Microsoft compra Yahoo… era ora!

Il numero 2 e il numero 3 si fondono per superare il numero 1.

Questa, in estrema sintesi, la frase che racchiude la notizia del giorno (rumor che in realtà circola da circa 9 mesi):

Microsoft ha lanciato un’OPA su Yahoo!, per l’astronomica cifra di 44,6 miliardi di dollari (ovvero 31 dollari per azione).

La borsa

Già, alla fine si arriva sempre a parlare di soldi e di borsa.
Curioso notare come l’offerta di Microsoft sia arrivata al termine di alcune giornate nere, di costanti ribassi (sia per Yahoo! che per Google); oggi invece Yahoo! guadagna circa il 50% (mentre Microsoft e Google rimangono negative):

Yahoo! sale, Microsoft e Google scendono…

E’ c’è già chi parla di spettro della bolla…

…e per quanto riguarda il web?

Microsoft è presente col suo sistema operativo nel 90% dei PC, ma online non è che brilli più di tanto.
A parte Hotmail (acquistata una decina d’anni fa per 400 milioni di dollari) e il noto Messenger, dal punto di vista del motore di ricerca (Windows Live Search, ex MSN Search) i risultati sono alquanto deludenti (nonostante le sparate di Gates prima e Ballmer poi…), sia per qualità delle SERP, che per quota di mercato (circa il 10%).
Yahoo! sembra decisamente più “web oriented”: Yahoo! Answer va benissimo, del.icio.us e flickr sono degli standard de facto, e il motore di ricerca ha uno share di circa il 20%.
Dove c’è una completa mancanza di concorrenza è però il settore dell’advertising online: AdWords/AdSense hanno il monopolio assoluto, mentre di YPN (Yahoo! Publisher Network) e Microsoft adCenter si sente parlare davvero pochissimo… speriamo sia la volta buona.

Conclusioni

Personalmente amo la concorrenza e il libero mercato, e auspico da tempo la nascita di qualcuno/qualcosa in grado di rivaleggiare degnamente con Google: che poi si chiami Microhoo o Yahoosoft, poco importa… 🙂

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

9 Comments

  • Condivido in pieno le tue considerazioni. Aggiungo che anche se di YPN qui da noi in Italia si parla poco, il poco che ho letto è molto positivo in termini di maggiore redditività per gli editori. Sarebbe interessante vedere, se il matrimonio andrà in porto, come si svilupperà il motore di ricerca – che si presume comune – di Microsoft e Yahoo!. Credo che sarebbe ragionevole puntare sullo sviluppo del secondo.

  • ‘Taglia, é un’offerta, non é stata finalizzata 🙂 Microsoft non ha comprato Yahoo!

  • Mah.
    Io non sono cosi’ sicuro che sia un bene.
    Si forma un concorrente piu’ forte.. ma contemporanemente si perde un concorrente che anche da solo tanto schifo non faceva.
    Ho la sensazione che se non se la giocano molto bene la percentuale di mercato di google salira’ ancora…

    certo i vantaggi di una fusione sono assolutamente rilevanti ma.. vedremo!

  • @Marco: lo so 🙂 Ma Yahoo! è messo male (vedi l’annuncio dei 1.000 licenziamenti), quindi credo che valuterà l’offerta con MOLTA attenzione…
    @ale.com: io credo sia un bene. Microsoft e Yahoo!, da soli, non sono riusciti a far nulla (lato motori di ricerca e pubblicità online) per scalfire il monopolio di Google, che (anzi) è cresciuto nel tempo in modo abnorme. Se insieme lavorassero ad UN SOLO motore e UN SOLO programma pubblicitario, con un pò di idee nuove e fresche, probabilmente qualcosa di buono ne verrebbe fuori… almeno si spera 🙂

  • Ma perchè allora con quei soldi la Microsoft non tenta di ottimizzare quello che ha già in casa? Forse per far fuori Yahoo, inglobando così almeno un concorrente e poi fare il grande passo di rivaleggiare sul web con Google?

  • “Se non puoi batterli, unisciti a loro” dice il proverbio.
    Microsoft non poteva puntare a Google, ma è invece piombato su un avversario alla sua portata, non appena questo ha mostrato i primi segni di difficoltà.
    “E poi proviamo insieme ad attaccare il monopolista” (mi immagino si siano detti 😀 ).

  • Boh a me sembra invece una stupidata e il libero mercato secondo me in questo modo diminuirà perchè diminuise la concorrenza, non credo che unendosi possano fare qualcosa di meglio di quello che stanno facendo ma così facendo si toglierà un concorrente di torno ela gara sarà a due non a tre.
    Secondo me per fronteggiare Google deve nascere qualcosa che faccia qualcosa di diverso da quello che si è fatto fin’ora ossia un nuovo Google che reinventi i ldiscoro del motore di ricerca, Microsoft è sempre stata e secondo me sempre sarà una ditta che “copia” le idee degli altri le cerca di migliorarle non sempre riuscendoci.
    Quindi rimango della mia idea che è uno svantaggio e non un vantaggio se riesce a comprare Yahoo

  • riga, il problema è proprio la concorrenza: in tanti anni, Microsoft e Yahoo! han dimostrato di non riuscere a farla! 🙂
    E certamente non si tratta di un problema economico: credo che Microsoft e Yahoo! abbiano i mezzi per riuscire a fare cose buone tanto quanto Google…
    Allora il problema qual’è? la mentalità di MS e Y!? la percezione (generalmente ottima) che ha la gente del marchio Google? l’ambiente di lavoro? le “teste” che ci sono in G (e non ci sono in MS e Y!)?
    Magari, mettendosi insieme, le acque si rimescoleranno, e salterà fuori qualcosa di buono.. almeno si spera 😀

  • finalmente un post che analizza la questione senza mettersi a sparare a zero su quanto sia cattiva MS e cavolate simili…concordo con quanto scritto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy