Keyword Density, qual è la percentuale ideale?

La keyword density è il numero di volte (espresso in percentuale) in cui una determinata parola chiave – o una keyphrase – compare all’interno di una pagina web, comparata al numero totale delle parole presenti nella pagina: in pratica, come dice lo stesso termine, è un valore che esprime la “densità delle keyword” all’interno del documento.

Ma esiste una keyword density ideale, una percentuale “magica”, soprattutto dal punto di vista SEO? Questa la risposta di Matt Cutts:

Molte persone pensano che ci sia una sorta di ricetta, come quella per fare i biscotti, e che se la segui alla lettera potrai posizionarti al primo posto in Google.

E invece non funziona così, non è così che funzionano i motori di ricerca.

I moderni search engine – o almeno Google – sono fatti in modo che la prima volta che menzioni una parola il motore pensa “Hey, interessante, parla di questo termine”, e quando ripeti nuovamente la parola “OK, si parla ancora di questo”; ma quando inizi ad inserire il termine troppe volte, non ti aiuta più di tanto. Il beneficio incrementale non è così evidente.

E se insisti a ripetere il termine più e più volte, rischi di finire nell’area del keyword stuffing, dei contenuti senza senso, o cose del genere.

Pertanto, la prima o seconda volta che citi un termine, potrebbe esserti d’aiuto per il ranking; ma questo non vuol dire che inserirlo 7 o 8 volte ti farà scalare posizioni.

Il modo corretto di porsi è dunque questo:

  • pensa alle parole chiave che ti piacerebbe avere nel tuo documento
  • assicurati che il documento sia abbastanza lungo per poterci inserire le keyword in un modo naturale, e non in modo artificiale
  • leggi il documento ad alta voce, oppure leggilo a qualcuno o fattelo leggere da qualcuno, e chiedigli: “Trovi ci sia qualcosa di artificiale/artificioso o che sembra contorto e poco chiaro?” Se la lettura risulta naturale e chi ascolta non ne risulta infastidito, allora hai fatto un buon lavoro

Riassumendo, non esiste una regola ferrea: se c’è chi lo dice, è perché potrebbe cercare di venderti un “keyword density software” o qualcosa del genere.

Assicurati solamente di inserire nella pagina le parole chiave che desideri, e che il documento sia leggibile in modo naturale.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

17 Comments

  • Ciao, direi che a ridosso del 2012 possiamo anche smettere di parlare di keyword density, lo si è detto centinaia e centinaia di volte 🙂

    Senza polemica!
    Ciao

  • mha…io credo che ancora qualcosina conti..che ci volete fare..sarò antico..

  • Sempre molto pedagogico il nostro Matto, e soprattutto al passo coi tempi.

    Nella comunità dei SEO non si fa altro che parlare della keywords density … correva l’anno 2003.

  • La KEYWORD conta ancora è la DENSITY che ormai è anacronistica 😉

    (sono stato un pò criptico?)

  • EmanueleEMC, altro che criptico. Hai ragione. Density ormai è vecchio, Keyword ovviamente è la parola che i SEO si sognano anche di notte … e non solo loro 🙂

  • Si…e poi mi raccomando, non fate i cattivi con i vostri amici e donate qualche euro al mendicante la domenica fuori dalla chiesa…

    🙂

  • @Massimo
    giusto per rimanere in tema “criptico” 🙂

    OT
    A proposito di donazioni, usciamo domani sul nostro Blog con un articolo “bomba” 😉

    @Daniele
    Density = Related + Similar/Synonyms + Context

  • Era tanto che non sentivo parlare di keyword density. L’argomento è interessante perchè serve a sottolineare una cosa da sempre fondamentale: quando si scrive un contenuto sul web e per il web, bisogna farlo pensando all’utente e non al motore di ricerca.

    Personalmente non mi sono mai fatto “pippe” mentali su come e dove e quando posizionare una keyword e la scelta è stata sempre ripagata.

    Ciao 😉

  • Ok tutto vero, la kw density non conta nulla.

    Allora perché se creo tre pagine con lo stesso titolo e H1 ma con testi diversi e lunghi uguali al primo posto ho il testo generato prendendo a caso delle parole dal dizionario ma con una kw density 14%, secondo classificato il testo scritto in italiano ma riempito di kw con kw density 10% e terzo il testo scritto in italiano e con una kw density di 3% ?

    (Naturalmente si tratta di un esperimento, NON sto consigliando di riempire alla follia di keyword i vostri testi)

  • Voglio essere criptico anche io, dicendo che ci si parlerà sempre di density fino a quando si parlerà di keyword 😉

  • Ciao,
    si in effetti anche io penso che tornare sempre su questo (o altri) concetti già detti e ridetti sia un pò ripetitivo; oramai ogni buona guida seo riporta questo e altri concetti che sono la base dell’ottimizzazione interna di una pagina.
    A me personalmente, diciamo come regalo di natale, mi piacerebbe ricevere dal TagliaBabboNatale 🙂 un bell’articolo sulle nuove prospettive, frontiere e tecniche SEO che l’avvenire sta preparando… Una panoramica che dall’alto della sua slitta (a forma di tagliaerbe naturalmente!) lui può già vedere e che invece a noi comuni piccoli seo è ancora preclusa la vista 🙂
    Grazie per tutto,
    ciao e auguri!

  • @Sergio

    Quello che dici può essere vero, ma può non essere vero 🙂
    Dipende da molti fattori, primo su tutti la tipologia di KEY
    (e questa è la prima forza di Google)

    Poi comunque quello citato può essere solo e soltanto un esperimento perche nella realtà un post cosi ha vita (relativamente) breve
    (altra forza di Google….. Panda etc.)

  • Io credo solo ad una cosa, se Matt (Google) dice che le keywords non contano, significa che ha (hanno) “paura” delle keywords.

    Ho sempre pensato che non fosse necessario esagerare (anzi) nell’inserimento delle keywords, però, scrivere un articolo al limite del keyword stuffing, si posiziona ugualmente (purtroppo).

  • Quello che piu’ mi stupisce, al di la del discorso Keyword Density, e’ come Matt continui a raccontare un sacco di barzellette riguardo la seo e tutti lo stanno ancora ad ascoltare…

  • Non esiste una percentuale ideale.
    Ascoltate i vostri amici quando parlano.
    Ce n’è uno che ripete sempre “cioè”, l’altro che dice sempre “c…o”, e così via. Vi risultano piacevoli o no?
    Appunto…non si può valutare solo in base alla kw density, ma bisogna per forza prendere in considerazione altri fattori e la kw density è solo uno di questi.
    Alla fine il risultato che bisogna ottenere è che in google webmasters tool, nel tab ottimizzazione -> parole chiave, la kw di nostro interesse appaia tutta bella blu.
    Stattem’bbuon’

  • Personalmente penso che le keyword density sia un ottimo metodo per salire su Google se e solo se va da una percentuale dal 2 al 5% massimo su un articolo al di sopra delle 150/200 parole. Tutti i vari elementi tra i quali anche la keyword density andranno a determinare il posizionamento del sito e delle vostre pagine. Poco ma sicuro.

  • La cosa migliore è fare il contrario di ciò che dice il caro Mar. A parte gli scherzi, ciò che è davvero importante a mio avviso, è che il testo che andiamo a realizzare sia di buona qualità, e che non sia scritto solo ruotando intorno alla parola chiave. Sarebbe buona cura usare anche sinonimi e variare la parola, anche perché una keyword density troppo elevata sarebbe innaturale, ed oltre a rendere il testo meno naturale, alla lunga potrebbe portare ad una penalizzazione.

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social
Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top