La pubblicità va cambiata

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Sul fatto che la pubblicità (soprattutto quella online) sia in una evoluzione perpetua, non ci sono dubbi: a più riprese, sulle colonne di questo blog, ho parlato parlato di banner morti e di scivolamento lento e inesorabile verso logiche a me avverse, come quelle di un certo tipo di buzz o di infiltration marketing.

Ma qualcosa bisogna pur fare, perchè la pubblicità ha avuto un pesantissimo crollo di consensi nel decennio 1997-2008, come dimostra questo sondaggio condotto da Astra Ricerche (e contenuto nel primo capitolo di Invertising, di Paolo Iabichino).

Il crollo del consenso nei confronti della pubblicità, confrontando il 1997 col 2008

Invertising significa invertire il senso di marcia della pubblicità.

Significa sostituire commercial con content, communication con conversation, push con pull, monologue con dialogue, consumer con user, impactful con useful, execution con experience, presence con relevance, contact con connect, promotion con education, global con social, aesthetics con ethics, ability con responsibility, shopping con sharing, persuasion con permission.

Tutto fantastico, ma evitiamo di sostituire da un giorno all’altro banner con buzz, per carità! 😀


Autore
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
Latest Posts
  • Google search
  • Sviluppo App
  • Google shopping
  • Facebook rooms

13 Comments

  • @Lorenzo:vero. C’è il Cluetrain Manifesto di mezzo. Ricordo a tutti, però, che quelle sacrosante 95 tesi sono ancora ignorate bellamente dalla maggior parte dei ceo/dm e decision maker all’interno delle aziende e della agenzie. Forse voi siete più fortunati di me, ma nelle mie esperienze d’aula – l’ultima in bocconi ieri – studenti prossimi alla laurea o appena laureati, ti guardano con gli occhi a punto di domanda quando citi il CM e li inviti ad andare sul sito di luisa per impararlo a memoria…

    Il fatto che qualcuno di noi sia più consapevole di questi temi, non significa che questi siano diffusi e condivisi da tutti. Ed è questo il passo successivo da fare.

    Reply
  • A me sembra che naturalmente ci si stà spostando a tipi di promozione basate sul contenuto (quantomeno sul web).

    Comunque io continuo ad avere la mia teoria che nel medio lungo periodo il mercato ottiene ciò che vuole (e le aziende con un approccio marketing based sanno dare al mercato ciò che chiede), quindi se il mercato smetterà di accettare la pubblicità “classica” per forza di cose i metodi di promozione si evolveranno (come stà accadendo).

    Reply
  • Bellissimo il video, ne avevo già sentito parlare, e sinceramente concordo con quanto scritto da Alex: non è colpa di nessuno, è la naturale evoluzione che avviene in tutte le cose, su internet, nel search, nell’advertising tutto si muove ancora più velocemente, dunque… Cavalcare l’onda resta sempre la parola chiave =)

    Reply
  • Benes. Il tuo commento mi sembra un po’ troppo frettoloso… Magari avessi scritto “la risposta della Ogilvy” a Lovemark di Saatchi… Invertising è molto molto più modesto…

    Reply
  • Ciao, a dire il vero non mi sembra una novità. E’ parecchio tempo che ci si è accorti che il cliente non è una pedina ma che va curato come un amico e che il potere sta nella mente dei clienti-utenti-amici-famiglia.

    Questa della Ogilvy mi sembra una risposta ai concetti di Lovemark della Saatchi, la prima che ha ufficializzato la filosofia di concentrarsi sulle emozioni, quindi di conseguenza sulle persone.

