Le tattiche SEO di SEOmoz

SEOmoz ha appena divulgato 56 slide estremamente interessanti, che potrei definire come la naturale evoluzione dei Search Engine Ranking Factors V2 (ricerca che ha oramai sulle spalle più di 2 anni di vita).

Ti consiglio di leggerle tutte con estrema attenzione, ma nel caso avessi proprio pochissimo tempo eccotene un sunto:

L'importanza dei singoli fattori nell'algoritmo di Google

I fattori più importanti sono il trust/autorità del dominio, la link popularity, l’anchor text dei link esterni e l’uso delle parole chiave all’interno della pagina. Questi 4 elementi hanno una influenza superiore all’80% ai fini del ranking. Qui

Link Popularity rulez

possiamo notare come oggi, nel 2009, sia ancora la link popularity a regnare, mentre i contenuti hanno un peso molto poco rilevante ai fini del posizionamento.

L’uso delle parole chiave
Riveste un fortissimo impatto la presenza delle keyword nel title (possibilmente come primo termine) e anche nel nome a dominio. Meno importanza ha invece la presenza della parola chiave nel sottodomini, sottodirectory e URL della pagina. Confermato il valore dell’uso della keyword negli Headline Tag (da H1 a H6).

I fattori non legati ai link
Svettano su tutto i contenuti unici, seguiti dalla “freschezza” degli stessi (capito il motivo per cui certi blog si posizionano così bene? 🙂 ). Confermato il fatto che la presenza di pubblicità (di qualsiasi genere, inclusa AdSense) non ha alcuna influenza. E potendo scegliere, meglio utilizzare URL statici piuttosto che dinamici.

Le metriche dei link
Quattro le cose dal grandissimo impatto:

  1. la link popularity globale del dominio
  2. l’affidabilità del dominio (basata sulla “distanza” dai domini ad alto trust)
  3. la link diversity del dominio (basata sul numero/varietà di link provenienti da domini unici diversi)
  4. i link da siti autorevoli di un argomento affine a quello trattato

I fattori di posizionamento “geografici”
Più o meno confermato quanto diceva Matt Cutts in questo video: l’estensione del dominio riveste una grande importanza, unitamente all’ubicazione del server e ai link in ingresso (che, possibilmente, dovranno provenire dalla stessa area geografica).

Il futuro del posizionamento (nei prossimi 5 anni)
L’ipotesi più accreditata è la seguente: pur mantendo una certa rilevanza, i link perderanno progressivamente di importanza a favore di fattori “social” o legati all’uso che l’utente fa del sito. Un’altra “corrente” crede invece che verrà drasticamente modificato il modo con cui i link verranno conteggiati/pesati.

Contenuti e link
Gli ottimi contenuti sono inutili, se nessuno li linka 🙂
Quale tecnica utilizzare per farsi linkare? randfish suggerisce di far leva su queste 6 emozioni:

  1. rabbia
  2. orgoglio
  3. eccitazione
  4. stupore
  5. invidia
  6. condivisione

Tattiche di link building
Visto che i link hanno ancora una enorme importanza, come fare per prendere buoni link? ecco le 4 tecniche più gettonate:

  1. creare contenuti di grande valore
  2. bloggare e interagire con la blogosfera
  3. utilizzare tecniche di link baiting, produrre contenuti virali
  4. acquistare link diretti da siti/webmaster (ebbene sì!)
Condividi questo articolo:
Default image
Max Valle
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.