Nofollow o Dofollow? questo è il problema…

Le uscite di Matt Cutts di qualche giorno fa, hanno definitivamente confermato che la vendita di link (che passano PageRank) porta inevitabili penalizzazioni del PageRank visibile sulla barretta (e in alcuni casi anche una forte diminuzione di traffico in arrivo da Google).
La cosa sta intimorendo parecchi webmaster, i quali iniziano ad interrogarsi sull’uso corretto del tag rel=nofollow: Google vorrebbe infatti che fosse inserito in tutti i link a pagamento, ma a causa del FUD (=”Fear, Uncertainty and Doubt” ovvero “Paura, Incertezza e Dubbio”) creato dalle dichiarazioni di Matt Cutts, in parecchi stanno seriamente pensando di inserire il nofollow ovunque, in tutti i link in uscita dal proprio sito.
Che fare quindi?

FAQ su Nofollow e Dofollow

Ho raccolto in giro 10 affermazioni (spesso dubbi…) circa i 2 amati/odiati tag; cerco, nei limiti del possibile, di fare un pò di chiarezza.

  1. Cos’è il Nofollow? e il Dofollow?
    L’attributo rel=nofollow è un tag HTML (non standard) che, applicato ad un link, dice ai motori di ricerca di non seguire la risorsa linkata e di non considerarla ai fini del rank.
    Il Dofollow è spesso inteso come un plugin (vedi sotto), o comunque come l’assenza del Nofollow.
  2. Le maggiori piattaforme di blog hanno il nofollow, nei commenti, abilitato di default.
    Vero, ma (spesso) è possibile disabilitarlo… per esempio, in WordPress, è sufficiente attivare un plugin come DoFollow o NoFollow Free.
  3. Se attivo il Dofollow dovrò stare più attento ai commenti.
    Vero, qualche spammer “furbetto” potrebbe cercare di inserire nel vostro blog commenti (magari) intelligenti ma con link verso siti di scarsa qualità (o di nessuna attinenza rispetto al vostro blog e/o al commento stesso): dovrete pertanto applicare una moderazione molto più vigile.
  4. Dofollow può far aumentare in modo considerevole il numero dei commenti e dei commentatori.
    Vero, soprattutto se pubblicizzate adeguatamente la cosa (magari utilizzando i bannerini che trovate qualche riga più in basso).
  5. Nofollow non scoraggia comunque gli spammer.
    Assolutamente vero, basta guardare le statistiche di Akismet per accorgersene…
  6. Usare ovunque il Nofollow va contro i principi del web.
    Assolutamente vero. Se tutti sterilizzassero i propri link in uscita (vuoi per paura di perdere “link juice”, vuoi per paura di ricevere una penalizzazione da Google), si creerebbero di fatto tanti “siti isola”, completamente scollegati l’uno dall’altro. E i motori di ricerca, che basano l’ordinamento delle SERP proprio sulla quantità/qualità dei link, non saprebbero più che pesci pigliare.
  7. Nofollow non è uno standard.
    Assolutamente vero, è una “invenzione” di Google di un paio d’anni fa. Fra l’altro, ogni motore di ricerca gestisce il nofollow come crede… basta guardare questa tabella (fonte: Wikipedia):

    Come i motori di ricerca interpretano il nofollow

  8. C’è tanta gente che usa il DoFollow?
    Si, c’è addirittura la No Nofollow | I Follow | DoFollow Community. Avrete sicuramente visto uno di questi loghi:

    U Comment I Follow

    su qualche blog che frequentate…

  9. E in Italia?
    Diversi SEO sono “Dofollower” da ormai parecchio tempo; fra questi, segnalo:
    – Stefano Gorgoni (Un anno senza nofollow);
    – Sante J. Achille (Perché non utilizzo più il rel=nofollow per il mio blog);
    – Fabio Dell’Orto (Eliminazione links con attributo rel nofollow dai commenti del blog).
  10. Il dubbio finale: usare il Dofollow equivale a vendere PageRank.
    Non proprio. Semmai equivale a regalare un link ai propri affezionati commentatori. E’ una cosa così tanto evil?

Conclusioni

Il grande dubbio (o la grande paura…) è che Google non abbia le capacità di capire quando un link è a pagamento o meno.
Verificando i link presenti su un sito sia manualmente che automaticamente, non è infatti possibile determinare al 100% se questi sono venduti o spontanei.
Ma Google potrebbe colpire in base a certi “pattern”, penalizzando (ad esempio) i link nelle spalle dei blog o nei footer dei siti, sopra i quali è presente la scritta “link sponsorizzati”.
O potrebbe rastrellare tutte le directory delle società che vendono text link, nonchè i forum dove si organizza compra-vendita di link.
Può darsi che queste cose, Google, le faccia già.
E magari, in futuro, toccherà proprio ai Dofollower, colpevoli pure loro di vendere (pardon, regalare) qualche briciola di PageRank.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

15 Comments

  • Qualche considerazione:
    a) L'”utente medio” che ha un blog “casereccio” non ha la minima idea di cosa sia il Nofollow.
    b) Google manda segnali ai SEO (e affini), non agli “utenti medi”.
    c) I SEO sanno bene quando dover usare Nofollow e quando no.
    d) L’unico modo per individuare con certezza (99%) i link venduti, ad esempio, in modo spot all’interno di un articolo di un sito (o di un blog), è l’accesso alle contabilità dei due proprietari (acquirente e venditore).

