Le 4 penalizzazioni di Google

google dont be evil
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Parliamo oggi di un argomento che, ciclicamente, torna in auge: quello delle penalizzazioni, ovvero del veder scomparire (o quasi) il proprio sito dalle pagine di Google.

Per cominciare ti suggerisco la (ri)lettura di uno “storico” post del buon dechigno (che tra l’altro spiega molto bene la differenza fra sito bannato e sito penalizzato) e anche di dare un’occhiata a questi articoli di Francesco “mister.jinx” Tinti, altro noto “studioso di penalizzazioni” (nonchè di diversi brevetti di Google).

In aggiunta proseguo con i 4 flag indicati qualche giorno fa da Ann Smarty, ovvero i 4 segnali che possono aiutarti a capire in pochi istanti se il tuo sito è stato colpito dall’ira funesta di Google 🙂

Improvviso calo del traffico proveniente da Google (o perdita improvvisa di posizioni per alcune chiavi importanti)
Come già discusso in un altro articolo, questo tipo di penalizzazione è in grado di colpire tutto il sito (magari a causa di una sovraottimizzazione off-site, come ad esempio una campagna di link building troppo aggressiva), oppure una singola pagina (in questo caso può trattarsi invece di un problema interno). Allo stesso modo, il calo può colpire tutte le chiavi principali, oppure solo una piccola parte di queste.

Enorme differenza di rank fra una query effettuata su Google.xx rispetto ad una effettuata sul singolo database
Su questo punto non ci sono conferme ufficiali, ma alcuni webmaster hanno notato un posizionamento molto più in basso del loro sito in google.com rispetto ad una ricerca effettuata sul singolo IP di un datacenter.

Il tuo dominio non si trova al primo posto cercandolo con [tuodominio.com]
Questo è il sintomo di una penalizzazione se accade su siti con una certa anzianità (non su siti nuovi, dove può succedere).

[site:tuodominio.com] ritorna 0 risultati
Questo è il flag più pericoloso: può significare qualcosa di veramente grave (come un errore nel file robots.txt, nei robots meta tag o nel redirect), oppure che hai fatto qualcosa di davvero brutto (come una grossissima violazione delle linee guida di Google). In quest’ultimo caso, sistema tutto e solo quando il tuo sito è perfettamente pulito manda una richiesta di riconsiderazione.

Sei d’accordo con quanto dice Ann? Cosa aggiungeresti? 🙂

Ispirato da: 4 Google Penalty Flags : Have You Been Penalized by Google?

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

16 Comments

  • un sito che amministro è uscito da una penelizzazione lunga un anno. Sono state provate tutte le strade per diversi mesi. Ma nulla.
    Dopo diverso tempo, tentando l’ultima disperata mossa, sono state eliminate tutte le pagine in lingua straniera (francese, inglese, tedesco) rimuovondole anche dall’indice di google tramite l’apposito strumento sull’account di google stesso.
    Dopo soli 2 giorni fine della penalizzazione. é stato solo un caso???
    Chissà, ma intanto il sito è ritornato.

    Reply
  • Brutto brutto quando si vede sparire il proprio sito su google.
    Io invece è da qualche mese che sto litigando con le serp perchè ho 2 siti, su 2 server diversi, che hanno di differente solo l’estensione (ilmioip.info e ilmioip.org) e da qualche mese si scambiano le posizioni nella serp, ho fatto che metterci un rederict e per ora è su il dominio principale, però non mi spiego questa fluttuazione e questo scambio.
    Almeno a sto giro è stato premiato con un pagerank 1 http://www.ilmioip.info e ora cercando il mio ip sta salendo e ha gia superato qualche veterano.

    Reply
  • Onestamente ho moltissimi contenuti a tema.

    Il mio sito è cresciuto costantemente per 4 anni, poio un calo improvviso per 2 mesi, poi 5 giorni di up e adesso ancora down…

    Reply
  • Suggerisco di aspettare anche fino ad una settimana prima di allarmarsi. Io al terzo giorno l’ho fatto … poi vero che ho dato un paio di colpetti, ma alla fine tutto e’ tornato normale dopo una settimana esatta da quando, nonostante non avessi segnali di penalizzazione o ban .. il sito di un mio cliente era scomparso per tutte le keys.

    Reply
  • x me è dovuto al fatto che per siti/key abbastanza ma non molto visitate (all’interno di un certo range), non avendo una grande mole di dati per dire con certezza quali sono le pagine migliori google:

    – vuole premiare un po’ tutti quelli sufficientemente meritevoli mettendoli in rotazione
    – vuole acquisire informazioni su come si comportano gli utenti di fronte a serp diverse per la stessa key e quindi capire quali sono le pagine più pertinenti

    una volta comprese le migliori pagine (o siti) le stabilizza in alto, mentre le altre continuano la danza

    Reply
  • @Cisco: no, credo che forti oscillazioni in Google appena dopo l’indicizzazione della pagina siano normali. La pagina entra in una certa posizione, il motore la “digerisce” e la valuta con più calma, e quindi prende il posto che “merita”.

    @Federica: in questo post parliamo di siti spariti dalle pagine di Google, non di quelli eliminati da AdSense… si tratta di due mondi completamente diversi: puoi benissimo non essere presente in Google ma avere un account AdSense perfettamente funzionante (e viceversa, ovviamente 🙂 ).

    Reply
  • Se non altro un modo di sparire da adsense esiste…io invece vorrei sparire da adright ma non trovo nessun modo…

    Reply
  • No. Continua il movimento sinusoidale, anche se nel lungo periodo. In sostanza ci sono periodicamente (ogni 3 o 4 mesi) una quindicina di giorni di “boom” in cui triplicano le visite, tutte da google, che dà un risalto maggiore a quel sito nelle serp. E, ripeto, in assenza di alcun significativo cambiamento né “insite” né “offsite”.

    Reply
  • Anche io ho riscontrato più volte su alcuni miei siti minori l’effetto “sinusoide” denunciato da Massimo. E non sono mai riuscito a spiegarmelo, in assenza di forti scossoni nei link in ingresso o nell’aggiornamento.

    Reply
  • se una pagina dopo una prima indicizzazione quasi immediata, sparisce per un paio di giorni e poi torna in prima posizione, può considerarsi penalizzazione?

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Le 4 penalizzazioni di Google
Scroll to Top