Link bait: 7 tecniche per farsi linkare

link bait
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Se bait significa esca, il link bait può essere definito come un insieme di tecniche da utilizzare per “adescare” link.

Ovviamente parlo di raccogliere link in modo naturale, spontaneo, ovvero esclusivamente tramite la produzione di contenuti.

Ma come devono essere questi contenuti per riuscire a calamitare link? l’immagine qui sotto ci suggerisce almeno 7 “tipologie di amo”:

Tipi di link bait

  1. Attack: come scagliarsi verso qualcosa/qualcuno con l’intento di generare un flame (cosa rischiosissima e sconsigliata, IMHO).
  2. Contrary: come esprimere un parere controverso, opposto a quello della “massa”.
  3. Ego: come una storia inedita riguardante se stessi, la propria vita privata, le proprie abitudini (da fare solo se si è una blogstar, IMHO).
  4. Humor: come una barzelletta, un fumetto o un viral video.
  5. Incentive: come un contest, o qualche buon consiglio per guadagnare su internet (magari racchiuso in un eBook…).
  6. News: come un articolo assolutamente originale e di qualità, scritto di proprio pugno (probabilmente il metodo in assoluto migliore, e quello che preferisco).
  7. Resource: come la creazione di strumenti, tool o plugin.

E tu, che tipo di esca usi? 🙂

Immagine tratta da: Search Illustrated: Types Of Link Bait.

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

20 Comments

  • Peccato che manca un pulsante mi piace o non mi piace nei commenti, avrei messo un mi piace a Kappero. 😉

    Aggiungo che da un sondaggio con multi scelta che ho trovato fatto su un campione ristretto, 350 lettori di un sito di formazione, ho visto che ad oggi (2012) l’interesse per gli articoli (forse per certe nicchie) è crollato al di sotto del 10% d’interesse, Mentre al top in questo sondaggio c’erano in ordine sono PDF (oltre il 60%), audio da scaricare (oltre il 50%), video (oltre il 40%) (non ho ora i dati sottomano vado a memoria). Sarebbe interessante replicare il sondaggi su altre nicchie.

    Reply
  • Probabilmente il link bait non è una pratica che generalmente viene utilizzata. Si richiede sempre qualcosa di geniale e di fuori dal comune, quindi da utilizzare con parsimonia e per i clienti migliori.

    Reply
  • 8 – creare tanti ottimi contenuti la cui qualità dura e perdura nel tempo (recensioni ed affini di entità “eterne”). Però è poco cost-effective.

    Reply
  • L’esca va usata, ma anche lanciata con sapienza: le 6 tecniche possono essere tutte utili a seconda delle situazioni, in ogni caso però è necessario che qualcuno si accorga dei nostri contenuti e spesso l’unico modo è segnalare in prima persona, sia online che offline, le risorse che si vogliono mettere in evidenza.
    D’altronde a cosa servono un’estensione Firefox o un template WP se nessuno li scarica e li usa? 😉

    Reply
  • Punterei tutto su 5 e 6e dovessi scegliere: stravolgere in positivo l’utente e dimostrare affidabilità con un consiglio he avrei voluto tenere per me e che invece condivido

    Reply
  • Credo che se uno apre un blog perchè sente di avere qualcosa di importante da dire, la domanda non sarà più cosa dire. Se lo apre per mettere 4 banner e basta, allora sarà sempre a pensare cosa scriverci per attirare gente.

    Forse la risposta è nella domanda, a monte…

    Reply
  • Io credo che un buon metodo sia l’incentive magari con il viral marketing tramite l’uso di eBook gratuiti.. Naturalmente il punto 5 è il più naturale e sicuramente sul lungo e medio periodo genera le migliori soddisfazioni..

    Reply
  • Tutte, salvo la 1 a seconda dell’obiettivo che mi sono posto, del contesto, del livello di conoscenza che ho del network su cui sto intervendo.

    In generale, ho sempre puntato sul fare, dire, organizzare cose che possano piacere o no, possano essere utili o no, ma non possano mai sembrare stupide.

    Altra cosa. Ho sempre pensato che anche il più orso, in fondo in fondo ha voglia di sorridere. Dare un modo per sorridere, porta molti più link che non la formula della bomba atomica.

    Reply
  • Al momento sono andato di 2, 4 e 6 e chiarmente la 6 è quella che voga di più. Però se raccontassi qualche storia spezzalacrime forse andrebbe meglio 😛

    Reply
  • Io ho potuto notare che le barzellette, specialmente di lunedì quando non si ha voglia di tornare al lavoro, funzionano 🙂 Peccato che non sempre si riesca a trovarne di davvero carine. Il flame, anche volendo scatenarlo, non ci riuscirei… sono una persona fin troppo pacifica per darmi a questo genere di attività. Il distinguersi dalla massa paga: quando ho parlato male dell’iPhone, ho ricevuto un link da Wikio e diversi commenti abbastanza contrariati 🙂

    Reply
  • Io non uso esche: è un problema questo? Insomma ho un blog, è mio e ci scrivo quello che mi pare 🙂

    Reply
  • Io punto esclusivamente sui contenuti, ma essendo di nicchia non è che paghino molto quanto a link bait… forse, più semplicemente, non sono di qualità come mi illudo che siano 😀

    Reply
  • Se è genuino il metodo 2 è quello che preferisco, anche perché tendo ad andare sempre contro la massa.

    Aggiungerei fare una parodia di qualche TopBlogger (cartone animato in flash e caricature per citare due già usati) e fare in modo che loro stessi ne parlino sul blog, linkando.

    Reply
  • Per il mio sito ho intenzione di puntare su video tutorial in italiano, che al momento scarseggiano nella nostra lingua. Ma non saprei a che punto associarmi, forse il 6?

    Reply
  • Personalmente preferisco il numero 6 anche se ovviamente è quello che occupa più risorse temporali e mentali imho ed appunto per questo è naturale arrivare ad avere link di ritorno in maniera non forzata.

    Forse invece il punto 5 alle volte ho notato viene over dosato esclusivamente per ottenere bl e quindi diventa un contest creato innaturalmente imho.

    Al punto 7 aggiungerei anche la key template (da leggersi per es. Temi per WordPress – scarica il mio :D)

    Reply
  • -bah, che post anaerobico e smaltito!
    -e poi il calcio fa schifo
    -mi hanno multato il cane per eccesso di velocità
    -un uomo caffè splash
    -amico! clicca qui per guadagnare 100eur garantiti
    -plugin chrome per firefox!
    -ho sviluppato un aggregatore di aggregatori

    come sto andando?

    Ciao,
    Espressione Regolare
    http://www.kappero.com

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Link bait: 7 tecniche per farsi linkare
Scroll to Top