Il fuoco del Marketing

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Il post di ieri mi ha ispirato un veloce pensiero sul marketing, legato al concetto di “fuoco”.

Prima però una definizione “ufficiale”, che trovo condivisibile: il marketing è quell’insieme di azioni utili a piazzare un prodotto o un servizio sul mercato, avendo come finalità il maggiore profitto e come causalità la possibilità di avere prodotti capaci di realizzare tale operazione.

Un’altra definizione che mi piace è quella di marketing inteso come processo, finalizzato a favorire l’incontro fra domanda e offerta di beni o servizi.

(Mi piace anche la tesi numero uno di Diegoli, secondo la quale il marketing è morto, ma meglio non divagare troppo 🙂 ).

Vista da questa prospettiva, sotto il cappello del marketing potrebbe dunque esserci anche l’advertising, le public relation e tutte le componenti necessarie a raggiungere lo scopo prefissato dall’azienda.

Abbiamo visto che Seth Godin mette invece al centro il prodotto e la sua straordinarietà, utile – anzi necessaria – per affermarsi sul mercato.

Ma se il mercato è estremamente convulso e competitivo? In quei casi io temo che non siano sufficienti le strabilianti caratteristiche del prodotto per farlo emergere. Credo sia necessaria una “spintarella”.

Ed ecco il paragone col fuoco: avvicinare la fiamma di una azione di marketing ad un prodotto, permette di incendiarlo. A quel punto, sono fondamentali le caratteristiche del prodotto stesso:

• potrebbe essere paglia: produce una fiammata veloce, per poi sparire in fretta dalla scena
• potrebbe essere ignifugo: inutile tentare di accenderlo, non è proprio adatto a prendere fuoco
• o potrebbe essere un buon ciocco di legno: in grado di bruciare e produrre luce e calore molto a lungo

Come in natura, i casi di autocombustione sono però rarissimi: meglio sempre metterci un fiammifero.

Autore
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
Latest Posts
  • Google search
  • Sviluppo App
  • Google shopping
  • Facebook rooms

17 Comments

  • Quoto Badalucco specie qui:

    “marketing non è solo ” vendere” ma è generare valore per il cliente,ottenere un vantaggio concorrenziale duraturo,perseguire una redditività di lungo periodo”

    Grazie 🙂

    Reply
  • @Fabrizio Badalucco – grazie per questa definizione che riassume perfettamente il concetto di marketing!

    Reply
  • Bel paragone! A parte la qualità del prodotto, una buona campagna di marketing con messaggi azzeccati, rivolti ad un target mirato può avere un successo così duraturo da non aver bisogno di rinnovarsi negli anni, mantenendo sempre la stessa viva attenzione sul prodotto!

    Reply
  • Il contenuto di questo post sintetizza perfettamente il concetto che oggi come oggi un prodotto anche se utile e di ottima qualità senza una spintarella ha pochissime speranze di imporsi nel mercato. Il paragone è azzeccato. Rimane il fatto secondo me che alcuni di questi ottimi “ciocchi di legno” che durano a lungo non è detto che siano dei prodotti validi e veramente utili! 😀

    Reply
  • Mi verrebbe da dire che spesso si esagera anche con la Diavolina…

    Reply
  • Il problema reale è che oggi come oggi qualsiasi mercato è convulso e competitivo. Il discorso di Seth Godin di base è perfetto, ma in linea puramente teorica secondo il mio punto di vista.
    Andiamo di fiammifero.

    Reply
  • Bellissima la metafora del fuoco!
    La definizione che uso per spiegare il marketing a mia nonna è:
    – tutte quelle azioni che servono a un’azienda per raggiungere i suoi obiettivi

    Per me comunque la Fiamma dovrebbe essere l’advertising, perchè il Marketing è già, o dovrebbe essere, “dentro” il prodotto.

    Reply
  • Ma se è vero marketing – come tra l’altro lo definisce l’AMA citata da Fabrizio Badalucco – i prodotti ignifughi non li concepisce nemmeno. Se non per gravi errori. Ma gli errori sono errori e vanno nelle case history degli errori, non del buon marketing o del marketing come dovrebbe essere…

    Reply
  • Vero Gabriele, sono molti i fuochi fatui che si vedono in giro! Comunque bravo Taglia, è un paragone che terrò a mente!!

    Reply
  • Interessante accostamento, molto!
    Ed aggiungo: l’autocombustione è un fenomeno raro, invece di fuochi fatui se ne contano a migliaia 🙂

    Reply
  • Come si diceva in un film di Verdone: “po’ esse fero, e po’ esse piuma…”

    Reply
  • Per restare nella tua metafora un buon consulente di marketing dovrebbe essere un piromane 🙂

    Reply
  • Personalmente quando amici o parenti mi domandano cosa sia il marketing riporto testualmente la definizione del A.M.A

    “Il marketing è l’insieme delle conoscenze,delle competenze,delle attività e degli strumenti utilizzati dall’impresa,finalizzati alla comprensione,alla gestione e al controllo delle relazioni con il mercato ”

    Quindi marketing non è solo ” vendere” ma è generare valore per il cliente,ottenere un vantaggio concorrenziale duraturo,perseguire una redditività di lungo periodo.

    Reply
  • Bellissima l’analogia con il fuoco.

    Spesso si vedono fuochi di paglia…

    Reply
  • Io applico il DoNotDisturb Marketing.

    E’ inutile cercarlo perché ho coniato il nome adesso.

    Non disturbo l’utente chiedendogli di iscriversi a newsletter, a feed, alla pagina di facebook, di inserire il sito nei preferiti, di twittarlo, e di eseguire tante altre call to action.

    Gli do immediatamente quello che vuole, e nulla di più perché può distrarlo.

    Alla fine è così rilassato che quasi quasi un click sul banner in bella vista ce lo fa pure, e io guadagno.

    Al posto del fiammifero preferisco la fiamma ossidrica di Google.

    Reply
  • Molto bella l’analogia con il fuoco, la terrò a mente e se capiterà l’occasione la citerò (ovviamente segnalando la fonte 😉 ) grande Taglia.

    Reply

Rispondi

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO GRATUITO
ancora per i prossimi

Giorni
Ore
Minuti
Secondi
anzichè 399€+iva