    Sono cambiati i tempi e il modo in cui la massa si relaziona con i prodotti, quindiil metodo di veicolare i prodotti. Tutto qui…c’è chi lo fa naturalmente già da anni…

    Reply
  • Io ce l’ho messa tutta nel cercare di (de)scrivere cos’è accaduto e cosa sta accadendo. Spero che riusciate a leggere anche cosa potrebbe accadere nel futuro prossimo venturo, se tutti (senza sconti) provassimo a invertire la rotta… 😉

    Reply
  • Ok Beniamino, chiedo perdono avevo frainteso. Concordo su quanto dici delle molte imprese poco innovative… il discorso in questo caso fila. Credo però, detto tra noi, che se presto non ci sarà da parte loro una inversione di tendenza rischieranno guai seri 🙂

    Reply
  • @ Alessandro Sportelli. Forse devo precisare il termine “colpa”. Ho la sensazione che da qualche tempo le aziende si siano (passami il termine) appiattite su quello che la gente vuole, e che vuole quotidianamente. E contemporaneamente che hanno “mollato il colpo sul concetto di desiderio latente, anche sogno mi piace. C’è un esempio che mi piace tantissimo (non è mio): se io devo fare un buco in un muro ho bisogno di un trapano: e allora le aziende giù a fare trapani, punte speciali, ti raccontano tutto e di più dei trapani e delle punte. Ma in realtà il mio vero desiderio è fare un buco. E comprerei qualcosa per fare un buco anche se non è un trapano. E se questo passaggio venisse fatto prorpio dalla PMI ho la presunzione di credere che ci sarebbe un movimento concreto verso la soluzione della crisi. Ecco secondo me questa è la “colpa” delle imprese. Non propongono soluzioni prorpie, propongono quello che già c’è. Poi perchè questo avviene posso solo supporlo, ma in maniera talmente soggettiva, da non essere ne interessante ne sufficcente da dare colpe. E su questo hai pienamente ragione

    Reply
  • Sinceramente credo non sia colpa di nessuno, nè delle imprese nè dei pubblicitari 🙂 credo si tratti di un cambiamento naturale. Tutto sommato credo che la pubblicità sia nata proprio quando non esisteva altro modo per comunicare ai potenziali clienti l’esistenza di alcuni prodotti… ok poi si è evoluta ma oggi non si può dire sia utile quanto 40 anni fa e di conseguenza la gente che più che di pubblicità ha bisogno di informazioni sa come trovarle in maniera alternativa. Credo che colpe non ce ne siano 🙂

    Reply
  • ho letto il primo capitolo del libro e ho avuto un scabio di battute via facebook con “invertising” che qui riporto…
    ” … il primo capitolo mi ha lasciato aperte due domande: la prima è che il “pubblico” che dovrebbe essere vittima in realtà è carnefice (o cosi sembra). La seconda: quanta responsabilità ha avuto il (troppo) rapido diffonderesi della rete rispetto alla lentezza della percezione della rete stessa, e rispetto al fatto che “le brutte notizie” arrivano prima e la rete su questo è maestra, e al contrario la lentezza della pubblicità di essere per le persone, chiusa nel suo mondo. Dove è il problema? Dopo aver letto il libro ti dirò se ho trovato risposta alle mie domande.”
    ancora non sono andato a comprare il libro, ma ho l’appunto sulla agenda.
    devo dire che “invertising” è stato molto attento al suo “cliente”, mi ha risposto e mi ha scritto: …
    ” … Beniamino, di nome e di fatto.. 😉 Fammi sapere quando hai finito di leggere se hai trovato risposta alle tue domande. In caso contrario chiedi pure il rimborso all’editore. Mi sembra che qui ci sia la giusta causa… ;-)”
    a parte lo scambio di battute l’argomento è serio: io credo che la pubblicità stia lentamente morendo più per colpa delle imprese che non creano (e a proposito di ieri) e non fanno marketing, che per colpa dei pubblicitari.

    Reply
  • Mik. Qualcosa si sta già facendo. E sembra proprio funzionare. Siamo in Beta, caro Mik. Non tutti quelli che sperimentano nuove strade ottengono gli stessi risultati, ma ci sono ottimi segnali di cambiamento. Ti aspetto al varco… 😉

    Reply
  • “Dite che va cambiata? Beh intanto cambiatela voi, poi se sembra che funzioni, la provo senza impegno.”
    Questo filtro mi ha salvato da tanti investimenti (in tempo e denaro) che sarebbero stati in perdita.

    Reply

Rispondi

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO GRATUITO
ancora per i prossimi

Giorni
Ore
Minuti
Secondi
anzichè 399€+iva