Il ritorno dei “bottoni sociali”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Non so se ci hai fatto caso o meno, ma io ho notato che, da qualche tempo a questa parte, son tornati di moda i bottoni sui blog.

Sto parlando di quei bottoni/icone, solitamente poste al termine degli articoli, che consentono di condividere/diffondere il post su varie piattaforme sociali. E che forse ora un po’ di senso iniziano ad avercelo.

I social 1.0

Ricordo che 2-3 anni fa si utilizzavano barrette sociali piene zeppe di icone… che nessuno cliccava. Non ho mai capito se la colpa fosse imputabile al tipo di utenti (sembra che gli italiani fatichino a condividere risorse di altri…) o al tipo di servizi (magari diffusissimi all’estero ma sconosciuti da noi), sta di fatto che era molto difficile che qualcuno avesse la voglia di divulgare al mondo l’articolo appena letto su un sito/blog.

Dobbiamo anche dire che il concetto di social era parecchio differente: per esempio era strettamente imparentato con quello di bookmark. E’ davvero così utile inserire un link fra i preferiti del proprio account di Google Bookmarks, My Yahoo!, Windows Live o Ask MyStuff? e anche inserendolo in del.icio.us c’era ben poca “socialità” in quel gesto, ben poca (se non nulla) interazione con gli altri.

Facebook + Twitter + Google Buzz… e basta

Oggi, dopo alcune “mode passeggere” (ricordi OkNOtizie? 🙂 ), si è arrivati ad utilizzare (quasi) esclusivamente 3 bottoncini, ovvero quelli di Facebook, Twitter e del neonato Google Buzz.

Da 2 giorni li ho inseriti anche sul TagliaBlog, utilizzando i seguenti plugin:

• per Facebook, FaceBook Like Button Plugin for WordPress
• per Twitter, TweetMeme Button (sostituito poi da TweetButton da quando Twitter, il 12 Agosto 2010, ha rilasciato i suoi Tweet Button ufficiali).
• per Google Buzz, WP Google-buzz (eliminato poche settimane dopo causa scarsissimo utilizzo da parte dei lettori).

L’obiettivo? agevolare la diffusione dei contenuti di questo blog. Fare in modo che quanto postato fra le strette pareti del blog esca e rimbalzi altrove. E anche ottenere, a colpo d’occhio, delle simpatiche statistiche. Per esempio, Facebook Share (New) Button offre un quadro d’insieme di questo tipo:

Analisi di Facebook Share (New) Button

Mentre TweetMeme Button, oltre a rigirare il link del post all’interno delle story di tweetmeme, offre delle “analisi” dettagliate su ogni singolo articolo:

Analisi di TweetMeme Button

Qual’è la tua esperienza con i “bottoni sociali”? Hai notato un aumento del traffico verso i tuoi post? Oppure continuano ad essere inutili icone?

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

14 Comments

  • Ho fatto lo stesso ragionamento sul mio blog…e ho tolto il plugin “sociable” che permetteva di inserire TUTTI i social network possibili immaginabili….per optare per tre soli link, facebook twitter e buzz appunto. Stesso ragionamento quindi 🙂

    Reply
  • In firma trovate una discussione interessante nata proprio da un articolo su blographik che trattava lo stesso tema: Quali bottoni usate per la condivisione social?

    Alla fine, per ora sto utilizzando tweetmeme e facebook, google buzz per motivi di tempo non l’ho ancora attivato, prenderò spunto dal taglia per fare un nuovo test ;).

    Reply
  • Ciao Davide, per una volta non siamo in sintonia 😀

    Diciamo che non concordo con te sul Titolo e prime righe:

    Non so se ci hai fatto caso o meno, ma io ho notato che, da qualche tempo a questa parte, son tornati di moda i bottoni sui blog.

    I bottoni non sono mai spariti dai blog, ognuno li ha usati a modo proprio. E non c’è un ritorno di moda, si sono aggiunti i social.

    Sicuramente, le prime righe del tuo blog rispettano la tua esperienza col tuo blog, ma da quello che ho visto in giro i bottoni ci sono sempre stati.

    Nei gt study day del 2009 ho iniziato a sparare a zero sui bottoni dei bookmark in favore di quelli dei social.

    Per questo motivo posso affermare quanto ho detto, ho scambiato esperienze in questo campo per tutto il 2009.

    Da quello che ho notato, prima avevamo:

    – persone che usavano i bottoni dei social bookmark
    – persone che non li usavano

    Ora è successo questo:

    – persone che hanno sostituito i bookmark ai social
    – persone che li hanno aggiunti insieme ai bookmark
    – persone che hanno aggiunto solo i social
    – persone che ancora non usano nessun bottone

    Secondo me, sono aumentati di tanto le persone che hanno aggiunto solo i social…prima non avevano i bottoni dei bookmark perchè erano, di fatto, inutili.

    Condivido la tua scelta su questo blog ;

    Reply
  • Personalmente ho rimosso il mese scorso i tasti social (dati gli scarsi banefici che ne ottenevo) a fondo degli articoli e li ho sostituiti con un icona che collega ai feed, attualmente mi trovo soddisfatto della mia scelta 🙂

    Reply
  • scusate ragazzi.. ma forse c’è qualcosa che nn va con il mio sito. ho installato il bottone di facebook e sembrerebbe funzionare.. ma a parte “aumentare il numerino” mi spiegate l’utilità di questo pulsante? inoltre ho visto le statistiche e mi trovo un articolo con 64 Comment Counts (che me par strano).. riuscite a illuminarmi? :-/

    Reply
  • In effetti hai sollevato una questione interessante, anche io mi chiedo spesso se siano utili ho meno “i bottoni sociali”

    A volte mi chiedo ma oltre ad utilizzarli io una volta pubblicato un post, c’è qualcuno che li utilizza per condividere?

    Purtroppo per il momento la risposta è ancora negativa; ma sono fiducioso sull’utilizzo che se ne farà in futuro.

    Reply
  • Sinceramente io li ho messi un po’ di tempo fa (assieme all’icona dello sharethis)…ma che io sappia lo uso solo io..alla fine è comodo in questo modo condivido su Twitter, Fb e OkNotizie direttamente dal mio blog, senza dover aprire ogni singolo sito e copiare il link 🙂

    Reply
  • “sembra che gli italiani fatichino a condividere risorse di altri”. This.

    Reply
  • Concordo con la tua scelta dei tre Social anche perchè il web è veramente orientato fortemente al sociale. La moda dei bottoni relativi ai vari aggregatori di news (OkNotizie, Diggita ecc) sembra effettivamente sparita..ne trovo sempre meno.
    Mia esperienza : più condivisioni su Twitter che su Facebook. Buzz mi sembra ancora troppo acerbo per portare evidenti vantaggi in termini di traffico

    Reply
  • Tempo fa(uno/due anni fa) avevo messo i bottoni social classici su alcuni siti, fra cui SeoPoint. L’utilità era molto ma molto poca sinceramente, anche perché non erano funzionali come quelli di adesso: nessuno cliccava e li usavo solo io per segnalare gli articoli nei siti di social bookmarking.

    Da poco invece ho riadottato Tweetmeme che:
    – E’ funzionale ed utile
    – Non è molto invasivo
    I risultati sono ottimi: porta ad ogni articolo sempre quei 20-25 visitatori in più che non fanno male!
    Ho messo anche facebook e Google Buzz l’avevo lasciato in disparte, ma se hai deciso tu di metterlo: proviamoci 😉
    Ciao
    Paolo

    Reply
  • Bottoni:
    per Facebook i tempi sono maturi da un pezzo;
    Per Twitter lo saranno a breve;
    Per Buzz siamo ancora alla preistoria.

    Facebook ha già moltissimi utenti anche nel panorama nazionale ma non conosco appieno lo strumento poichè ho avuto sempre una certa avversione che mi sto sforzando di modificare tempo permettendo.

    Twitter: genera traffico eccome. Sia diretto che indiretto.
    Al momento però è utilizzato relativamente poco in Italia (usato sopratutto da utenti avanzati) ma il trend è in crescita.

    Più gli utenti comprenderanno l’utilità di questo strumento più traffico sarà generato dal cinguettatore azzurro.

    Mi permetto anche di dissentire dai diversi commenti che ho letto in alcuni post di questo blog secondo cui Twitter fa solo perdere tempo.

    Semmai è il contrario, adottando i dovuti accorgimenti.

    Opinioni negative non fanno altro che allontanare nuovi utenti dal social in questione, a discapito di blogger e web writers.

    Buzz: si possono fare solo delle ipotesi. Al momento c’è di sicuro che è usato da moltii utenti avanzati e quindi solo di nicchia.

    Profanamente (non ho ancora avuto modo di approfondire bene), mi viene un altro dubbio: sarà l’ennesimo strumento di Google che nasce e muore nell’arco di poco tempo?

    Facebook, Twitter, Buzz: di sicuro c’è che si può iniziare ad attaccar bottone.

    Reply
  • Secondo me i bottoni sociali diventeranno sempre più importanti, in quanto il traffico proveniente dai social tende ad aumentare, e gli utenti ora sono anche più maturi ed utilizzano di più questo tipo di strumenti.

    Probabilmente quando, come dici te, 2 anni fa alcuni in Italia iniziarono a metterli, da noi l’utenza non era pronta come lo era in America (e pure là ritengo che 2 anni fa non lo fossero ancora), e quindi non servivano a nulla…

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Il ritorno dei “bottoni sociali”
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi