La guida definitiva alla scrittura per blogger

Dopo la guida per blogger di Google (che ho pubblicato 4 giorni fa), oggi è il turno di un altro ottimo vademecum, definito da Copyblogger come The Ultimate Blogger Writing Guide.

Se la guida di BigG offre indicazioni su come creare un blog Google-friendly, quella di Dean Rieck è invece dedicata totalmente a “come scrivere”; eccotela tradotta:

1. Metti il lettore al primo posto

Scopo dello scrivere è quello di una chiara, a volte persuasiva, comunicazione. Nulla a che vedere con te e le tue brillanti idee. Se scrivi solo per impressionare, distrarrai il lettore dal contenuto. Una buona scrittura è come la vetrina di un negozio. Dovrebbere essere pulita e chiara, e consentire una visione completa di ciò che c’è dentro.

2. Organizza i tuoi pensieri

Non hai bisogno di un elenco dettagliato di ciò che stai per scrivere. Ma hai sicuramente bisogno di sapere cosa vuoi dire prima di dirlo. Se ti trovi bene col tipo di schemi che hai imparato a scuola, usa quelli. In caso contrario, butta semplicemente giù una lista organizzata di punti che ritieni importanti. Elimina quindi tutte le idee non direttamente correlate a questi punti.

3. Utilizza paragrafi brevi

Guarda un qualunque giornale e prendi nota di come sono i paragrafi. Son fatti in quel modo per rendere la lettura più semplice, perchè il nostro cervello riesce ad assimilare meglio le informazioni quando queste sono suddivise in piccoli pezzi. Nella scrittura tradizionale, ogni paragrafo dovrebbe sviluppare una sola idea e includere diverse frasi. Ma nel blogging lo stile è più informale, e i paragrafi possono essere costituiti da una sola frase o addirittura una sola parola.

4. Usa frasi brevi

Dovresti usare frasi brevi per lo stesso motivo per cui utilizzi paragrafi brevi: sono più facili da leggere e da capire. Ogni frase dovrebbe includere un unico, semplice pensiero, altrimenti si rischia di creare complessità e confusione.

5. Utilizza parole semplici

Visto che il tuo obiettivo è quello di comunicare e non di impressionare, le parole semplici funzionano meglio di quelle difficili. Scrivi “ottieni” invece di “procura” (questa frasetta non è traducibile al meglio in italiano: sarebbe Write “get” instead of “procure.”). Scrivi “usa” invece di “utilizza”. Usa più parole solo se ti è impossibile esprimere il concetto con una parola sola.

6. Sii specifico

Non scrivere “molti dottori raccomandato la medicina X”. Scrivi “il 97% dei dottori raccomanda la medicina X”. Non scrivere “il prodotto è disponibile in vari colori”. Scrivi “il prodotto è disponibile nei colori rosso, verde, blu e bianco”. Vai al punto. Dì quello che vuoi dire. Usa nomi specifici.

7. Scrivi in uno stile colloquiale

C’è un segnale stradale vicino a dove abito che mi irrita ogni volta che lo vedo. Dice: “mantieniti sulla corsia attuale”. Perchè è così formale? non sarebbe meglio: “resta nella tua corsia” oppure “non cambiare corsia”? Se scrivi come se indossassi cilindro e guanti bianchi, è chiaro che crei una certa distanza tra te e chi ti legge.

8. Sii chiaro

E’ probabilmente la regola più importante di tutte. Senza chiarezza, ciò che scrivi è un fallimento a tutti i livelli. Sarai sicuro di essere chiaro solo quando il lettore avrà perfettamente capito il significato di ciò che avevi in testa. E’ questa la difficoltà. Guarda ciò che hai scritto con un occhio obiettivo. Considera che potrebbe essere frainteso, e riscrivilo. Trova quello che è irrilevante, ed eliminalo. Prendi nota di ciò che manca, e inseriscilo.

Se fallisci, è perchè probabilmente non hai nulla da dire, sei troppo preoccupato a guardare il modo in cui scrivi o entrambe le cose.
Se segui i suggerimenti qui sopra, eviterei questo e molti altri problemi.
Inoltre ti accorgerai che i tuoi scritti saranno più vivaci, ricchi di significato, e anche più redditizi.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

13 Comments

  • Io aggiungerei:

    9. Scrivi titoli interessanti per un lettore umano non solo per Googlebot…

  • Mi ha colpito molto il punto 6: mi sembra più un punto rivolto al Google-Friendly, oltre che al “come-scrivere”.. perchè dice di specificare ed essere dettagliato, quindi più parole più contenuti unici.. comunque molto importante per ambe due le guide sicuramente..

  • @timendum: beh, è definitiva secondo il punto di vista di Dean Rieck 🙂
    Inoltre il concetto di “definitivo”, espresso in quel mio post, è un pochino diverso: se avessi pubblicato”la guida definitiva per blogger” avrei esaurito un filone. Ma qui, di definitivo, c’è solo il “ramo” relativo alla “scrittura”.
    Quindi (solo per farti un esempio) potrei scrivere in futuro “la guida definitiva alla scelta della piattaforma per blogger”, oppure “la guida definitiva ai plugin di WordPress”… basta usare un pò di fantasia 😉

  • Mi ha sempre divertito la tendenza della blogosfera anglofona a scrivere banalità come se si trattasse dell’epifania della Verità.

  • Seguo a ruota Mushin e sono assolutamente d’accordo con lui. Infatti, oltre a non amare questo genere di post (non la tua traduzione, Taglia, gli originali), sopporto a fatica il loro essere portatori di verità assolute e definitivi. Così, a pelle.

  • beh son d’accordo a metà.. in effetti in alcune culture basta leggere un manuale per diventare medico, se ti ammali a Londra e vai a fare una visita il dottore apre il manuale e cerca i tuoi sintomi..
    Nella blogosfera quindi valgono poche regolette pronunciate a mo’ di santone…
    Tuttavia, da neonata blogger, apprezzo anche queste “banalità” perchè riescono a fissare alcuni punti importanti per una scrittura valida.

    p.s non sono d’accordo però sul punto “6. Sii specifico” , quella è una regola del giornalismo.. e non è detto che debba essere applicata nel nostro contesto.

  • Il mio consiglio, è quello di estrarre da queste guide ciò che c’è di buono, scartando il resto.
    Eppoi, soprattutto nel campo della scrittura, ognuno ha il suo stile… 😉

  • Speriamo che sia proprio la guida definitiva e che dopo non ne scrivano più.

  • Molti sono dell’opinione che dare del tu sia giusto, credo però che vadano distinti i casi, anche in base a quello che vuole essere il sito.
    Probabilmente per un blog puro va più che bene dare del tu ma sinceramente credo che utilizzare toni più formali in determinati siti web sia necessario e non infastidisca l’utente, anzi!

  • E’ evidente che il “definitivo” quì svolge un ruolo di potenziamento dell’headline. Serve a incuriosire a non a sugellare formule di verità.

    A Dean Rieck non interessava tanto fissare delle regole eterne – consapevole del fatto che la “parola scritta”, con tutte le sue possibili combinazioni, non si presta a simili processi regolamentativi – ma piuttosto farci leggere il suo post.

    Riuscire, tuttavia, a farne uno schema (più o meno valido), è ammirevole, anche quando le cose dette possono apparire banali.

    Ma poi chi stabilisce il confine a partire dal quale le informazioni sono banali per i lettori?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy