggiori sulla ricerca che sicuramente saranno in qualche modo “presenti”.

  • Essì sapere il campione è fondamentale, altrimenti non è una ricerca 🙂

  • Molto interessante. Chissà come mai questo sfasamento in avanti nelle ore e anche nel fine ssettimana. Sono più mattutini ed escono di più nel weekend mentre noi italiani siamo pigri? 🙂 o magari iniziamo a lavorare di media più tardi di loro?

  • Ciao a tutti,
    vedo che la ricerca ha suscitato molto interesse, il Tagliaerbe aveva ragione 🙂

    Metodologia: i dati sono basati su tutti i contenuti paid erogati in un periodo di tre mesi consecutivi del 2013, in cui la user location era IT oppure USA; e sulla base del CTR sui publisher italiani del network Outbrain rispetto ai publisher USA del network Outbrain.

    Per quanto riguarda la dimensione del campione, non posso condividere pubblicamente il dato numerico esatto ma con una reach in Italia del 56% (fonte Comscore), credo che la consistenza del campione sia più che soddisfacente.

    Siamo aperti ad eventuali progetti di ricerca nell’interesse del mercato, lavorare con i contenuti su numeri molto grandi ci dà visibilità su molti argomenti…disponibile per contatti in privato.

    A presto

    Marco Rapelli
    Director, Brands and Agency Outbrain Italia

  • molto interessante la ricerca! anche se alla fine mi sembra di aver capito che siamo rimasti come prima: cioè si ci sono differenze tra italia e stati uniti, ma come tradurle in guadagni con adsense ad esempio? non vedo come diversificare le strategie tra stati uniti e italia per guadagnare qualcosa…

  • Interessante davvero! Ad una lettura superficiale dei dati, sembrerebbe quasi che negli USA utilizzino le ore in ufficio per “scroccare” la connessione a internet mediamente più di quanto non lo facciamo noi italiani 🙂

  • i dati usa a quale fuso orario corrispondono? quelli italiani immagino possano essere utc+2.

  • impazzisco per questo genere di articoli. mi unisco alla domanda di germantk: il fuso orario della ricerca?

  • Ho notato anch’io lo stesso andamento sia per i contenuti del blog che per l’e-commerce che gestisco, i picchi maggiori sono sempre di lunedì ed i cali nei due giorni festivi, come se le persone navigassero di più e si facessero i fatti propri quando sono in ufficio 😮 …anzi, togliamo pure il condizionale! 😀
    Per quanto riguarda gli orari, ho i picchi maggiori dopo l’orario di pranzo tra le 14 e le 17, ma anche tra le 10-12 sono simili, di poco inferiori, le visite sull’ecommerce a volte si mantengono buone anche la sera tra le 20 e le 22-23.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy