Evita la Link Building! (parola di John Mueller)

Il punto di vista ufficiale di Google sulla link building è espresso chiaramente all’interno della guida denominata “Schemi di link“.

Tale paginetta, modificata da Google nell’estate del 2013, è in buona sostanza un lungo elenco con parecchie indicazioni sul “cosa NON fare” quando si cerca di ottenere dei link.

O meglio: basta leggere le indicazioni per capire che praticamente tutte le azioni di link building possibili e immaginabili sono considerate innaturali, e quindi penalizzabili.

Basta con i “Link Facili”, punta ai “Link Difficili”!

Il Penguin Update dell’Aprile 2012 fu probabilmente quello che sancì la fine di un certo tipo di link building.

Gli easy link, quelli che ti potevi procurare in pochi istanti e/o a basso prezzo, furono da quel momento facilmente identificabili in modo algoritmico (e quindi finirono per essere penalizzati da Google).

Gli hard link invece, quelli che fai una fatica enorme ad ottenere, quelli che riesci a guadagnare con sudore, lacrime e sangue, quelli naturali e meritati, quelli ottenuti tramite contenuti di enorme qualità, acquisirono da allora sempre più valore.

Siamo insomma entrati nell’era della “Link Earning“.

Link Innaturali e Penalizzazioni

A proposito del fatto che i link (innaturali) possono portare più problemi che vantaggi, ricordo che a Marzo 2014 furono penalizzati diversi siti/blog italiani, generalmente a causa di “un pattern di link in uscita artificiali non naturali, ingannevoli o fraudolenti.”

Furono colpiti parecchi blog che ospitavano guest post, come aveva lasciato intendere Matt Cutts un paio di mesi prima quando minacciò la “fine del guest blogging per la SEO“.

Anche un certo tipo di contenuto, ovvero quello con dentro link che puzzano di SEO a chilometri di distanza, è da allora molto pericoloso da ospitare.

“Evita la Link Building, usiamo anche un sacco di altri fattori”

La scorsa settimana, durante il consueto hangout di John Mueller, un utente ha formulato la seguente domanda:

“Dovrei evitare completamente la link building, dovrei non farla del tutto? C’è un modo, per i webmaster, per fare bene link building?”

John Mueller, attorno al minuto 55:40 del video,


inizia a rispondere dicendo:

“In generale, io eviterei. Assicurati che il tuo contenuto si distingua dagli altri e sia possibile, per gli utenti, linkarlo facilmente. Per rendere più semplice la cosa puoi utilizzare, ad esempio, un widget sulla tua pagina. Assicurati insomma che gli URL del tuo sito siano facili da copiare e incollare.”

Ma il punto più interessante della risposta, è probabilmente questo:

Utilizziamo i link come parte dei nostri algoritmi, ma usiamo anche un sacco di altri fattori. Focalizzarsi solo sui link andrà probabilmente a causare più problemi che benefici al tuo sito web.”

Conclusione

Immagino che parecchi SEO si staranno chiedendo quali sono tutti questi “altri fattori” di cui parla Mueller.

Se partiamo dai fattori di posizionamento su Google di Searchmetrics, potremmo ipotizzare che fra questi ci siano:

Manca qualcosa? 🙂

Se vuoi approfondire le tecniche di link building, partendo da quelle valide oggi fino a quelle più rischiose (o addirittura da evitare), ti consiglio di dare una occhiata al Corso Tecniche di Link Building Avanzate: ci trovi 3 video-lezioni, in italiano, totalmente gratuite!
Condividi questo articolo:
Default image
Max Valle
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.