    Per il resto concordo con tutti i 10 punti.

  • Io ho messo il plugin per togliere il rel=”nofollow” e non vorrei dovermi preoccupare per questo!

    Certo che a leggere quello che scrivi dalle vostre parti (di esperti di posizionamento e affini) c’è una guerra senza esclusioni di colpi in corso con Google 🙂

  • Io ho tolto ormai da tempo il nofollow dai commenti e non ne sono affatto pentito.
    Comunque da parte mia, se Google penalizza che vende link a pagamento senza tag nofollow, non farebbe neppure male a penalizzare chi esagera ad usarlo!

  • Io credo che siamo giunti al punto in cui occorre prendere delle decisioni.

    Sono favorevole al No follow per link sponsorizzati (il merchant paga per il click,il sale,il lead,non vedo perche’ debba anche avere un ipotetic rank)

    Sono assolutamente contrario a questa forma di “terrorismo virtuale” (e’ proprio vero quelli che hai scritto sul fatto che molti webmaster chiudono con il nofollow anche blog non commerciali etc..)

    Comunque e’ il pagerank in se che ha sconvolto il mondo.

    Sono anni che non dovrebbe piu’ esistere…(o almeno non come lo conosciamo noi)

    Quando una tecnologia o un criterio di valutazione non funziona,occorre cambiarlo o quantomeno affiancarlo a selezioni manuali,serp piu’ meritocratiche,valutate dagli utenti etc…

    Ci si sta’ muovenfodo in queste direzioni ma con piccoli passi…

    Io ho sempre creduto che gli interventi costruttivi,tecnici,chiari e targetizzati di commentatori in blog,forum e risorse interattive hanno una grande importanza ma non per Google ma per gli utenti e per gl ideatori dei siti.

    Chi crea delle risorse non dovrebbe nemmeno porsi il problema del rank…Tutto dovrebbe generarsi in automatico…

    Questa e’ autorevolezza,trust,non il Pr o i link.

  • Con l’occhio dell’utente, non disgiunto comunque da quello del fornitore di contenuti, penso che il problema reale con cui fanno i conti tutti i mdr, cioè la rispondenza tra query e serp, è aggravato dalla posizione di quasi monopolio raggiunta da google che fa si che ogni correzione di rotta abbia ripercussioni nell’immediato non su un quarto o un terzo degli utenti ma sulla quasi totalità.

    Questo da un lato inficia la bontà stessa delle serp e dall’altro finisce per avere effetti devianti sui comportamenti dei fornitori di contenuti.

    La rete infine credo proprio che non ci guadagni.

  • MMM pero guardando il grafico che hai lincato del noto plugin antispam che anche io attualmente uso si nota che negli ultimi 5 anni è nettamente in diminuzione …
    e tieni in considerazione che che piu tempo passa piu i blog lo installano…
    Per esempio metti che dal 2005 al 2009 i blog che lo hanno installato sono raddoppiati e nonstante ciò lo spam è diminuito;
    ormai è inutile spammare sui blog tanto se non è Akisment è il blogger che blocca il commento… quindi è solo tempo perso…
    😀

  • Da un pò di tempo ho adottato per il mio blog l’opzione dofollow. E’ fin troppo ovvio che la cosa più importante è la qualità dei contenuti, per ottenere buoni risultati di visite. Rispondendo a Marco ricordo però che anche senza dannarsi l’anima è possibile selezionare i commenti (nonostante il dofollow) in entrata: quelli non pertinenti o evidentemente non genuini si riconoscono con facilità. Il dofollow è solo uno strumento in più per premiare i lettori del blog e per aumentare i commenti. Non la farei così tragica..

  • Ho impostato il dofollow nel mio blog, vediamo un pò se porta qualche beneficio, sperando di non essere penalizzato da google

  • C’è davvero poca chiarezza su questo punto…c’è chi lo usa in modo inappropriato e chi ne fà invece un’uso moderato.

  • Da quando ho tolto l’attributo nofollow, ed l’ho pubblicizzato chiaramente in home page ho notato un aumento della media visite, anche se non della media commenti. Non so se le due cose sono legate, ma io resto così…

  • Salve a tutti.
    Impostare a Nofollow offre vantaggi in termini di posizionamento, rispetto a Dofollow che sembra essere penalizzato.

  • C’è chi li acquista i pacchetti di backlink dofollow per migliorare il proprio posizionamento.

  • Alla fine non credo che faccia tutta questa differenza, un buon marketing sorpassa questi problemi!

  • link rel do or not ….
    I comunicati di Google ultimamente stanno assomigliando sempre più a quelli delle società di rating , speriamo non debbano eguagliarne anche la veridicità.

  • Pensa te che ci sono pure dei stolti che sono convinti che i link no follow abbiano pure valore, minimo ma che continuino ad averlo. Poveri stolti, che ignoranti. Chissà dove le imparano certe cose o forse sarà questo il vero motivo per il quale continuano ad esserci i backlink no follow? Boh, ai posteri l’ardua sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy