Long Tail e SEO

Chi si fa attizzare dalla passione per la SEO commette spesso un grosso errore, soprattutto se è alle prime armi.

L’errore è quello di provare a scalare le SERP utilizzando chiavi secche, spesso costituite da una singola parola… per poi accorgersi, magari dopo settimane (o addirittura mesi) che il gioco non vale la candela.

E che si potevano magari ottenere risultati molto più interessanti, in termini di traffico e conversioni, puntando su chiavi più lunge e semplici da posizionare.

Title & Link

Dovendo scegliere due fattori per posizionare una pagina web, solitamente si punta almeno su uno interno (il title) e uno esterno (i link).

E qui casca l’asino: il piccolo SEO in erba prova con un titolo stringatissimo (spesso equivalente alla keyword che vuole posizionare) e recupera a destra e a manca link con l’ancora identica alla parola chiave.

Risultato? se ha lavorato particolarmente bene, sfruttando al meglio anche tutti gli altri importanti fattori che condizionano il posizionamento, potrebbe farcela.

Ma scoprirebbe poi che quella particolare chiave non porta affatto il traffico che si immagina, e soprattutto che non porta (o quasi) conversioni.

Un piccolo case study: la chiave “posizionamento”

Oltre 3 anni fa iniziai (per diletto) a cercare di posizionare questa pagina per la chiave… “posizionamento”, e in breve tempo riuscii nell’intento 🙂

Ingenuamente, pensavo si trattasse di una chiave molto interessante, che mi avrebbe portato chissà quale traffico qualificato e chissà quanti profumati contatti.

Rimasi stabile nella “Top 10” di Google.it per mesi e mesi con quella chiave, e vuoi sapere quante visite ho ottenuto, in 2 anni?

Visite per la keyword posizionamento, nel 2007-2008

1.291. Molte delle quali, probabilmente, provenienti da chi in quella SERP “combatte” da tempo, o da semplici curiosi 🙂

Si, perchè l’utente della strada (ed ecco il primo grave errore) non cerca “posizionamento” se vuole acquistare un servizio simile.

Posizionamento è una parola da tecnici. Da gente che ne sa. Da concorrenti. Soprattutto se il termine non è entrato nel linguaggio comune (e “posizionamento”, in effetti, rientra in questa casistica).

Chi cerca un servizio di questo tipo, e non è un addetto ai lavori, potrebbe tentare (chessò) con “primo sui motori”, oppure “primo su google”. E infatti prova a guardare chi occupa oggi quelle SERP 😉

Altri spunti possono fornirteli lo Strumento per le parole chiave di Google, o il caro vecchio sistema del “chiedi ad un ignorante” (= vai da qualcuno che non usa abitualmente internet, e domandagli: “Tu cosa scriveresti in Google se dovessi cercare il servizio XYZ ?”).

Il secondo grave errore, è puntare alla chiave secca, composta da una sola parola: il cliente tipo, se vuole acquistare un servizio, vuole anche vedere in faccia chi glielo fornirà. O almeno vuole telefonargli. E allora, se abita a Milano e ha “metabolizzato” il termine posizionamento, cercherà con buona probabilità “posizionamento milano”.

E qui passiamo al terzo grave errore: la landing page non ottimizzata. Il cliente si aspetterà di atterrare su una pagina web che parla di un servizio di posizionamento nei motori di ricerca, a Milano, fornito da una azienda di quella zona con un numero di telefono con prefisso 02. Spesso invece la landing page è sì posizionata per la chiave giusta (“posizionamento milano”), ma NON contiene ciò che si aspetta il cliente (ovvero contenuti che possano far pensare che quel servizio è fornito da una azienda operante su quel territorio). Ma mi accorgo che siamo usciti fuori tema, torniamo a parlare di Coda Lunga 🙂

Perchè puntare sulla Long Tail?

Perchè (oltre ai tanti motivi esposti qui sopra) gli utenti cercano contenuti sempre più mirati: lo dimostra il fatto che sui motori sono in crescita verticale le ricerche da 4 termini in su (e in calo quelle fino a 3 parole chiave). E come afferma ranfish in questo recente video,


il volume di ricerche “da long tail” occupa il 75% del totale nei motori, e Google registra mensilmente un 20% di query completamente nuove e sconosciute.

In estrema sintesi, puntare a parole chiave (e landing page) più descrittive costa meno ed aumenta la probabilità di conversione: perchè non provarci?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

8 Comments

  • Il buon lavoro va fatto col cliente, cercando di fargli capire il discorso delle conversioni, ma certe volte è un po’ come brancolare nel buio. Ci sono aziende che producono “graffette per guarnizioni per tappi da piscina” che non capiscono perchè, digitando “piscine” su Google non sono al primo posto!!!

  • A chi lo dici!

    Soprattutto quando si tratta di contenuti come articoli, dati, approfondimenti e guide.
    Buon lavoro a tutti!

    Daniel – GenitronSviluppo.com

    @Tagliaerbe – è un pezzo che non commento più ma naturalmente continuo a seguirti quotidianamente. Complimenti per gli ottimi ultimi articoli.

  • Bel post! Leggo a volte utenti che arrivano sul sito con chiavi di ricerca del tipo “come installare il prodotto x/y” e rimbalzano molto meno di quelli con la key secca…

  • Wow davvero un articolo interessante e ben fatto! 🙂 Articoli come questo insegnano davvero qualcosa per neofiti del web come me. Mi piace molto anche il tono della scrittura: informale, diretto, chiaro.

  • Da poco ho letto un articolo che diceva più o meno così: non tutti possono essere numeri uno o da top10. Lo penso anche io. Non si può pensare di far sempre parte di un mercato che è saturo per definizione.

    La parte migliore e più interessante del mio lavoro è proprio questa: dare una strada alternativa al cliente che chiede di essere piazzato su una chiave secca ultra-competitiva, con un budget per nulla all’altezza dei desideri. Oppure fargli capire che il motore di ricerca ormai è in grado di fornire la risposta esatta alla domanda posta dall’utente. Non solo chiavi secche, ma anche interrogazioni intelligenti, dettate dal fatto che il motore di ricerca, Google in particolare, è un mare magnum.

  • e da vero pivello… ho fatto tutti e 3 gli errori all’inizio!!! 😉 … ma ora sto migliorando notevomente grazie a voi che ne sapete! Grazie mille per i preziosi consigli

  • io ho capito molte di queste cose utilizzando il plugin yoast su wordpress… e questo articolo mi ha confermato che sto andando nella direzione giusta! Grazie

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social
Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top