3 idee per migliorare il tuo ecommerce

Come dovrà cambiare l'ecommerce
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

O forse il titolo più giusto per il post di oggi è questo: “ecco come dovrebbe essere l’ecommerce di domani in base alle esigenze dei consumatori di oggi”.

I dati si basano su un sondaggio del gennaio 2019 su oltre 1.000 consumatori statunitensi, che hanno acquistato qualcosa online almeno una volta nel corso del 2018.

I consumatori ora vogliono 5-8 immagini, 2-5 video

Se solo 3 anni fa al consumatore medio bastavano 3 immagini del prodotto, ora il numero è raddoppiato. E oltre alle immagini ci si aspetta pure di trovare dei video, cosa che prima del 2016 non era proprio fra le priorità.

La fascia che in assoluto vorrebbe più immagini e video, quando cerca un prodotto su Amazon, è quella fra i 35 e i 44 anni.

Immagini e video in una scheda prodotto Amazon

È interessante notare che, se la media delle immagini desiderate è 6, i prodotti più venduti su Amazon nelle varie categorie merceologiche hanno oggi 3-4 immagini al massimo.

Immagini medie nelle schede prodotto Amazon

Ai consumatori interessano più le informazioni sulla scheda prodotto, che i prezzi bassi

Quasi il 70% dei consumatori ha affermato di aver abbandonato la pagina (e, di conseguenza, non ha completato l’acquisto) perché “non erano presenti sufficienti informazioni o dettagli”.

Questa percentuale supera addirittura “il prezzo era troppo alto” e persino “la preoccupazione che il prodotto possa essere falso o contraffatto”.

Marca sconosciuta” è stata invece la ragione meno frequente di abbandono della scheda prodotto: i consumatori sono disposti ad acquistare un oggetto non noto se la pagina è ricca di informazioni e dettagli.

Numero recensioni positive vs. notorietà del brand

Da notare infine che i consumatori più giovani si basano molto più sulle recensioni positive e molto meno sulla notorietà del brand rispetto a quelli anziani.

I brand dovrebbero rispondere direttamente alle domande dei consumatori sulla scheda prodotto

I consumatori si aspettano che i brand rispondano fra le 8 e le 13 domande su ogni scheda prodotto; i più giovani sembrano pretendere in media più risposte rispetto ai più anziani.

Numero di risposte sulla scheda prodotto

Dalle domande i brand possono ricavare utili indicazioni per migliorare le schede prodotto, arricchendole di contenuti, immagini, elementi multimediali e soprattutto possono fornire risposte utili che emergono a seguito dei feedback forniti dagli acquirenti.

E dando risposte utili possono innescare un circolo virtuoso che porta ad intercettare nuovi clienti, e quindi ad aumentare le vendite. 🙂

Autore
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
Latest Posts
  • Google Ranking
  • Google search
  • Sviluppo App
  • Google shopping

Rispondi

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO GRATUITO
ancora per i prossimi

Giorni
Ore
Minuti
Secondi
anzichè 399€+iva