Home » Seo » Il Lazy Loading secondo Google (e per la SEO)

Il Lazy Loading secondo Google (e per la SEO)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Hai presente quando navighi col browser una lunghissima pagina piena zeppa di immagini, e mentre scendi verso il basso hai l’impressione che queste immagini vengano caricate man mano che scorri la rotellina del mouse? Ebbene, non è un’impressione: stai navigando su un sito che ha implementato il lazy loading.

Cosa significa Lazy Loading?

Letteralmente significa “caricamento pigro”.

In realtà è un caricamento on demand, ovvero che avviene su richiesta, quando quella determinata porzione di pagina/contenuto è necessaria all’utente.

Esempio di Lazy Loading

Che tipo di contenuti vengono caricati tramite Lazy Loading?

In teoria è possibile caricare qualsiasi script, in pratica viene utilizzato principalmente per le immagini (e in qualche caso per i video): in altre parole, per tutti i contenuti considerati “pesanti”.

Perché è importante implementare il Lazy Loading?

Perché velocizza il caricamento della pagina (soprattutto se questa è lunga e contiene molte immagini), e quindi offre una miglior esperienza d’uso all’utente.

Come certamente saprai, la velocità e la user experience sono fattori tenuti in grande considerazione da Google (soprattutto via mobile).

Esistono plugin di WordPress che possono aiutarmi?

Sì, basta cercare “lazy load” nella directory dei plugin e ne troverai parecchi (totalmente gratuiti).

Il lazy loading è integrato anche in alcuni plugin per la cache, come WP Fastest Cache.

Lazy Load in un plugin per la cache di WordPress

Infine puoi trovare il lazy loading anche all’interno di alcuni temi WordPress. Per esempio è presente in Schema, il tema che utizzo sul TagliaBlog.

Lazy Load in un tema WordPress

Cosa dice Google a riguardo?

Google ti dice di stare attento. 🙂

Perché? Perché se non implementi correttamente il lazy loading, rischi che il bot NON possa scansionare e indicizzare certi contenuti… con tutte le conseguenze del caso. E infatti ha reso disponibile di recente una guida, che è intitolata proprio “Make sure Google can see lazy-loaded content” (ovvero “assicurati che Google possa vedere i contenuti caricati tramite lazy loading”).

Questi i 3 consigli (molto tecnici) di Google:

  1. Carica il contenuto quando visibile nel viewport: per garantire che il Googlebot possa vedere tutti i contenuti della tua pagina, assicurati che l’implementazione del lazy loading carichi tutto il contenuto rilevante ogni qual volta è visibile nella finestra (viewport), utilizzando l’API IntersectionObserver e un polyfill.
  2. Supporta il “caricamento paginato” nel caso di scroll infinito: fai in modo di implementare un sistema che linki univocamente gli specifici punti del contenuto (e non l’inizio della pagina), in modo che gli utenti possano condividere (e accedere a) tali link. Google raccomanda di usare History API per aggiornare l’URL quando il contenuto è caricato dinamicamente.
  3. Testa il corretto funzionamento del lazy loading: puoi farlo utilizzando lo script Puppeteer (una libreria Node.js) in locale. Una volta eseguito lo script, analizza manualmente lo screenshot che ha generato per assicurarti che tutti i contenuti siano visibili e indicizzati dal Googlebot.

Supporto lazy loading a livello browser

Il 6 Agosto 2019, Google ha ufficialmente annunciato il supporto nativo al lazy loading a livello di browser!

A partire dalla versione 76 di Chrome, sarà possibile usare un nuovo attributo per caricare le risorse in modalità lazy-loading, senza la necessità di scrivere un codice custom o usare una libreria JavaScript separata.

Se sul tuo sito/blog hai implementato il lazy load, e vuoi raccontarmi la tua esperienza, posta pure un commento qui sotto.

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Ciclo di vita di una startup

Una startup dalla nascita fino al consolidamento sul mercato o almeno fino alla perdita dei requisiti propri di una startup, attraversa diverse fasi, le quali

Perché molte startup falliscono?

Molti giovani aspiranti startupper troppo spesso rinunciano all’idea di costituire una startup innovativa spaventati dalla possibilità che l’idea possa non avere successo e comportare il

4 risposte

  1. Ciao Davide,
    grazie mille per l’articolo!
    C’è un modo (un tool o anche un check manuale) per capire se su una qualunque pagina (o sito) è implementato il lazy-load?
    Grazie ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *