La mia esperienza di blogger

Partecipo volentieri all’iniziativa di Giorgiotave, che chiede ai blogger di scrivere un post sull’esperienza di gestione del proprio blog, oltre ad un consiglio finale.

L’esperienza
Apro il TagliaBlog nel lontano 2002, quando Blogger/Blogspot non era ancora parte di Google, ma di una sconosciuta società chiamata Pyra Labs.
Allora seguivo alcuni blog italiani (fra i quali Cavedoni, Weblogz, SkipIntro e Verba Manent), molti dei quali spariti, o radicalmente cambiati nel corso del tempo, e pensai fosse giunto il momento di aprire anche il mio.
Da quando utilizzo internet (ovvero una dozzina d’anni), ho sempre avuto la mania di provare tutte le novità nuove e curiose (e soprattutto gratuite :-)), che trovo sulla mia strada: il blog mi aveva subito colpito per quella piccola-ma-grande diversità che aveva con il sito web.
Si, perchè fino (più o meno) a inizio millennio, il sito l’avevano in pochi, e comunque non era (generalmente) un qualcosa di interattivo (= non c’erano i commenti), oltre a non essere “tecnicamente” alla portata di tutti (FTP? HTML? con Blogger potevi anche non sapere cosa significavano questi termini).
Fomento (negli USA avrebbero detto “evangelizzo” :-D) tutti i miei amici/conoscenti all’uso del blog, ma sono io il primo, solo 1 anno dopo, a chiuderlo.
Già, perchè fondamentalmente lo trovavo inutile, senza senso, non mi ci riconoscevo.
Un annetto fa, spinto da alcuni amici (alcuni dei quali avevo fatto aprire tempo prima il blog :-)), riapro il TagliaBlog.
Fino grossomodo a 5-6 mesi fa, lo trascino senza passione.
Poi, di colpo, mi decido a dedicargli, sistematicamente o quasi, almeno 5 post alla settimana, nell’ambito di ciò che mi piace (SEO, SEM, web marketing e advertising).
Ed ecco che il blog prende quota, mi diventa simpatico, e l’appuntamento col post giornaliero (generalmente notturno) è un piccolo momento di felicità quotidiana.

Il consiglio
Aprite un blog solo:

  1. se siete già abituati a tenere un diario;
  2. se avete tempo da dedicargli, sistematicamente;
  3. se avete spesso qualcosa di cui parlare;
  4. se siete particolamente ferrati su di un certo argomento;
  5. se avete voglia di leggere i commenti a ciò che scrivete (e quindi rispondere);
  6. se siete pronti ad ascoltare, e non avete paura delle critiche;
  7. se il vostro ego è piuttosto grosso;
  8. se non vi demoralizzate se inizialmente nessuno vi legge;
  9. se avete già un pubblico di amici/parenti/conoscenti/colleghi che pende dalle vostre labbra;
  10. se siete in 2 o più persone a gestirlo (e quindi potete “darvi il cambio” e spronarvi a vicenda col passare del tempo).

Se vi ritrovate in molti dei punti di cui sopra, il vostro blog prospererà e crescerà, dandovi anche delle soddisfazioni.
Altrimenti, se lo aprirete “per imitazione”, perchè è di moda, perchè ce l’hanno tutti, dopo pochissimo lo chiuderete (o, peggio, vi scorderete pure l’indirizzo): fate quindi in modo di non lasciare l’ennesima orrenda zattera abbandonata nel mare di internet 🙂

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

3 Comments

  • Strano a dirlo, ma io ho fatto il tuo stesso tragitto.
    Spinto dalla voglia di provare tutti i prodotti che il web metteva in vetrina, aprii anche io il mio blog.

    A caccia delle novità, della voglia di sapere e affamato di quell’irrefrenabile sete di conoscenza che mi avrebbe portato a discutere di qualsiasi cosa attinente al web ha fatto si che tralasciassi alcune cose. Troppe cose. Troppe cose iniziate non portate a termine.
    Ancora oggi mi arrivano milioni di e-mail partite dalle numerose newsletter a cui ero iscritto.
    Una giorno decisi addirittura di incominciare a cliccare quel tasto “unsubscrive”, ma arrivato a circa un 200 click, persi la pazienza e lasciai perdere.

    Non trovo sia facilissimo usare questa piattaforma, ma, attenzione, non per le possibilità che ti concede, piuttosto per una mia idea di formattazione del blog che, ancora adesso, non riesco ad ottenere e per mancanza di tempo e perché del codice ci capisco ancora pochino.
    Colgo anche l’occasione per chiederti in che modo è possibile modificare il blog come hai fatto tu.

  • Le piccole modiche che ho fatto a questo blog, le ho applicate con le mie limitate conoscenze di HTML ad un modello di Blogger assolutamente standard.
    Ora sogno un nuovo layout un pò più “pulito” (e magari che riprenda il look&feel di http://www.tagliaerbe.com), speriamo che qualche volontario si faccia avanti 😀

  • Quanto sono vere quelle dieci regole.

    Un caro amico e tuo collega dice saggiamente “Ho un blog perchè ho delle cose da scriverci, ogni tanto. Non è che siccome ho un blog allora devo scriverci qualcosa!”.

    Moreno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy